Lunedì, 15 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Aspen, TIM, Noovle e Google, al via la Conferenza Internazionale “Ethics and Artificial Intelligence”

Elio Schiavo, Chief Enterprise and Innovative Solutions Officer di TIM:"Il mercato delle Smart City vale 730 milioni di euro con un tasso di crescita annuo del 25,1% dal 2015"

24 Giugno 2022

Aspen, TIM, Noovle e Google, al via la Conferenza Internazionale “Ethics and Artificial Intelligence”

fonte foto: comunicato stampa

Si apre oggi e termina sabato 25 giugno a Venezia la seconda edizione della Conferenza Internazionale “Ethics and Artificial Intelligence” organizzata da Aspen Institute Italia, TIM, Noovle e Google Cloud presso l’hotel Hilton Molino Stucky. L’incontro ha ricevuto il riconoscimento della Medaglia del Presidente della Repubblica. 

In occasione della Conferenza Internazionale Aspen è stata realizzata un’ampia area demo a cura del Gruppo TIM che illustra come l’Intelligenza Artificiale contribuisca a valorizzare e accelerare lo sviluppo di soluzioni digitali. Diverse le tematiche di applicazione: dal visual AI alla sostenibilità ambientale, dalla security al cloud robotics, fino alle smart city e ai data analytics.

Nell’attuale contesto storico l’intelligenza artificiale è diventata una leva geopolitica: lo scambio di informazioni e la gestione dei dati emergono come elementi strategici per la sicurezza dei Paesi. E, soprattutto, hanno assunto un ruolo primario nei sistemi di sicurezza europei, e non solo europei.

Sul fronte economico si assiste ad un cambio di paradigma dei modelli di business e delle conseguenti applicazioni aziendali. Nel 2021 il mercato italiano relativo all’intelligenza artificiale valeva 860 milioni di euro e toccherà 1,1 miliardi nel 2022 per arrivare a 1,4 miliardi di euro nel 2023. Recentemente il Governo italiano ha lanciato il Programma Strategico Intelligenza Artificiale 2022-2024, per aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo legati all’intelligenza artificiale, incoraggiando il trasferimento tecnologico e iniziative pubblico-private che permettano alle aziende e alla società nel suo insieme di utilizzare al massimo tecnologie e intelligenza artificiale. Ad esempio un grande contributo può essere fornito a vantaggio di una migliore gestione della raccolta dei rifiuti su larga scala, dello sviluppo delle smart cities e della vita più “dematerializzata” che viene sperimentata in ambito professionale e nel sistema scolastico e universitario.

Quanto all’Europa l’intelligenza artificiale entra prepotentemente anche nelle due transizioni strategiche: quella ambientale e quella digitale. Secondo un recente rapporto della Commissione su “Science, Research and Innovation Performance” ricerca e innovazione sono centrali per procedere sulla strada della transizione ecologica e l’UE occupa una posizione di livello nei prodotti scientifici relativi al clima e alla bioeconomia. Secondo il Global e-Sustainability Initiative 2020 la rivoluzione digitale ha un impatto ambientale molto positivo e porterà ad una riduzione delle emissioni di gas domestico del 20% entro il 2030.

Anche nell’economia circolare il potenziale valore economico liberato dall’intelligenza artificiale è stimato di grande impatto: per ogni anno su scala mondiale viene valutato 127 miliardi di dollari (economia alimentare) e 90 miliardi di dollari (elettronica di consumo). L’intelligenza artificiale e la rivoluzione digitale possono quindi garantire un’economia circolare nella quale i prodotti sono fatti per essere riusati e riciclati.

TIM, Elio Schiavo:"Il mercato delle Smart City vale 730 milioni di euro con un tasso di crescita annuo del 25,1% dal 2015"

Elio Schiavo, Chief Enterprise and Innovative Solutions Officer di TIM: "Siamo convinti che in pochi anni assisteremo ad un processo di trasformazione importante delle città perché queste adotteranno servizi innovativi che miglioreranno il dialogo con i cittadini, i processi delle amministrazioni, i trasporti e la sicurezza. Nel 2021 il mercato delle Smart City vale 730 milioni di euro con un tasso di crescita annuo del 25,1% dal 2015. Sui servizi per le città stiamo lavorando da tempo e la Smart Control Room di Venezia realizzata con il Comune è già una realtà con caratteristiche uniche in Italia che stiamo replicando in numerose altre realtà. Abbiamo messo in campo piattaforme digitali innovative che integrano Intelligenza Artificiale, IoT, cloud, cybersecurity, connettività 5G e fibra. Ci avvantaggia il fatto che abbiamo una presenza capillare sul territorio sia tecnologica che di persone. Il nostro obiettivo è sviluppare una gamma completa di servizi per le smart cities, che integri le nostre soluzioni tecnologiche e commerciali a quelle dei migliori partner italiani e internazionali.”

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x