Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Afghanistan, il G7 di Biden non conta più. Ora guardano tutti al G20 di Draghi

Appare ormai evidente che dopo il ritiro dall'Afghanistan gli Stati Uniti abbiano meno influenza sui partner globali. Ora per capire il destino di Kabul bisogna includere Russia, Cina e India

24 Agosto 2021

Italiani morti in Afghanistan, Draghi: "Il loro sacrificio non è stato vano"

Mario Draghi (fonte foto Lapresse)

Si apre un G7 teso, nel quale i partner presenteranno il conto del fallimento in Afghanistan agli Stati Uniti. Il primo ministro britannico Boris Johnson sta facendo pressione sul presidente statunitense Joe Biden per evitare il completamento del ritiro entro il 31 agosto. Ma l'amara realtà è che il G7 è un meccanismo che ormai rischia di contare meno di quanto non contasse fino a qualche tempo fa. La caduta di Kabul e la presa di potere dei talebani hanno reso chiaro, se ce ne fosse bisogno, che il ruolo di leader globali degli Usa è quantomeno in decrescita. Ecco perché tutti guardano ora al G20, perché appare ormai inevitabile coinvolgere anche altre potenze e altri attori nel dialogo sulla crisi afgana. In particolare Russia, Cina e India.

Afghanistan, bozza G7: "Non riconoscere unilateralmente il regime talebano"

"Nessun Paese riconosca unilateralmente il regime talebano, occorre un coordinamento con il Consiglio di sicurezza dell'Onu". E' quanto si legge nella bozza della dichiarazione dei leader del G7 che si riuniranno alle 15.30, secondo un'anticipazione di Al Arabiya. Nella dichiarazione i leader confermano la loro "solidarietà con il popolo afgano". Ma, come detto, si tratterà per forze di cose di un passaggio interlocutorio in attesa del G20. 

Afghanistan, ma ora il G7 è più debole. Aspettano tutti il G20

E per questo assume un ruolo fondamentale l'Italia, vista la presidenza di turno italiana del meccanismo che include anche Mosca, Pechino e Nuova Delhi. Non è un caso che nei giorni scorsi sia il premier Mario Draghi sia il ministro degli Esteri Luigi Di Maio abbiano più volte insistito sulla necessità di coinvolgere nel processo di soluzione della crisi anche il Cremlino e i due giganti asiatici. Draghi ha parlato al telefono con Vladimir Putin e sta cercando di raggiungere anche Xi Jinping, dopo che Di Maio ha parlato con il collega cinese Wang Yi.

Ma in generale anche Unione europea e Regno Unito guardano a quel meccanismo, coscienti che al di là della retorica da bar, serve pragmatismo e dunque anche intermediari per dialogare coi talebani, coi quali d'altronde hanno sempre dialogato anche gli americani per arrivare all'accordo che ora fa improvvisamente tanto scandalo.
 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x