Domenica, 03 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid 19, +32,1% contagi in una settimana (a 161k): il virus corre nonostante vaccinazioni oltre il 90% della popolazione

I decessi sono incrementati del 6,1%, l'accesso ai recovery è invece incrementato del 3,3%. Al 17 giugno 2022, 48.644.834, tutto sembra dunque peggiorare

17 Giugno 2022

Covid 19, nonostante le 4 dosi il virus torna a correre: +32,1% contagi in una settimana

Fonte: Imagoeconomica

Un netto rialzo dei contagi Covid in 7 giorni con un aumento del 32,1% nella settimana che va dal 8 al 14 giugno. In totale i casi di Covid sono 160 mila e 751 rispetto 121.726 della settimana precedente. I decessi sono incrementati del 6,1% e attualmente sono 416 contro i 392 della settimana scorsa. I numeri sono dunque aumentati nonostante il 90% della popolazione sopra i 12 anni ha ormai completato il ciclo vaccinale. Stiamo parlando di ben 48 milioni e 644 mila persone che hanno ricevuto tutte le dosi di vaccino previste. 

Covid 19: amentati del 32,1% i contagi in una settimana

L'incremento dunque stato netto e si riflette anche sul accesso ai recovery incrementato del 3,3%. Una situazione che appare in netto contrasto rispetto ai due anni di pandemia che abbiamo vissuto dov'è, l'estate consentiva agli italiani di girare liberamente e senza mascherina. Oggi, al 17 giugno 2022 dopo 4 dosi di vaccino tutto sembra peggiorare esattamente come è avvenuto a Pechino che, da poco, ha chiuso il lockdown che ha affondato la sua economia.

Alcuni studiosi come il professor de Angelis dell'università dell'Insubria, avevano già pubblicato con largo anticipo quelli che sarebbero stati i risvolti dovuti alla vaccinazione. All'interno della prima popolazione esaminata nella città di Bergamo che ha avuto il più alto numero di perdite durante le prime fasi dei due anni di epidemia di covid-19, le persone che avevano ricevuto un vaccino realizzato mediante la proteina Spike aumentavano sensibilmente il rischio unbalance negativo. È quanto emerse dagli studi sul sistema renina angiotensina. In parole povere, lo studio evidenziava che, benché il vaccino coprisse i primi mesi dalla contrazione del virus, successivamente oltre a perdere di efficacia predisponeva ad effetti avversi in caso di contrazione del virus.

A questo studio sono seguiti anche alcuni report di case farmaceutiche che sottolineavano la necessità di effettuare più di una dose per incrementare la copertura sulla contrazione del virus. Nonostante ciò è da evidenziare che questo incremento di contagi è conseguente ad una campagna vaccinale che ha interessato circa il 97% della popolazione italiana di cui l'80,5% con vaccinazione completa raccomandata, pari a 138 milioni di dosi somministrate a 4,7 milioni di italiani.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x