Domenica, 29 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

A2A e Politecnico di Milano, Mazzoncini: "Insieme su progetti di innovazione e ricerca nell'Innovation District di Bovisa"

Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di A2a: "Con Politecnico abbiamo ora la possibilità di condividere un percorso comune: divenire protagonisti del processo di decarbonizzazione e rendere il Paese sempre più competitivo, in linea con quanto previsto dalle direttive europee”

09 Febbraio 2022

A2A e Politecnico di Milano insieme su progetti di innovazione, ricerca e formazione nel settore Energy & Utility

Il Gruppo A2A Life Company e Politecnico di Milano hanno stipulato due accordi - di valore complessivo di 8 mln di euro e una durata di 5 anni - per lo sviluppo di iniziative di innovazione, ricerca e formazione nel settore Energy & Utility. 

In particolare, tramite l’istituzione di un Joint Research Center verranno implementati progetti di sperimentazione multidisciplinari su temi specifici come la mobilità sostenibile, lo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’idrogeno, il riciclo delle batterie, lo studio di nuove tecnologie per il trattamento dei rifiuti e il recupero di materia ed energia, per un totale di 5 milioni.

A2A metterà a disposizione le proprie competenze e l’esperienza nel settore energetico e ambientale e si impegnerà a favorire il trasferimento tecnologico dal mondo della ricerca a quello industriale. Parallelamente, la partnership darà vita ad un Centro Congiunto di Ricerca e Innovazione all’interno del progetto Innovation District che il Politecnico di Milano sta sviluppando presso l’ex parco dei Gasometri nell’area di Bovisa e a cui A2A prenderà parte con investimento complessivo di 3 milioni di euro. Il centro Congiunto sarà dedicato interamente all’innovazione alle macro-aree tematiche “Tecnologie per l’ambiente e l’energia” e “Tecnologie per la mobilità sostenibile”, toccando anche i temi della transizione energetica e dell’economia circolare.

Il distretto dei Gasometri rappresenta un ecosistema ad alta rilevanza per l’innovazione e lo sviluppo della città di Milano che, a regime, ospiterà aziende, startup e nuovi spazi dedicati all’innovazione, oltre ad attività specifiche che punteranno a favorire il trasferimento tecnologico.

L’accordo è stato firmato dal Rettore del Politecnico Ferruccio Resta e da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di A2A, alla presenza del Presidente di A2A Marco Patuano, del Sindaco di Milano Giuseppe Sala e del Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana.

A2A, Mazzoncini: "A Milano attiveremo due cabine primarie per consentire la transizione energetica della città"

VIDEO- A2A, Mazzoncini: "A Milano attiveremo due cabine primarie per consentire la transizione energetica della città"

Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di A2A, a Il Giornale d'Italia

"Il piano industriale di A2A sta andando avanti molto più velocemente di quanto immaginavamo. A Milano nel 2022 attiveremo due cabine primarie, che connettono l'energia nazionale che arriva da Terna e le città. A Milano negli ultimi dieci anni ne era stata attivata solamente una nuova, ma la mobilità elettrica, le fonti di calore, i piani induzione, le pompe di calore e tutti i progetti di transizione energetica richiedono tanta più energia. Il lavoro che stiamo facendo in questo momento e la grande accelerazione di investimenti del piano industriale sono strettamente legati alla transizione ecologica."

Per quanto riguarda la Hydrogen Valley chiarisce: "La collaborazione con Ferrovie Nord e Snam sta proseguendo. A breve costituiremo una la società insieme per l'idrogeno verde che servirà ai treni della Val Camonica per muoversi nel 2021 tra Brescia ed Edolo".

Riguardo la crisi del caro energia, continua: "L'unica via per uscirne è la diplomazia internazionale e trovare un accordo con la Russia in modo che riapra le forniture. Sui progetti di A2A il caro energia non ha un impatto, ma ce l'ha per tutto l'ecosistema industriale che di questo sta soffrendo. Mi auguro che si riescano a trovare rapidamente delle soluzioni geopolitiche che lo risolvano".

A2A, Patuano: "Con il Politecnico di Milano lavoriamo su ricerca per la transizione energetica e riqualificazione urbana"

VIDEO - A2A, Patuano: "Con il Politecnico di Milano lavoriamo su ricerca per la transizione energetica e riqualificazione urbana"

Marco Patuano, il presidente di A2A, a Il Giornale d'Italia

"I due accordi stipulati con il Politecnico di Milano sono caratterizzati da due elementi importanti: uno è il finanziamento di un programma di ricerca, stiamo parlando di 5 milioni in 5 anni. Si tratta di ricerche sui due grandi capitoli dove noi siamo molto impegnati, tra cui quello della transizione energetica che si articola in vari sotto capitoli: dalla generazione di fonti rinnovabili fino all'idrogeno e i sistemi di accumulo. L'altro è l'economia circolare, che rappresenta l'altra metà della nostra attività. Il secondo accordo, invece, mira a un duplice obiettivo: la riqualificazione urbana dell'area dei gasometri della Bovisa e la creazione, al suo interno, di un luogo per le nostre ricerche, dove investiremo 3 milioni di euro".

"A2A nasce come società del territorio e non a caso i nostri principali azionisti sono Brescia e Milano, a cui da poco si sono aggiunti un'altra serie di comuni lombardi. Siamo nel settore idroelettrico della Valtellina, ma ora stiamo sviluppato una serie di progetti che riguardano la transizione nella mobilità. Tra questi la Hydrogen Valley e la creazione del primo treno a idrogeno che collegherà la Val Camonica senza più emissioni di CO2. Abbiamo, inoltre, moltissimi progetti che vanno dal biogas al biometano. Insomma, coinvolgiamo un vasto ecosistema di aziende in Lombardia: generiamo lavoro, generiamo PIL e questa è una cosa importante".

Politecnico di Milano, Resta: "L'attività di ricerca e di innovazione con A2A vuole essere un motore di crescita per la Lombardia"

VIDEO - Politecnico di Milano, Resta: "L'attività di ricerca e di innovazione con A2A vuole essere un motore di crescita per la Lombardia"

Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano:

"Oggi parliamo di energie per l'ambiente, di tecnologie per l'energia e per la mobilità. L'obiettivo è la transizione energetica, ma anche il posizionamento dell'Europa del nostro Paese e delle nostre imprese."

"Se vogliamo avete un valore aggiunto in termini competitivi in queste tecnologie bisogna ridisegnare i piani industriali del nostro Paese. L'attività di ricerca e di innovazione tra A2A e il Politecnico di Milano vuole dare un posizionamento nazionale all'ateneo ma vuole essere anche un motore per il territorio e per la regione Lombardia".

Giuseppe Sala: "La transizione ambientale di Milano è possibile solo spiegando ai cittadini come vivere in maniera sostenibile"

VIDEO-Giuseppe Sala: "La transizione ambientale di Milano è possibile solo spiegando ai cittadini come vivere in maniera sostenibile"

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala:

"La transizione ambientale di Milano è possibile solo coinvolgendo i cittadini, dicendo loro come spostarsi, riciclare e vivere in maniera sostenibile. L'accordo A2A e Politecnico di Milano è una modalità molto efficace per attuare questo cambiamento.

Milano ha sempre primeggiato nell'innovazione digitale e a favore dell'ambiente e dobbiamo continuare in questa direzione. La nostra amministrazione incoraggia questo progetto perché crea innovazione, lavoro e rende la città protagonista nell'economia nazionale".

Attilio Fontana: "Per Regione Lombardia la Legge 9 del 2020 è stata un piccolo PNRR

VIDEO - Attilio Fontana: "Per Regione Lombardia la Legge 9 del 2020 è stata un piccolo PNRR

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana:

"Ci sono le risorse per programmare il futuro, quelle della Lombardia possono realizzare il grande polo della ricerca e dell'innovazione di A2A e Politecnico. Si tratta di risorse che derivano dalla Legge 9 del 2020, che era come il nostro piccolo PNRR".

"Anche in un momento drammatico per la nostra Regione e il nostro Paese abbiamo avuto la volontà di guardare al futuro e mettere a disposizione risorse che consentissero alla nostra economia di rinascere. Credo che questa sia la strada giusta e, grazie alle competenze di A2A e del Politecnico di Milano si potrà creare un centro di ricerca che ci accompagnerà nella direzione del PNRR".

Patuano, A2A: "La collaborazione con il Politecnico supporterà lo sviluppo sostenibile del nostro Paese"

“Questa partnership con il Politecnico, punto di riferimento scientifico a livello nazionale e internazionale, ci consentirà di mettere a sistema competenze ed esperienze reciproche per affrontare, grazie anche all’innovazione, le sfide legate al Climate Change” – ha commentato Marco Patuano – Siamo certi che questa collaborazione potrà valorizzare ulteriormente il nostro lavoro nel garantire servizi sempre più efficienti, contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone e supportare lo sviluppo sostenibile del nostro Paese”.

“L’innovazione è un fattore strategico che interessa tutte le nostre attività: ci occupiamo di ambiente, energia, acqua, settori per cui A2A è impegnata quotidianamente a realizzare infrastrutture innovative essenziali per la transizione ecologica”- ha commentato Renato Mazzoncini – “Per il nostro Gruppo questo accordo con un’eccellenza quale il Politecnico rappresenta la possibilità di condividere un percorso comune: divenire protagonisti del processo di decarbonizzazione e rendere il Paese sempre più competitivo, in linea con quanto previsto dalle direttive europee”.

Ha dichiarato Ferruccio Resta: “Il JRC – Joint Research Center si dimostra uno degli strumenti più validi per rafforzare l’intesa tra università e impresa. Per attivare una sinergia sempre più stretta su temi di interesse comune e far fronte alle sfide che il PNRR pone al nostro Paese: dalla transizione energetica, alla mobilità sostenibile, alle energie rinnovabili. Sono questi alcuni degli obiettivi dell’accordo che vede il Politecnico di Milano al fianco di A2A. Un’azienda tra le più attive nell’incentivare questo percorso di crescita condiviso. Pronta a sostenere la ricerca congiunta in un’ottica aperta e di filiera. Questo accordo rappresenta infatti la volontà comune di dar vita a un vero e proprio ecosistema dell’innovazione che supera le progettualità di ricerca applicata per lo sviluppo di un progetto bandiera sul quale il Politecnico punterà nei prossimi anni.”

“Milano continua a offrire il terreno adatto in cui sperimentare, fare innovazione e ricerca ad alto livello - ha affermato il Giuseppe Sala -. La partnership tra Politecnico e A2A, siglata oggi, trova nella nostra città il giusto sostegno, l’attenzione e la collaborazione indispensabili per portare a compimento il percorso di trasformazione ambientale e tecnologica che il nostro Paese ha avviato. Mettendo a fattor comune in questi nuovi progetti competenze e conoscenze, e richiamandone da tutto il mondo, Politecnico e A2A sapranno dare espressione all’attitudine, alla determinazione e alla lungimiranza con cui Milano affronta le sfide globali”.

“L’accordo siglato oggi si inserisce all’interno del progetto di realizzazione del distretto di innovazione che il Politecnico di Milano con Regione Lombardia, A2A, Politecnico e Comune di Milano sta sviluppando presso l’ex parco dei Gasometri nell’area di Bovisa. Un distretto, che a regime, ospiterà aziende, startup e nuovi spazi dedicati all’innovazione, oltre ad attività specifiche che punteranno a favorire il trasferimento tecnologico, che ha visto un impegno di 25 milioni da parte di Regione. Un impegno coerente con l’utilizzo delle risorse del PNRR e che, oggi, con il JRC, frutto dell’intesa tra Politecnico di Milano e A2A, si arricchisce di un ulteriore tassello nel campo della innovazione, ricerca e formazione nel settore Energy e Utility”, ha concluso Attilio Fontana.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x