Martedì, 27 Settembre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Alluvione nelle Marche causata da un aereo Nato, bufala o verità? Il web grida alla "geoingegneria" - Video

Il video di David Zedda diventa virale e raccoglie accoliti sul web, pronti ad attribuire l'alluvione nelle Marche ad un programma di "geoingegneria" come nel 1976: quanto c'è di vero?

20 Settembre 2022

L'alluvione che ha colpito le marche tra il 15 e il 16 settembre 2022 è stata forse causata da un aereo della Nato che ha sorvolato la zona poco prima che cominciasse a piovere? E cosa c'entra un aereo della Nato con un temporale autorigenerante?
Sono queste le domande che stanno circolando in rete da quando David Zedda ha effettuato una ricerca su flight radar 24, rintracciando un volo di un aereo Nato che, partito da Geilenkirchen, nella Germania dell'ovest al confine olandese, ha sorvolato Bonn, poi l'Austria, Padova e Ferrara per farsi un giro tra Emilia Romagna e Marche

Alluvione nelle Marche, bufala o verità: è stato l'aereo Nato transitato il 13 settembre?

Dopo un primo giro sul cesenatico, l'aereo Nato ha virato verso le marche, sorvolando una prima volta su Ancona, poi Senigallia. Dopo aver nuovamente virato verso l'Emilia Romagna, pochissimi minuti dopo era di nuovo sull'anconetano, questa volta abbracciando il sorvolo dal mare e passando direttamente sopra Offagna, Osra, Corinaldo, comuni fortemente colpiti dall'alluvione che ha causato in tutto 11 morti.

L'immagine è tratta da Flightradar24 e riprende esattamente il minuto in cui l'aereo è transitato sulle zone colpite.

L'aereo è partito alle 10,30 ed è giunto sui cieli italiani alle 11,30, ma sulle zone poi interessate dall'alluvione stava transitando verso le 11,30-11,45.

Benché tutti coloro che hanno dato l'allarme in rete hanno sottolineato che l'aereo sarebbe transitato nella zona alluvionata il giorno stesso dell'alluvione, scorrendo la pagina del sito che tiene traccia di tutti i voli, si scopre che il volo sarebbe stato effettuato dal Boeing E-3A Sentry, LX-N90446 il 13 settembre.

Alluvione nelle Marche, il web: "È geoingegneria!"

Eppure c'è chi grida alla "inseminazione delle nuvole", una complessa tecnica di geoingegneria usata per modificare il clima. Gli scopi sarebbero tanti, secondo i sostenitori della teoria: rallentare le economie di un paese, condizionando il clima, creando disastri climatici e alluvioni come quella che nella notte tra il 15 e il 16 settembre si è abbattuta nelle marche. 

Seppure potesse essere possibile tutto questo, non sappiamo se l'inseminazione delle nuvole possa durare 48 ore, tante infatti sono le ore che separano il bolo della Nato con l'inizio della tragedia che ha colpito le popolazioni del marchigiano. Ma sappiamo che esistono dei precedenti, come citato infatti anche da Byoblu, negli Stati Uniti si sono tenuti diverse audizioni al Congresso proprio per quanto riguarda la manipolazione del tempo meteorologico. Le anomale tempeste che si sono abbattute sull’Europa a Capodanno del 1976, sono state inserite in un vecchio rapporto speciale dell’International Press Service (IPS), agenzia di stampa internazionale.

Alluvione nelle marche: gli Usa dichiararono di voler "Possedere il clima entro il 2025"

Non solo ma il Climatologo della Rutgers University, dr. Alan Robock sostiene che il suo dipartimento all’università del New Jersey fu ingaggiato dalla CIA per applicare il metodo di controllo del clima di altre nazioni. A questo sarebbe servito ad esempio la tecnologia HAARP, la cui struttura principale si trova in Alaska. Questa struttura avrebbe il potenziale di alterare il clima su scala massiccia sovralimentando la ionosfera. Infatti, l’Air Force ha ammesso che tali esperimenti meteorologici possono essere tuttora applicati, e anche in passato è stato fatto.

Queste operazioni di geoingegneria, sono poi divenute molto popolari, tanto da generare un vero e proprio allarmismo. Al momento non è possibile dimostrare che l'aereo della Nato, pur avendo sorvolato i cieli marchigiani avesse attuato queste complesse tecniche di controllo del clima, ma di sicuro l'Air force ha sempre dichiarato di voler manipolare il clima per governare le economie del mondo, anche quelle di altri stati, come per altro affermato nello studio finanziato dal Dipartimento di Difesa Usa nel 1996 e denominato "Possedere il clima nel 2025".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti