Giovedì, 26 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Nexi, Visconti: “Utilizzare l’intelligenza artificiale per transazioni digitali sicure e semplici, per un’economia più sostenibile”

Laura Visconti, Head of Business Operations and Risk Prevention di Nexi racconta a Il Giornale d’Italia il progetto A.I. real fraud detection system for transactions, selezionato da Banca D’Italia per supportare Milano Hub

11 Marzo 2022

Nexi, Visconti: “Utilizzare l’intelligenza artificiale per transazioni digitali sicure e semplici, per un’economia più sostenibile”

Migliorare la gestione e la prevenzione delle frodi digitali tramite l’intelligenza artificiale. È questo l’obiettivo del progetto di Nexi, selezionato dalla Banca d'Italia per supportare lo sviluppo di Milano Hub, il centro di innovazione realizzato per sostenere l'evoluzione digitale del mercato finanziario e favorire l'attrazione di talenti e investimenti.

Nexi: intelligenza artificiale contro le frodi digitali

Il progetto si inserisce in un momento in cui i pagamenti digitali non solo sono in crescita, ma stanno diventando un asset sempre più strategico per il Paese e per l’Europa. Nel 2021 infatti Nexi, azienda italiana che offre servizi e infrastrutture per il pagamento digitale per banche, aziende, istituzioni e pubblica amministrazione, ha gestito 8.850 milioni di transazioni per la parte Merchant Services & Solutions e 9.714 milioni di transazioni per la parte Cards & Digital Payments e investito ai massimi livelli in Europa in tecnologia e innovazione. Fornire una transazione digitale sempre più sicura e semplice è tra gli obiettivi ora dell’azienda, come conferma a Il Giornale d’Italia Laura Visconti Head of Business Operations and Risk Prevention di Nexi.

- Con il vostro progetto “A.I. real fraud detection system for transactions” siete stati selezionati dalla Banca d'Italia per supportare lo sviluppo di Milano Hub, di cosa si tratta?

“Abbiamo presentato a Banca d’Italia un’idea che risponde a quello che era la loro proposta e cioè quella di capire come utilizzare l’intelligenza artificiale dentro soluzioni che portino valore, che siano sostenibili, realizzabili e che abbiano una valenza di sistema. Per questo progetto, che ci sta molto a cuore, abbiamo già elaborato delle soluzioni che riguardano l’uso dell’intelligenza artificiale nei modelli di fraud detection e fraud prevention. Rendere sicuro il pagamento digitale è un obiettivo quotidiano per Nexi non solo per proteggere i propri titolari, ma anche per creare fiducia e sviluppare sistema.”

- Qual è l’ulteriore aspetto innovativo di questo progetto?

“Noi crediamo che l’intelligenza artificiale possa sviluppare delle soluzioni più articolate nella capacità di individuare e discriminare tra comportamento genuino e comportamento probabilmente fraudolento durante le transazioni digitali. Quindi la fraud detection in questo caso è fondamentale e l’intelligenza artificiale è una tecnologica che ci consente di diventare più efficaci e più precisi, analizzando una massa di dati estremamente elevata in tempi molto rapidi e fornendo una risposta in merito alla valutazione della rischiosità di una transazione. Queste tecnologie ci consentono di sviluppare modelli per valutare in tempo reale la rischiosità di una transazione e prendere una decisione in base alla valutazione del rischio relativo alla transazione stessa. L’elemento innovativo nel progetto è il fatto che non vogliamo solo limitarci ad analizzare la semplice transazione, ma con l’intelligenza artificiale analizziamo in generale il comportamento dei nostri titolari a 360°, che va oltre il semplice acquisto, ma su come interagisce con noi con i canali digitali, come utilizza l’app o il portale. Questo modello consente di essere più precisi nel discriminare quello che è genuino e quello che non lo è.”

- Questo è importante anche per la prevenzione del rischio?

“Assolutamente sì, l’idea è di valutare la transazione in tempo reale per bloccare la transazione non genuina prima che venga autorizzata. Questi modelli intervengono in maniera preventiva per evitare che la frode avvenga e questa è la grande sfida. Inoltre proprio perché le dinamiche di frode cambiano molto rapidamente, l’intelligenza artificiale consente l’autoapprendimento, questi modelli sono in grado, attraverso l’analisi dei dati, di individuare il cambio di frode per essere più precisi nell’individuazione del problema e della prevenzione. Quindi la nostra sfida è usare al meglio la tecnologia, in particolare l’intelligenza artificiale Machine learning per individuare le transazioni ad alto rischio, individuare il frodatore, fermarle e mettere in sicurezza gli acquisti dei clienti.”

- Come si svilupperà ora questo progetto?

“La proposta è quella di sviluppare un ulteriore modello con Banca d’Italia che si specializzi nell’e-commerce, un mondo in rapida crescita, con un contenuto fortemente innovativo, ossia non fermarsi solo a valutare la transazione, ma tutto il customer journey del cliente. Le chiavi tipiche di successo sono la frode prevenuta e “i falsi positivi”, un buon modello deve individuare prima la frode ed essere preciso nella valutazione per avere un’esperienza di acquisto più semplice possibile. Per sviluppare il progetto ci sarà un team congiunto Nexi e Banca d’Italia all’interno di Milano Hub. La proposta di Banca d’Italia era presentare delle idee per svilupparle insieme, questo è un nuovo approccio per sostenere direttamente lo sviluppo di progetti con le società vigilate.”

- Come Nexi come utilizzate le nuove tecnologie e lo sviluppo tecnologico soprattutto per le sinergie con le banche?

“Noi utilizziamo le nuove tecnologie e in particolare il Machine learning nelle situazioni di fraud detection e mettiamo queste soluzioni a disposizioni delle nostre banche partner per proteggere i loro clienti.”

- All’interno del tema della gestione frodi e delle transazioni sicure si sviluppa anche quello della sostenibilità

“Garantire transazioni più sicure è fondamentale nell’ottica di un’economia più sostenibile. La sostenibilità, lo sviluppo del pagamento digitale passa per la sua sicurezza, la nostra ambizione è rendere il pagamento digitale sempre più sicuro e semplice. La capacità di analizzare le transazioni, di distinguere tra il comportamento genuino e quello fraudolento e di prevenirlo oggi ci dà la possibilità di dare ai nostri clienti un’esperienza più semplice, la cosiddetta esperienza di acquisto frictionless soprattutto nel mondo del pagamento e-commerce. La nostra ambizione è di evolvere sempre di più sia nell’anticipare la frode e nella valutazione della rischiosità della transazione, per consentire delle esperienze di acquisto sempre più semplici. La normativa europea che riguarda i pagamenti digitali consente agli operatori come Nexi, di praticare le esenzioni alle autenticazioni dei pagamenti e renderli così più semplici e sicuri, il nostro obiettivo finale.”

 

 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x