Venerdì, 24 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

La Corea del Nord testa missili balistici: "Lanci nonostante la pandemia"

I vicini condannano gli esperimenti militari di Pyongyang, mentre la situazione economica e sanitaria rimane un mistero

15 Settembre 2021

La Corea del Nord testa missili balistici: "Lanci nonostante la pandemia"

Kim Jong-un (Fonte foto Lapresse)

La Corea del Nord testa ancora due missili balistici e risveglia l'indignazione di mezzo continente. Per gli accademici americani è un'azione da condannare: "I lanci avvengono nonostante la pandemia e le restrizioni che tengono il Paese isolato e sull'orlo della crisi economica", come afferma Leif-Eric Easley, professore di studi internazionali presso la Ewha Womans University di Seoul.

Secondo quanto riferito dalle forze armate sudcoreane, la Corea del Nord ha lanciato mercoledì un paio di missili balistici al largo della sua costa orientale, aumentando le tensioni regionali pochi giorni dopo aver testato un missile da crociera con possibili capacità nucleari.

Stallo dei colloqui internazionali

Pyongyang ha costantemente sviluppato il suo programma di armi in mezzo a una situazione di stallo sui colloqui volti a smantellare i suoi arsenali nucleari e di missili balistici in cambio del sollievo dalle sanzioni statunitensi. I negoziati, avviati tra l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un nel 2018, sono in stallo dal 2019.

I missili sono stati lanciati poco dopo le 12:30 (fuso orario coreano), volando per 800 km a un'altitudine massima di 60 km, secondo quanto riferito dal Joint Chiefs of Staff (JCS) della Corea del Sud in una nota.  
L'esercito della Corea del Sud ha aumentato il livello di sorveglianza e sta mantenendo una posizione di allerta in cooperazione con gli Stati Uniti, aggiunge il documento.

Il comando indo-pacifico dell'esercito statunitense ha affermato che i lanci di missili della Corea del Nord non rappresentano una minaccia immediata per il personale, il territorio o gli alleati statunitensi, ma evidenziano l'impatto destabilizzante del suo programma di armi illecite.

Suga: "Azione oltraggiosa"

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha definito il lancio del missile "oltraggioso" e ha condannato fermamente l'azione come una minaccia alla pace e alla sicurezza della regione. La guardia costiera giapponese ha però rassicurato i cittadini affermando che i missili sono atterrati al di fuori della sua zona economica esclusiva.

Sia Suga che il presidente sudcoreano Moon Jae-in sono pronti a convocare una sessione dei loro consigli di sicurezza nazionale per discutere di quanto accaduto e quali soluzioni adottare. I test sui missili balistici sono i primi della Corea del Nord da marzo di quest'anno e un'ulteriore violazione delle sanzioni delle Nazioni Unite.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x