Sabato, 28 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Legge di bilancio, il nuovo emendamento del governo: dal taglio dell'Irpef al bonus tv

Il governo ha presentato un emendamento omnibus alla legge di bilancio che prevede una serie di novità: dal taglio dell'Irpef alla rateizzazione delle bollette

17 Dicembre 2021

Legge di bilancio, le nuove proposte del governo: dal taglio dell'Irpef al bonus tv

fonte: Twitter

Novità in arrivo nella legge di bilancio 2022, con il governo ha ha di recente presentato un emendamento omnibus contenente tra le altre cose un nuovo taglio dell'Irpef e il rifinanziamento del bonus tv. Secondo l'emendamento presentato in commissione in Senato il nuovo sistema di prelievo fiscale si baserà solo su quattro aliquote, e non più su cinque com'è stato finora. Previsto inoltre un fondo emergenziale speciale per quei settori maggiormente colpiti dall'emergenza Covid, vale a dire turismo, spettacolo e industria dell'automotive.

Legge di bilancio, l'emendamento del governo

La novità più importante dell'emendamento presentato in commissione è sicuramente la rimodulazione dell'Irpef con prelievi che passano da cinque a quattro aliquote. Per la precisione il prelievo sarà del 23% per i redditi annui fino a 15mila euro, del 25% per i redditi tra i 15mila e i 28mila, del 35% tra i 28mila e i 50mila e infine del 43% per i redditi superiori a 50mila euro. Per la fascia di reddito più bassa resta inoltre il bonus da 100 euro. Bonus che rimane in parte anche per i redditi fino a 28mila, al fine di evitare che qualche contribuente possa finire per rimetterci denaro con il mix tra nuova Irpef, detrazioni e assorbimento del bonus.

Inserito nell'emendamento anche l'esonero dei contributi previdenziali di 0,8 punti percentuali per i lavoratori dipendenti (ad esclusione dei rapporti di tipo domestico) che percepiscono una retribuzione massima di 2.692 euro al mese, vale a dire 35.000 euro annui considerando le tredici mensilità. Il governo ha in seguito spiegato che si tratta di una misura eccezionale relativa solo all'anno 2022.

Previsto inoltre un dilazionamento delle bollette di luce e gas in arrivo con le fatture tra gennaio e aprile, che potranno essere rateizzate dalle imprese in dieci tranche senza interessi. L'emendamento prevede infatti l'obbligo per le aziende di offrire un piano di rateizzazione ai clienti domestici con inadempienze. Con questa norma l'Arera dovrà dunque definire gli anticipi da versare alle imprese erogatrici per compensare le rate, nonché le modalità di restituzione delle imprese stesse per consentire il recupero da parte della Cassa servizi energetici del 70% dell'anticipazione entro il 2022 e della restante quota entro il 2023.

Bonus tv rifinanziato per 68 milioni di euro

Previsto inoltre il rifinanziamento del bonus tv per 68 milioni di euro, a cui si aggiungono nuovi aiuti economici per quei settori duramente colpiti dalla crisi successiva al Covid. Il fondo da 150 milioni di euro, istituito al ministero dello Sviluppo Economico, sarà dedicato ai settori del turismo, dello spettacolo e dell'automotive. Spetterà poi ai rispettivi ministeri del Turismo, della Cultura e dello Sviluppo Economico definire le modalità di assegnazione e di erogazione dei sostegni, sempre nel rispetto "delle norme Ue sugli aiuti di Stato".

Inserito nell'emendamento anche uno stanziamento di 100 milioni di euro per la proroga degli incarichi temporanei del personale Ata, che consentirà di coprire circa 7.800 contratti a tempo determinato per il periodo compreso tra gennaio e giugno. Sempre per quanto riguarda la scuola saranno inoltre stanziati altri 20 milioni di euro per le scuole paritarie dell'infanzia. In questo caso i criteri di assegnazione ed erogazione saranno definiti dal ministero dell'Istruzione.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x