Giovedì, 26 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Significato emoticon Whatsapp, quando la stessa faccina rischia di essere un insulto

Nel mondo delle emoji e della messaggistica istantanea, comunicare tra diverse culture può rivelarsi un'impresa spinosa

20 Ottobre 2021

Emoji

Emoticon

Il significato delle emoji sulle app di messaggistica come Whatsapp o Telegram è da molti considerato un metodo di comunicazione universale. Ma dopo un'attenta ricerca dell'utilizzo della comunicazione iconografica attraverso diverse nazionalità, è presto risultato chiaro che la stessa emoticon può avere un significato completamente diverso in un'altra parte del mondo. Nell'era della comunicazione digitale che non conosce confini, essere al corrente di queste differenze può rivelarsi cruciale per non fare brutte figure. Ecco quali sono le faccine più utilizzate del web in tutto il mondo e quali non sono assolutamente da usare in contesti di messaggi con qualche amico del web straniero. 

Significato delle emoji, non tutto è come sembra

"Lost in translation", si chiamava un noto film con Bill Murray e Scarlett Johansson, ma cosa fare quando a rimanere intrappolati nella traduzione tra una lingua e l'altra ci sono delle immagini? Al giorno d'oggi non si scrive più solamente con le parole. Abbiamo invece integrato nella nostra comunicazione le emoji, piccole faccine più o meno elaborate che sostituiscono complicati messaggi. Vediamo allora come cambiano i vari significati a seconda del paese in cui la faccina è utilizzata. 

Le mani in preghiera
L'emoji con le mani congiunte non ha un solo significato. Negli Stati Uniti ricorda due mani che si danno il cinque. In diversi paesi d'Europa invece sono due mani in preghiera. Ancora diverso il significato che gli si dà in Indonesia, dove è un segno di gratitudine. 

La mano con il palmo alzato
Attenzione ad alzare la mano. Il palmo aperto è un segnale di approccio pacifico per la maggior parte del mondo. Ma non utilizzate questa emoji se state messaggiando con un pakistano. In Pakistan, il palmo aperto in questo modo è uno tra i peggiori insulti (detto laanat) rivolti al lettore.

Il pugno chiuso
Allo stesso in Messico il pugno alzato, che in paesi del Sud America ha preso il significato di resistenza, lotta e solidarietà tra amici, può essere visto in maniera negativa. Nelle chat messicane qualora compaia questa emoticon è tempo di lasciare la conversazione. L'interlocutore sta infatti facendovi l'equivalente del dito medio. 

Le mani a V di vittoria✌️
Questa emoticon vale nella vita reale tanto quanto nelle conversazioni digitali. Dove noi vediamo una V per vittoria, gli statunitensi vedono un'approvazione sarcastica, e se il tono della chat è piuttosto agitato, potrebbe arrivare a inoltrare un insulto poco carino. Lo stesso vale per le fotografie di persona. Rimane importante provare a non girare le due dita quando si sollevano per una foto, altrimenti un pubblico inglese e statunitense potrebbe leggerci un insulto pesante.

Significato delle emoji, risvolti politici e trappole in cui non cadere

Oltre alle emoticon che possono diventare insulti se traslate in paesi diversi dal nostro, ci sono casi molto più difficili da riconoscere perché hanno risvolti culturalmente specifici. Così, una faccina sorridente può essere interpretata alla stregua di un "vattelappesca" (per essere gentili) e un "ok" può diventare un segno di apprezzamento per tematiche filo razziste. Ecco alcune emoji da evitare e quali sono i retroscena politici che le caratterizzano.

La faccina sorridente  
Uno smiley innocente. E invece è un modo sarcastico di dissentire. Questo è quanto accade nella Repubblica Popolare Cinese se nelle conversazioni su Internet compare la faccina sorridente. Non è ancora chiaro come e quando il significato di questa emoji sia cambiato, ma pare che la generazione Z e i millennials siano gli artefici di questa metamorfosi. 

Le mani a "ok"
Niente dice "ok" a livelli internazionale come pollice e indice uniti. Eppure negli Stati Uniti questa faccina è diventata il simbolo della destra estremista. Tutto è cominciato quando i partecipanti di un blog di estrema destra hanno avuto bisogno di trovare un modo di comunicare segreto anche online, che esprimesse le loro posizioni senza incorrere in multe e sanzioni. Adesso però il trucco è uscito allo scoperto, e utilizzare l'ok nei commenti su social media e blog può essere interpretato come favoreggiamento di alcune posizioni discutibili.

Ospedale o Hotel?
Ancora guai da oriente, dove l'immagine dell'ospedale, indicata da una casetta con una H sopra, significa ben altro. Se ricevete questa emoji in una chat con un vostro interesse amoroso, e vi trovate in Giappone, allora preparatevi a una serata di fuoco. In Giappone non si tratta di un ospedale, ma di un Hotel dell'amore.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x