Domenica, 25 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Denise Pipitone ultimissime oggi, ex Jessica Pulizzi "ha mentito. Alibi smontato"

Ultimissime notizie oggi su Denise Pipitone: Gaspare Ghaleb, ex fidanzato di Jessica Pulizzi, "ha mentito". Altro passo in avanti sul caso, il cerchio si stringe

18 Giugno 2021

Denise Pipitone

Fonte: lapresse.it

Ultimissime notizie oggi su Denise Pipitone, venerdì 18 giugno 2021: Gaspare Ghaleb, ex fidanzato di Jessica Pulizzi, "ha mentito. Alibi smontato". "Aveva dichiarato di aver saputo della sparizione di Denise da Jessica che lo aveva chiamato per dirgli di guardare il Tg Vallo. Ma quella telefonata non risulta da nessuna parte". Questa non sarebbe l'unica bugia. L'attenzione sul caso della bambina scomparsa da Mazara del Vallo l'1 settembre 2004 è sempre più alta e sembra che il cerchio si stia stringendo. Un altro passo in avanti è stato fatto e la svolta potrebbe essere vicina.

Sono passati oltre 17 anni da quel drammatico giorno, ma nessuno intende arrendersi. Piera Maggio, mamma di Denise Pipitone, continua a lottare per trovare la figlia. Con lei tutti gli italiani che vogliono conoscere la verità sulla scomparsa. Nelle ultime settimane il muro di omertà che per anni ha avvolto il caso sembra essere crollato. Sono spuntati nuovi testimoni, veri o presunti. Non sono mancate le segnalazioni. L'ultima notizia, data nella puntata del 17 giugno de La Vita in Diretta, potrebbe portare ad una svolta decisiva. Al centro dell'attenzione l'ex fidanzato di Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise Pipitone. Ecco che cosa è stato scoperto.

Denise Pipitone ultimissime oggi, ex Jessica Pulizzi "ha mentito"

La verità sulla scomparsa di Denise Pipitone sembra essere sempre più vicina (o almeno si spera che sia così). Nelle ultime ore è stato compiuto un altro passo in avanti. Secondo le ultimissime notizie riportate nella puntata del 17 giugno de La Vita in Diretta su Rai 1, sarebbe stato smontato l'alibi di Gaspare Ghaleb, ex fidanzato di Jessica Pulizzi. "Aveva dichiarato di aver saputo della sparizione di Denise da Jessica che lo aveva chiamato per dirgli di guardare il Tg Vallo. Ma quella telefonata non risulta da nessuna parte. L’alibi è stato smontato", spiega il conduttore Alberto Matano, dando poi la parola all’inviata Lucilla Masucci.

"Ghaleb aveva detto che stava guardando i cartoni animati - ha spiegato la giornalista - e che Jessica gli aveva telefonato. Peccato che quella telefonata non esiste. L'ultima telefonata è alle 13.10. Ma come ha fatto Ghaleb ad aver saputo della sparizione se il tg è andato in onda alle 13.39. Vuol dire che lo sapeva prima che la notizia fosse pubblica". "La Procura sta lavorando anche sull'albergo Ruggero II. Stanno sentendo delle persone - aggiunge l'inviata - alcune erano già presenti nel fascicolo di inchiesta. L’albergo all'epoca era l'alibi di Anna Corona, è importante risistemare quello che le persone hanno raccontato 17 anni fa".

Durante la puntata si è collegato l'ex maresciallo della polizia giudiziaria, Francesco Lombardo, convinto che presto si arriverà alla verità sulla scomparsa di Denise Pipitone. "Ghaleb disse che stava guardando Dragon Ball e i Simpson - afferma l'uomo approfondendo la bugia raccontata da Ghaleb - ma quella programmazione era ancora sospesa per l'estate. Quando Denise sparisce il cellulare di Jessica avrebbe agganciato celle vicino al luogo della sparizione".

Denise Pipitone ultimissime oggi: "L'amico rom aiuta Pulizzi poi rompe con lui"

Il caso di Denise Pipitone continua a restare al centro della cronaca. Tutti ne parlano, tutti vogliono scoprire che cosa è successo alla figlia di Piera Maggio 17 anni fa. Negli ultimi giorni l'attenzione dei media è tornata su un amico rom di Pietro Pulizzi. L'uomo è stato intervistato dagli inviati di Quarto Grado. "Sono un zingaro ma sono qua da 40 anni. Noi i figli li amiamo", ha affermato il signore prima di raccontare il suo rapporto con il padre di Denise Pipitone. "Venne a prendermi con una persona (il compagno di Giacoma Maggio, vigile urbano) il giorno della scomparsa della bambina - ha rivelato il rom -  dicendo che era scomparso 'il sangue del mio sangue', la figlia di una amica".

"Lui conosceva la mia ex ragazza - ha aggiunto - siamo usciti insieme, veniva a casa mia, mangiava a casa mia. Era un amico e l'ho aiutato. Ci eravamo scambiati i numeri". Fra i due c'era dunque un rapporto di amicizia, che però si sarebbe interrotto bruscamente nel 2005.

Denise Pipitone ultimissime oggi: chi è l'uomo rom amico di Pietro Pulizzi

L'uomo rom di cui si è parlato nell'ultima puntata di Quarto Grado è nato in Kosovo e, quando aveva 9 anni, è arrivato in Italia. Fa parte della comunità rom e sarebbe il nipote di una donna che da anni chiede l'elemosina davanti al cimitero. Secondo quanto dicono le carte, come riporta corrieredellumbria.corr.it, Pulizzi si sarebbe rivolto all'amico perché Giacoma, sorella di Piera Maggio, aveva detto di cercare Denise Pipitone fra gli zingari. "Io sono andato da uno slavo", ha rivelato il rom.

Le ricerche si indirizzano su una carovana di zingari che ha stazionato lì - si legge ancora sul quotidiano online - e nella deposizione, il rom dice che "Pietro gli rivela che quella è sua figlia, era sconvolto." Le ricerche proseguono con un cugino rom. Poi il 2 settembre l'uomo viene chiamato dagli inquirenti per sapere come mai era coinvolto nelle ricerche e l'uomo dice subito quello che metterà nero su bianco: i rapporti fra lui e Piero si sono interrotti per sempre come spiegherà al pm a febbraio 2005. Che cosa si nasconde dietro alla rottura del rapporto fra l'uomo rom e Piero Pulizzi?

Denise Pipitone ultimissime oggi, dove si trova la bambina: spunta la Romania

La nuova testimone avrebbe già segnalato tutto alle autorità. La vicenda è poi stata ripresa anche A Storie Italiane, e Eleonora Daniele ha ribadito: "Era messa male, ricordo che non aveva i denti. Spesso le tremavano le mani. Ricordo che era molto controllata e che non le veniva mai permesso di uscire nel campo rom".

Secondo le confidenze di Mariana questa ragazza misteriosa si chiamerebbe Antonia, non avrebbe contatti telefonici ma diversi profili Facebook, circa 13, con cognomi diversi. Mariana avrebbe poi provato a chiederle l'amicizia e per contattarla, ma non ha mai ricevuto risposta. Dalla sorella ha appreso che la ragazza ora si troverebbe in Romania, dopo essersi trasferita forse per sposare un ragazzo.

Denise Pipitone, Chi l'ha visto mostra i luoghi del presunto rapimento

Ultimissime notizie oggi su Denise Pipitone oggi, mercoledì 9 giugno, fornite dalla trasmissione Chi l'ha visto che mostrerà nuovi documenti esclusivi sul caso. La trasmissione condotta da Federica Sciarelli e in onda su Rai 3, alle ore 21.20 ci porterà sui luoghi dove la bimba rapita a Mazara del Vallo sarebbe stata portata il primo settembre 2004, giorno in cui è scomparsa per sempre. Dopo 17 anni, ora, si spera, "sta per cadere il muro di omertà". La procura di Marsala ha riaperto l'inchiesta dopo che il caso era tornato alla "ribalta" grazie a una trasmissione televisiva russa, che aveva spacciato un'attrice per la piccola bambina scomparsa.

Secondo le ultime notizie trapelate, sarebbero spuntanti sei testimoni che avrebbero informazioni sulla sparizione di Denise. Tutti si sarebbero fatti vivi in forma anonima. Si tratta di persone che, all'epoca, non avevano parlato per paura di ritorsioni e per "questioni di onore" o "familiari". Difficile che si arrivi però alla verità, o quantomeno che ci si arrivi in tempi rapidi. I testimoni, infatti, avrebbero fornito tutti argomenti diversi e si teme che tra loro ci sia anche qualche millantatore. 

La trasmissione tv di Chi l'ha visto? stasera mostrerà i nuovi documenti seguendo, secondo le anticipazioni della trasmissione, le rivelazioni fatte all'epoca da Battista Della Chiave, testimone oculare sordomuto (in seguito scomparso) del rapimento della bimba. Si continua a sperare comunque che il muro di omertà creatosi fin da settembre 2021 attorno alla scomparsa della piccola Denise Pipitone possa finalmente crollare. Recentemente l'autore di una lettera anonima aveva inoltre tirato in ballo il nome di Claudio Corona, fratello di Anna Corona, ex moglie di Pietro Pulizzi, padre naturale di Denise. Claudio Corona, arrestato nel 2012 nell’ambito dell’operazione "Tonno Bianco" legata al traffico di sostanze stupefacenti, non è mai stato indagato per la sparizione della bambina. Eppure il testimone ha chiesto di essere interrogato dalla Procura perché ritiene di essere in possesso di elementi importanti che potrebbero far luce su una vicenda.

Denise Pipitone ultimissime notizie oggi, il testimone conferma: "Ho visto Anna Corona"

Una testimonianza che pare verosimile, anche se per la verità fin troppo dettagliata. In particolare è a molti sembrato strano che dopo quasi vent'anni una persone possa ricordare cosa ha mangiato un'altra all'ora di pranzo. Alcuni hanno dunque sospettato a una menzogna. È infatti risaputo che, spesso, chi vuole mentire arricchisce la sua storia con più dettagli possibili, a volte senza nemmeno rendersene conto.

In ogni caso, sulla possibilità che le figlie di Anna, Jessica Pulizzi e la sorella, siano passate in hotel il giorno della sparizione di Denise Pipitone, il signor Vito non si sbilancia. "Io non ho visto arrivare le ragazze, non so se qualcuno le ha viste. Era possibile accedere alla lavanderia dal garage, ma dalla reception si vedeva chi entrava e chi usciva. Se Anna Corona è uscita prima quel giorno, qualcuno l'ha vista". Dopo la riapertura delle indagini da parte della Procura di Marsala Anna Corona, ex moglie del padre biologico di Denise, è finita nel registro degli indagati.

Chi è Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise

Fin da subito, agli investigatori, la madre aveva confessato che Denise non era la figlia del marito ma di Pietro Pulizzi, con cui aveva avuto una relazione extra-coniugale. Nel 2014 la Procura di Marsala aveva dunque aperto un’inchiesta per omicidio in seguito all’acquisizione di un'intercettazione ambientale. Jessica Pulizzi, figlia di Pietro (e sorellastra di Denise) all’epoca 14enne, venne accusata di aver fatto rapire Denise. Il motivo sarebbe stata la gelosia. A tradirla alcune cimici istallate nella sua abitazione. 

A settembre 2017, tuttavia, Jessica è stata assolta in via definitiva. L’ipotesi fu quella che la giovane avesse materialmente rapito Denise per poi consegnarla a un gruppo di nomadi che conosceva. Per lei erano stati richiesti 15 anni di carcere, ma dopo diversi anni di indagini e processi Jessica fu assolta per mancanza di prove. Un secondo imputato, il fidanzato di Jessica, l’italo-tunisino Gaspare Chaleb, era accusato di false dichiarazioni al pm, ma il reato è stato prescritto.

Denise Pipitone, intercettazioni CHOC: "L'ha uccisa a Denise"

Sempre a Mattino 5, in un'altra puntata, la conduttrice Federica Panicucci aveva fatto ascoltare alcune intercettazioni ambientali registrate 10 giorni dopo la scomparsa di Denise Pipitone. Le parole sono inquietanti. La conduttrice spera dunque che si possa riaprire il caso, affermando che con gli strumenti scientifici che abbiamo a disposizione oggi, si potrebbero ripulire tutti i file e analizzare meglio le tracce recuperate. Sono infatti ancora tanti i misteri che avvolgono il caso: dalle intercettazioni scioccanti, all'impronta della manina di Denise su una macchina in cui non avrebbe dovuto esserci, a una misteriosa macchina blu che ha sfrecciato per le vie della città andando a sbattere senza neanche fermarsi.

A destare tanta perplessità sono soprattutto le intercettazioni ambientali fra Jessica Pulizzi e Anna Corona. Durante il processo queste registrazioni sono state considerate frammentarie e a tratti anche incomprensibili, tanto da portare la Cassazione a scagionare le due donne per insufficienza di prove.

"Io a casa ci 'a purtai". "La picciridda sbattì (la piccola cadde)".

La seconda intercettazione è ancora più inquietante e la terza è davvero scioccante.

Anna: "Perché mi hai chiesto come hai gli occhi?"

Jessica: "Perché scusa, guardami..."

Anna: "Problemi ne hai Jessica con Dio?"

Jessica: "Io a casa ce la portai"

Anna: "Va boh ti dico, tu problemi con Dio ce ne hai?"

Jessica: "No, però l'ho già detto"

Anna: "Jessica guardami negli occhi. Io sono una persona credente, io credo in Dio"

La terza intercettazione è la più forte di tutte. A parlare sono Jessica Pulizzi, che è andata a processo ed è stata assolta in Cassazione nel 2017, e Alice Pulizzi, la sorella di Jessica.

Jessica: "Eravamo a casa, la mamma l'ha uccisa a Denise"

Alice: "L'ha uccisa a Denise, la mamma?"

Alice: "Tu dici queste cose...boh"

Jessica: "Tu non devi parlare"

Alice: "Questo è logico".

Durante il processo, Alice Pulizzi è stata sentita, ma ha negato di aver detto quelle cose.

Le intercettazioni durante il processo sono state considerate non complete e non una prova.

Gli ospiti presenti in studio da Federica Panicucci hanno anche detto che sulle intercettazioni di quel periodo ci sarebbe stato anche un grandissimo depistaggio.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x