Giovedì, 16 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Scuola, ministro Messa: "In università laboratori, lezioni in piccoli gruppi e esami in presenza. Diverso per le lezioni in aule grandi"

"Dobbiamo parlare con il variegato popolo no-vax. Solo adottando le stesse misure si può garantire sicurezza". L'intervista a Il Giornale d'Italia

13 Settembre 2021

Le parole di Maria Cristina Messa, Ministro dell'università e della ricerca, a Il Giornale d'Italia in occasione de I discorsi del coraggio: "Dobbiamo distinguere il popolo no-vax che sappiamo molto variegato da chi all'interno non è che sia contrario al vaccino, ma è contrario al green pass piuttosto a degli obblighi. E dobbiamo parlare con loro facendo capire che qui è importante riuscire a garantire la sicurezza dei colleghi e di tutti. La sicurezza la si può garantire solamente adottando tutti la stessa misura, che è una misura sanitaria. Non ha niente a che vedere con la democrazia, né con la libertà". 

Sugli studenti vaccinati: "Dipende dalle regioni, ma una media diciamo che in quasi tutte è sopra l'80%. Alcune regioni di più, in altre di meno. Il personale scolastico era arrivato al 90%, io includo qui anche tutto il personale tecnico-amministrativo e anche quello che a vario titolo frequenta l'università". 

"Non credo che nelle scuole si vaccini meno, perché comunque i numeri sono diversi. Quando parli di una percentuale piccola nella scuola parli di migliaia di persone. Quando parli di università, dove siamo in tutto 90000, è un pochino diverso". 

Il ministro Bianchi dice che nelle scuole ci saranno prevalentemente giorni in presenza se non in casi eccezionali, è una cosa che anche in università si può garantire anche se la didattica è differente? "Proprio per il principio di prudenza e per rispettare il metro di distanza all'interno delle aule quasi tutti gli atenei, che sono autonomi al contrario della scuola, quindi si organizzano autonomamente, hanno deciso di mantenere per ora una didattica mista, soprattutto per le lezioni nelle grandi aule. Ben diversa è la situazione per le esercitazioni e le lezioni in gruppi piccoli, esami, per questi si può tornare veramente in presenza, ma per le grandi aule continuiamo a utilizzare la modalità mista". 

Torna all'articolo

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti