Martedì, 25 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Polonia, donna morta in ospedale mentre era in attesa di un aborto: proteste nella capitale

Un mancato aborto ha causato la morte di una donna in Polonia. Sono partite le manifestazioni nella capitale polacca. Per coloro che chiedono il diritto di abortire non sarebbe la prima vittima della legge anti aborto varata in Polonia

03 Novembre 2021

Manifestanti polacche contro la legge anti aborto

Fonte: Twitter (https://twitter.com/ChiaraSuriani/status/1322483502152114177/photo/1)

In Polonia una donna è deceduta dopo che i medici non le hanno praticato l'aborto. Sembrava che ormai per il feto non ci fosse nulla da fare dato che era privo di liquido amniotico. I medici, però, hanno preferito aspettare il decesso naturale del feto piuttosto che che far abortire la donna, condannandola così al fatale destino. A rendere noto il motivo del ricovero è stata l'agenzia di stampa Associated Press.

La Polonia ha una delle leggi più severe in materia di aborto

I medici e le autorità non hanno rivelato l'identità della donna ne le cause del decesso, ma la stragrande maggioranza dei sostenitori polacchi del diritto ad abortire è sicura che la causa del decesso sia stato il mancato aborto. A dare man forte a questa ipotesi, che sembra essere l'unica possibile, c'è anche l'avvocato Jolanta Budzowska, grande sostenitrice del diritto all'aborto. Da quando in Polonia è stata varata una legge che ha inasprito le regole sull'interruzione di gravidanza molti medici non hanno più praticato aborti. La conseguenza di tale morte è stata una catena di solidarietà nei confronti della donna deceduta. Molti hanno voluto accendere una candela di fronte al tribunale costituzionale, altri hanno deciso di protestare in piazza, a Varsavia, contro l'aspra norma che vieta l'aborto.

Negligenza o timore della legge anti aborto?

Se da un lato si è impazienti e vogliosi di far prevalere un diritto, dall'altra parte c'è chi invita alla calma. Il governo polacco non si è ancora espresso sulla vicenda, ma il mondo religioso si. Cattolici e protestanti hanno chiesto di non agitare inutilmente le folle e valutare bene tutta la situazione per capire quale sia stata davvero la causa del decesso. Sebbene la legge sull'aborto in Polonia è estremamente severa, non vieta che questo venga eseguito se la madre è in pericolo di vita. Bisognerà dunque valutare se c'è stata negligenza da parte dei medici e quindi attribuire il decesso ad un caso di malasanità, o se c'è stato un effettivo rifiuto per paura di violare la severa legge polacca.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x