Sabato, 24 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Coppola, Intesa Sanpaolo:"Gallerie d'Italia a Torino, uno dei progetti italiani più suggestivi degli ultimi anni"

Michele Coppola al Giornale d’Italia: “Le Gallerie d’Italia sono un museo unico con caratura internazionale che ha quattro ingressi: Vicenza, Napoli, Milano e presto Torino. I nostri musei dimostrano come l’assunzione di responsabilità del privato possa divenire commitment, progettualità, impegno e azione”

20 Luglio 2021

Michele CoppolaExecutive Director Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo e Direttore delle Gallerie d'Italia, al Giornale d’Italia racconta il progetto per le nuove Gallerie d'Italia a Torino:

"Credo che il progetto di rinnovamento di Piazza San Carlo dell’Architetto De Lucchi sia uno dei più suggestivi negli ultimi anni in Italia. Lo inaugureremo nei primi mesi del 2022  e sarà  una sorpresa. Una sorpresa legata alla valorizzazione di ambienti un poco più conosciuti come le Sale del Piano Nobile e le Sale di Rappresentanza, ma soprattutto per la trasformazione della parte sotterranea: una manica lunga 70 metri, un caveau trasformato che diverrà probabilmente una delle sale multimediali più grandi di Italia"

"Credo che la logica sia quella di immaginare un contenitore eccezionale anche per la sua posizione ma che avrà un elemento distintivo assolutamente di primo piano” aggiunge. Le Gallerie d’Italia di Torino saranno  infatti concepite come un vero ponte tra arte e sociale:  “Sarà un luogo volto ad amplificare  i messaggi che decideremo di  affrontare attraverso la fotografia. Tra i temi il climate change, il rapporto uomo-ambiente, l’economia circolare, le riflessioni sul sociale e sull’economia.  Attraverso l’estetica della fotografia intendiamo aprire un dibattito con queste grandi esposizioni”.

Per quanto riguarda il cantiere napoletano Coppola ha spiegato: "Napoli è una città che ha dialogato tantissimo con le Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo. Il tema degli spazi è stata la ragione per cui abbiamo deciso di lasciare Palazzo Zevallos Stigliano per l’ex sede del Banco di Napoli in Via Toledo.  Facendo un investimento significativo abbiamo triplicato la superficie e aumentato le aule dedicate alle attività laboratoriali con le scuole. Le Nuove Gallerie d’Italia di Napoli vogliono essere una sorta di compendio del Progetto Cultura della Banca, con le collezioni di proprietà e con le mostre temporanee".

"Le Gallerie d’Italia sono un museo unico e nazionale con caratura internazionale che ha quattro ingressi: Vicenza, Napoli, Milano e presto Torino. Un impegno esplicito e iconico che la banca rinnova quotidianamente con programmi di studio, ricerca e valorizzazione della propria collezione e  condivisione di programmi e progetti con altre realtà".

"I nostri musei sono la testimonianza di quanto quella che un tempo veniva chiamata assunzione di responsabilità civile di un'impresa privata, possa divenire commitment, progettualità, impegno e azione", conclude.

Torna all'articolo

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti