Sabato, 28 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Poste Italiane: nel primo trimestre utile netto a 495 mln (+10,6% ), ricavi a 3 mld (+1,4%)

Nel primo trimestre 2022 l'EBIT si attesta a 694 mln, in crescita dell'11,8% a/a. Matteo Del Fante, AD e Direttore Generale di Poste Italiane: "Anche in presenza di un contesto sfidante nel settore della logistica, la nostra comprovata esperienza nella razionalizzazione dei costi ci rende particolarmente fiduciosi nel mantenere la piena visibilità sul nostro obiettivo di EBIT del 2022 per la divisione Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione"

12 Maggio 2022

Matteo Del Fante

fonte: Imagoeconomica

Ieri, 11/05, il Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane, presieduto da Maria Bianca Farina, ha approvato i risultati finanziari per il primo trimestre del 2022 (non sottoposti a revisione contabile). Nel primo trimestre del 2022 l’utile netto è in crescita del 10,6% e si attesta a € 495 milioni, mentre i ricavi ammontano a €3,0 miliardi (+1,4% a/a), ottime le performance in tutte le linee del business di pagamenti e mobile e nei servizi assicurativi sia ramo vita che danni.

Poste Italiane: nel primo trimestre 2022 EBIT a 694 mln, in crescita dell'11,8%

Anche il risultato operativo è in forte crescita (+11,8%), attestandosi a € 694 milioni, con contributi positivi da servizi assicurativi, servizi finanziari, pagamenti e mobile e una performance resiliente della divisione corrispondenza, pacchi e distribuzione. I costi totali si attestano a € 2,3 miliardi nel primo trimestre del 2022, in riduzione dell’1,4% a/a, a conferma dell’efficace processo di razionalizzazione dei costi. I costi non-hr si riducono dello 0,2% rispetto al primo trimestre del 2021 a € 952,8 milioni, incorporando al contempo l'impatto dell’inflazione. Solido risultato operativo (EBIT) del primo trimestre del 2022 pari a 694 milioni di euro, in crescita dell'11,8% a/a.

Le attività finanziarie investite sono in calo di € 4 miliardi nel trimestre a € 582 miliardi, con una raccolta netta positiva di € 2 miliardi raggiunta complessivamente su tutti i prodotti e un effetto negativo di mercato riconducibile a tassi di interesse più elevati cha ha influenzato le riserve tecniche del comparto assicurativo vita.

La posizione patrimoniale rimane solida: total capital ratio di bancoposta pari al 23,9% (di cui cet1 ratio pari al 21,1%), leverage ratio pari al 3,1% e solvency ii ratio del gruppo assicurativo poste vita pari al 272%, ben al di sopra dell’ambizione manageriale.

Sul fronte dei ricavi, più nel dettaglio, quelli da corrispondenza, pacchi e distribuzione si attestano a € 901 milioni nel primo trimestre del 2022, -2,0% a/a, con i ricavi da corrispondenza invariati e i volumi dei pacchi, in fase di normalizzazione, che si attestano a livelli ben al di sopra di quelli registrati prima della pandemia. Volumi dei pacchi in calo rispetto al livello eccezionalmente elevato conseguito nel primo trimestre del 2021, reso possibile dalle misure di lockdown. I ricavi totali dei servizi finanziari pari a € 1,5 miliardi nel primo trimestre del 2022, -1,3% a/a, a fronte di un minor contributo da parte della gestione proattiva del portafoglio parzialmente compensato dal risultato degli investimenti in crediti d’imposta. I ricavi dei servizi assicurativi pari a € 529 milioni nel primo trimestre del 2022, in crescita del +7,1% a/a, per effetto di maggiori volumi e margini in crescita. Raccolta netta del comparto assicurativo vita pari a €2,6 miliardi nel primo trimestre del 2022 (+32% a/a), premi lordi del comparto danni pari a €114 milioni (+19.5% a/a). I ricavi da pagamenti e mobile contribuiscono ad accelerare la fase di crescita, raggiungendo € 231 milioni nel primo trimestre dell’anno, +20,2% a/a, grazie a significativi contributi provenienti da tutte le linee di prodotto.

Matteo Del Fante, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane, ha così commentato: “A meno di due mesi di distanza dall’aggiornamento del Piano Strategico del Gruppo questi risultati rappresentano il primo caposaldo di un 2022 di successo. Il nostro modello di business diversificato continua a produrre ottimi risultati finanziari con l’utile netto pari a € 495 milioni e con la redditività operativa che migliora in tutti i segmenti di business.

Il comparto dei Servizi Assicurativi fornisce il contributo maggiore alla profittabilità del Gruppo, con una performance positiva sia nel ramo Vita che nel ramo Danni. L'EBIT dei Servizi Finanziari è aumentato grazie a ricavi stabili e al contributo di minori costi.

Nel settore Pagamenti e Mobile, la crescita a doppia cifra dell'EBIT è stata determinata dalla capacità di valorizzare i trend positivi del mercato, come testimoniato dai 2 miliardi di transazioni gestite nel 2021 e oltre mezzo miliardo nel primo trimestre dell’anno.

Il risultato operativo nella divisione Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione è stato solido nel trimestre, grazie alla razionalizzazione dei costi che ha compensato l'impatto della normalizzazione dei volumi dei pacchi che si attestano strutturalmente al di sopra dei livelli pre-pandemia, anche a seguito dei risultati eccezionalmente alti dell'anno scorso, conseguenti alle misure di lockdown attuate nella maggioranza delle regioni italiane.

Anche in presenza di un contesto sfidante nel settore della logistica, la nostra comprovata esperienza nella razionalizzazione dei costi ci rende particolarmente fiduciosi nel mantenere la piena visibilità sul nostro obiettivo di EBIT del 2022 per la divisione Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione.

Dal 2020 abbiamo conseguito una performance costante e in miglioramento: dopo una forte ripresa nel 2021, nel primo trimestre dell'anno continuiamo a crescere in maniera solida, aprendo la strada ad un 2022 di successo. Ciò è stato possibile grazie al duro lavoro di tutte le nostre persone dall’inizio della pandemia, che ha determinato uno spostamento strutturale verso l'alto della nostra traiettoria di crescita.

Quest'anno celebriamo i 160 anni di Poste Italiane, un appuntamento storico che testimonia come il nostro patrimonio unico ci abbia sempre permesso di affrontare le sfide e accompagnare il futuro delle nostre comunità.

Confermiamo il nostro ruolo di pilastro strategico per l’Italia, attraverso la nostra piattaforma di distribuzione omnicanale. Continuiamo a soddisfare le esigenze in continua evoluzione dei clienti e confermiamo la nostra ambizione di sostenere lo sviluppo del nostro Paese, d’ora in avanti.”

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x