Lunedì, 15 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

No sic, i negazionisti della siccità. Nuove categorie della neolingua

Il successo ideologico è garantito: con la categoria destoricizzata di negazionismo si paragona chi di volta in volta sia colpevole di mettere in discussione la narrazione dominante, sul Covid come sulla siccità

Di Diego Fusaro

05 Luglio 2022

No sic, i negazionisti della siccità. Nuove categorie della neolingua

E adesso le agenzie dell'informazione controllata e della manipolazione professionale ci segnalano che esiste una nuova pericolosa categoria: la categoria dei no sic, i negazionisti della siccità. Più volte abbiamo richiamato l'attenzione sull'uso demenziale e a tratti delinquenziale della categoria di negazionismo destoricizzata e decontestualizzata rispetto all'uso storiografico che, in uno specifico ambito, la caratterizza. Il successo ideologico in ogni caso è garantito: con la categoria destoricizzata di negazionismo si paragona nemmeno troppo implicitamente chi di volta in volta sia colpevole di mettere in discussione la narrazione dominante, sul Covid come sulla siccità, a un negatore della Shoah. Insomma, una mostrificazione in piena regola. Peraltro del tutto coerente con lo spirito del nostro tempo, che non lascia spazio al dissenso e al pensiero critico, subito accostandoli agli orrori del negazionismo o alle bizzarrie acefale del terrapiattismo. Un modo come un altro di spezzare le gambe in partenza a ogni spirito critico, riconducendo le teste e i cuori nel recinto controllato dell'ortodossia dominante di completamento dei rapporti di forza.

di Diego Fusaro

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x