Venerdì, 01 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

25 aprile, rimettiamo al centro la Libertà: l'Italia ha bisogno di media autonomi e liberi

È il giorno in cui la Libertà dei popoli può diventare contagiosa

Di Marco Pozzi

24 Aprile 2022

frecce tricolori

Il 25 aprile 1945 Paolo Grassi diede vita a una grande festa popolare che continuò fino al 14 luglio, il giorno della presa della Bastiglia.

Tutta Milano ballava e cantava: le strade piene di musica e di gente che si abbracciava per festeggiare la Liberazione.

Oggi più che mai il 25 aprile ci chiede di mettere al centro la Libertà.

Per guardare senza veli e vedere cosa è oggi, nel nostro paese, la Libertà.

Quanto sia in pericolo per l’imposizione di un punto di vista unico, per la costruzione del nemico, per la rimozione e la demonizzazione della complessità.

È indispensabile ripartire dal giorno che ha reso possibile la stesura di una Carta Costituzionale che trasuda amore per la Libertà e che ripudia la guerra.

Abbiamo bisogno di occhi limpidi capaci di vedere quello che guardano, di coscienza e di spirito libero.

Dov’è l’anticonformismo degli artisti e degli intellettuali?

“Fuck Putin” urlato su un palco non è un atto di coraggio, è conformismo.

Abbiamo bisogno dei Roger Waters che ripudiano la guerra e lottano per la Libertà, dei David Lynch che promuovono progetti di costruzione di Pace.

L’Italia ha bisogno di media autonomi e liberi e di mettere al centro dell’azione politica e culturale la Libertà.

Solo così potremo essere protagonisti di una rivoluzione epocale per promuovere un’autonoma e forte iniziativa diplomatica ispirata dall’articolo 11 della Costituzione: “l’Italia RIPUDIA la guerra...”.

Un concetto rivoluzionario per un paese appena uscito dalla guerra civile.

Riprendere il senso profondo e il valore dell’articolo 11, mettere al centro dell’azione culturale e politica il ripudio della guerra inevitabile e necessaria, 

fermare la corsa agli armamenti.

Osare, con coraggio, per contagiare l’Europa e il resto del mondo con la Pace,

con un’iniziativa culturale e politica che usi questa guerra e i rischi enormi che comporta per promuovere il disarmo nucleare dell’Europa.

Il 25 aprile è nato per essere il giorno in cui le piazze abbracciano con gioia il ripudio della guerra.

È il giorno in cui la Libertà dei popoli può diventare contagiosa e travolgere il potere oscuro che continua a impedisce la liberazione di Julian Assange.

Di Marco Pozzi

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x