Martedì, 25 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Ripresa? Di più, rimbalzo da record. Le aziende italiane vanno meglio del 2019

Il ciclo di espansione economica dell'industria italiana continua. I conti non sono solo in clamoroso miglioramento rispetto al 2020, ma anche in netta avanzata rispetto all'era pre Covid. Tutti i numeri

09 Agosto 2021

Ripresa? Di più, rimbalzo da record. Le aziende italiane vanno meglio del 2019

Non solo una banale ripresa, ma un vero e proprio rilancio. Anzi, un "rimbalzo prodigioso", per riprendere le parole utilizzate da Fabio Storchi, presidente di Unindustria Reggio Emilia, che parla di qualcosa "mai visto prima" ad Affari&Finanza. Tutti gli indici parlano di una ripresa imponente e, soprattutto, con prospettive di lunga durata. A partire dalle aziende manifatturiere, che sono protagoniste di un forte ciclo espansivo anche grazie ai fondi pubblici messi in campo dall'Unione europea e dai governi nazionali. 

A Piazza Affari conti migliori del 2019

La fiducia è fortissima, come dimostra un sondaggio secondo secondo il quale la maggioranza dei manager crede di concludere nuovi investimenti in Italia nel 2021. A riflettere in maniera plastica la forza della ripartenza italiana i conti di Piazza Affari, dove le 40 aziende dell'indice Ftse Mib hanno realizzato 272,4 miliardi di ricavi fin qui: quattro volte meglio del 2020 (+380%) ma meglio anche del 2019 (+22%). E se aspettarsi una crescita imponente rispetto al primo anno pandemico era piuttosto prevedibile, lo era molto meno il fatto che la crescita fosse maggiore anche rispetto all'era pre Covid. E invece così è. 

Numeri "prodigiosi": il rilancio italiano

Secondo i dati di Intermonte elaborati per Il Sole 24 Ore, le 40 aziende dell'indice Ftse Mib hanno realizzato 272,4 miliardi di ricavi con utili netti per 23,7 miliardi. Numeri clamorosi, o per tornare agli aggettivi iniziali, "prodigiosi". Facciamo qualche esempio concreto. Stellantis, nel primo semestre, ha visto ricavi netti per 75,3 miliardi, in crescita del 46%, e un utile mostre di 5,9 miliardi. La forza dei numeri registrati ha portato il gruppo italo-francese ad alzare al 10% circa le stime sul margine operativo per l'intero esercizio.

Benissimo Pirelli e Leonardo

Dati strepitosi anche per Pirelli, che ha realizzato 131,6 milioni di utili e i risultati sono stati "supportati dalla generale ripresa della domanda e dai programmi chiave del piano industriale 2021-2022/2025".  Benissimo anche Leonardo, che ha visto crescere i ricavi (+7,9% a 6,3 miliardi), gli ordini (+9,5%) e soprattutto i margini, con l'Ebitda balzato del 37%. Ma gli esempi sono tanti: la produzione aumenta, così come aumentano le esportazioni. Basti pensare agli ordinativi realizzati da Fincantieri, per esempio in Indonesia. E, in definitiva, aumentano i conti. 

Le imprese del made in Italy stanno vivendo un particolare momento di espansione: c’è fiducia e gli investimenti corrono. Tutto lascia pensare che durerà.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x