Sabato, 27 Novembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Meta: vietati annunci mirati a razza, orientamento sessuale e religione

La famosa piattaforma di social networking afferma che sta rispondendo al feedback sull'impedire alle aziende di abusare delle opzioni di targeting

11 Novembre 2021

Meta, vietati annunci mirati a razza, orientamento sessuale e religione: ecco cosa accade

Fonte: Pixabay

Facebook e Instagram, capitanati dalla società madre Meta, smetteranno di consentire agli inserzionisti di indirizzare gli utenti in base alla loro cronologia di pubblicazione, lettura o gradimento di contenuti relativi ad argomenti come orientamento sessuale, religione e orientamento politico.

Facebook, vietati annunci mirati a razza, orientamento sessuale e religione: ecco da quando

Meta, la società madre dei social media, ha dichiarato che da gennaio 2022 rimuoverà le opzioni di targeting dettagliate che consentono agli inserzionisti di cercare utenti in base alle loro interazioni con cause, organizzazioni o personaggi pubblici legati a salute, razza o etnia, affiliazione politica, religione, o orientamento sessuale. Ciò significa che gli inserzionisti non possono più pagare per rivolgersi a persone che hanno mostrato interesse per il matrimonio omosessuale o il cattolicesimo.

Graham Mudd, vicepresidente del marketing di prodotto di Meta, ha dichiarato: "Vogliamo soddisfare meglio le aspettative in evoluzione delle persone su come gli inserzionisti possono raggiungerli sulla nostra piattaforma e rispondere al feedback di esperti di diritti civili, responsabili politici e altre parti interessate su l'importanza di impedire agli inserzionisti di abusare delle opzioni di targeting che mettiamo a disposizione".

Meta genera il 98% delle sue entrate dagli inserzionisti, che sono in grado di rivolgersi a specifici dati demografici e consumatori perché l'azienda ha creato profili dei suoi utenti attraverso la loro attività online. Meta, che vende anche annunci sulla sua app Messenger e su app di terze parti attraverso la sua rete di pubblico, ha realizzato entrate per $ 86 miliardi lo scorso anno. Quasi 2 miliardi di persone usano l'app di Facebook ogni giorno.

Meta ha riconosciuto che la mossa potrebbe influenzare i gruppi politici e le organizzazioni che si battono per la campagna, molte delle quali usano Facebook per raccogliere fondi. "Alcuni dei nostri partner pubblicitari hanno espresso preoccupazione per l'eliminazione di queste opzioni di targeting a causa della loro capacità di contribuire a generare un cambiamento sociale positivo, mentre altri comprendono la decisione di rimuoverle", ha affermato Mudd, che ha aggiunto che i gruppi di difesa avevano ancora opzioni sulla piattaforma per raggiungere le persone.

Tuttavia, gli inserzionisti sulle piattaforme Meta possono continuare a rivolgersi a miliardi di utenti in base a una serie di opzioni come età, sesso, occupazione e posizione. Meta è sotto esame su entrambe le sponde dell'Atlantico per il suo record sulla sicurezza degli utenti a seguito delle rivelazioni dell'informatore Frances Haugen, che ha rilasciato decine di migliaia di documenti interni dell'azienda.

In un rapporto trimestrale pubblicato martedì, Meta ha affermato che la prevalenza dell'incitamento all'odio su Facebook è diminuita per il quarto trimestre consecutivo. Nel terzo trimestre del 2021, è stato dello 0,03% o 3 visualizzazioni di incitamento all'odio per 10.000 visualizzazioni di contenuti, in calo rispetto allo 0,05% del secondo trimestre.

Fonte: theguardian.com

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x