Venerdì, 27 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Giovanni Raspini, azienda leader del gioiello in argento affida il ruolo di direttore generale a Luca Padula

La nomina avviene in un’ottica d’investimento costante di risorse, destinate anche a rafforzare la ricerca, il posizionamento, la sostenibilità e la brand awareness.

Di Andrea Cianferoni

09 Marzo 2022

Luca Padula

Luca Padula

Giovanni Raspini, azienda leader del gioiello in argento, in un’ottica di crescita e ampliamento, ha affidato il ruolo di Direttore Generale a Luca Padula, 52 anni, fiorentino, una laurea in Economia e Commercio ed una passione per il windsurf. Tra i diversi obiettivi che gli sono stati affidati ci sono tra l’altro il consolidamento dell’organizzazione aziendale e un’ulteriore crescita del marchio a livello internazionale. Questo in un’ottica d’investimento costante di risorse, destinate anche a rafforzare la ricerca, il posizionamento, la sostenibilità e la brand awareness. Luca Padula ha un solido background maturato sia in contesti nazionali che internazionali nel campo di aziende moda quali Guess e Gucci ove, grazie alle sue consolidate esperienze di business e processi aziendali, ha ricoperto importanti ruoli a livello finanziario, operation e direzione generale.

 “La nostra azienda”, afferma il presidente e fondatore Giovanni Raspini, “ha realizzato nel 2021 una crescita del 35% sul 2019 e del 40% sul 2020, con una previsione di un incremento del 20% nel 2022 per superare i 30 milioni di euro di fatturato.   Nonostante questi eccellenti risultati il brand avverte la necessità di migliorare ed implementare la propria struttura per affrontare le sfide del futuro, accompagnato e supportato in modo organico nel processo di crescita. A noi, infatti, non interessa uno sviluppo forte ma fuori controllo, quanto invece un miglioramento graduale e strutturato dei processi organizzativi, insieme a una visione strategica globale e condivisa. Al nuovo Direttore Generale”, conclude Raspini, “chiediamo tre cose semplici quanto impegnative: crescita, posizionamento e organizzazione”. Un destino di bellezza rende uniche le creazioni Giovanni Raspini. Ogni manufatto è ideato, modellato, costruito e confezionato esclusivamente in house. Parliamo di contemporaneità e tradizione, espressa quest’ultima dall’antica tecnica della fusione a cera persa.  Una cifra stilistica davvero unica, per un marchio che da cinquant’anni ricerca la perfezione.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x