Venerdì, 18 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Nave affondata nello Sri Lanka, il più grave disastro ambientale nella storia del Paese

Dopo l’incendio durato 13 giorni, la nave cargo alle coste di Colombo, capitale dello Sri Lanka, sta provocando un disastro ambientale di proporzioni spaventose

04 Giugno 2021

Nave affondata nello Sri Lanka, il più grave disastro ambientale nella storia del Paese

Fonte: Twitter

Un’ondata nera fuoriuscita dalla nave cargo MV X-Press Pearl, affondata il 2 giugno, sta inghiottendo il mare nei pressi dello Sri Lanka. 13 giorni tra le fiamme per l’imbarcazione a bandiera singaporiana, che ha preso fuoco al largo delle coste di Colombo. Poi l’affondo. È disastro ambientale nelle acque dell’Oceano Indiano.

Nave affondata nello Sri Lanka, il più grave disastro ambientale nella storia del Paese

La guardia costiera indiana era già intervenuta il 20 maggio per domare le prime fiamme. Ma a incendio estinto, rimaneva il grave rischio legato all’affondare dell’imbarcazione. La nave container comincia a cedere verso il fondale, a 21 metri di profondità, il 2 giugno. Neanche i soccorritori sono stati d’aiuto. A causa del maltempo non sono riusciti a riportare a galla il mezzo e a prevenire il disastro sulla costa. Il rischio di un danno ambientale senza precedenti è altissimo.

Sri Lanka, il cocktail di sostanze tossiche sulla nave cargo

Sulla nave, 287 tonnellate di olio combustibile, 50 tonnellate di gasolio e svariati contenitori ricolmi di olio lubrificante. Sono 81 i container a bordo classificati come carico tossico. Tra questi, diversi prodotti chimici, cosmetici e tonnellate di acido nitrico e piombo. Un cocktail letale dalle conseguenze irreversibili se disperso nel mare. Il direttore esecutivo del centro per la Giustizia Ambientale dello Sri Lanka ha definito i potenziali danni all'ecosistema marino "incalcolabili".

A Negombo, sulle spiagge a 40 chilometri di Colombo, i primi avvistamenti di macchie, anche se non è ancora chiaro se si tratti di petrolio. Un barlume di speranza però rimane. Stando a quanto dichiarato dal comandante dei porti dell'isola Nirmal Siva, il petrolio a bordo potrebbe essersi esaurito. Ammette però che le autorità si stanno "preparando per lo scenario peggiore"

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti