Domenica, 09 Maggio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Denise Pipitone ultimissime, intercettazioni CHOC: "A casa la portai. Lei l'ha uccisa a Denise. Non parlare"

Spuntano intercettazioni choc sul caso Denise Pipitone. Dopo oltre 17 anni si torna a parlare di alcune frasi raccapriccianti, avvolte nel mistero

15 Aprile 2021

Denise Pipitone ritrovata in Russia

Fonte: Facebook

Ultimissime novità sul caso Denise Pipitone: rispuntano intercettazioni scioccanti registrate pochi giorni dopo la scomparsa della piccola nel 2004 da Mazara del Vallo. A Mattino Cinque, Federica Panicucci ha fatto vedere diversi filmati mandati in onda dai tg con gli appelli dei genitori di Denise e alcune interviste. Tutti cercavano la piccola, Piera Maggio era disperata, i parenti sotto choc, ma fra questi qualcuno ha pronunciato delle parole inquietanti. Al momento della scomparsa, secondo le ricostruzioni, Denise Pipitone stava giocando sull'uscio della porta della nonna. Vedendo il cuginetto si è messa a correre. Il bambino è entrato in casa, ma la piccola è rimasta lì fuori a vederlo. La mamma del bambino, ossia la zia di Denise, ha visto la piccola affacciarsi alla porta e poi più niente. La bambina non è mai più stata ritrovata.

Denise Pipitone ultimissime, intercettazioni CHOC: 'L'ha uccisa a Denise'

Nel corso della puntata, Federica Panicucci ha fatto ascoltare alcune intercettazioni ambientali registrate 10 giorni dopo la scomparsa di Denise Pipitone. Le parole sono inquietanti. Si potrebbe riaprire il caso? E' ciò che spera la conduttrice stessa affermando che con gli strumenti scientifici che abbiamo a disposizione oggi, si potrebbero ripulire tutti i file e analizzare meglio le tracce recuperate. Sono ancora tanti i misteri che avvolgono il caso: dalle intercettazioni scioccanti, all'impronta della manina di Denise su una macchina in cui non avrebbe dovuto esserci, ad una misteriosa macchina blu che ha sfrecciato per le vie della città andando a sbattere senza neanche fermarsi.

A destare tanta perplessità sono soprattutto le intercettazioni ambientali fra Jessica Pulizzi e Anna Corona, che sono figlia e madre.

Durante il processo queste registrazioni sono state considerate frammentarie e a tratti anche incomprensibili, tanto da portare la Cassazione a scagionare le due donne per insufficienza di prove.

"Io a casa ci 'a purtai". "La picciridda sbattì (la piccola cadde)".

La seconda intercettazione è ancora più inquietante e la terza è davvero scioccante.

Anna: "Perchè mi hai chiesto come hai gli occhi?"

Jessica: "Perchè scusa, guardami..."

Anna: "Problemi ne hai Jessica con Dio?"

Jessica: "Io a casa ce la portai"

Anna: "Va boh ti dico, tu problemi con Dio ce ne hai?"

Jessica: "No, però l'ho già detto"

Anna: "Jessica guardami negli occhi. Io sono una persona credente, io credo in Dio"

La terza intercettazione è la più forte di tutte. A parlare sono Jessica Pulizzi, che è andata a processo ed è stata assolta in Cassazione nel 2017, e Alice Pulizzi, la sorella di Jessica.

Jessica: "Eravamo a casa, la mamma l'ha uccisa a Denise"

Alice: "L'ha uccisa a Denise, la mamma?"

Alice: "Tu dici queste cose...boh"

Jessica: "Tu non devi parlare"

Alice: "Questo è logico".

Durante il processo, Alice Pulizzi è stata sentita, ma ha negato di aver detto quelle cose.

Le intercettazioni durante il processo sono state considerate non complete e non una prova.

Gli ospiti presenti in studio da Federica Panicucci hanno anche detto che sulle intercettazioni di quel periodo ci sarebbe stato anche un grandissimo depistaggio.

Chi è Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise

Fin da subito, agli investigatori, la madre aveva confessato che Denise non era la figlia del marito ma di Pietro Pulizzi, con cui aveva avuto una relazione extra-coniugale. Nel 2014 la Procura di Marsala aveva dunque aperto un’inchiesta per omicidio in seguito all’acquisizione di un'intercettazione ambientale. Jessica Pulizzi, figlia di Pietro (e sorellastra di Denise) all’epoca 14enne, venne accusata di aver fatto rapire Denise. Il motivo? La gelosia. A tradirla alcune cimici istallate nella sua abitazione. "Io a casa ci ’a purtai", disse alla madre che le chiedeva dov’era il 1 settembre, quando scomparve Denise.

A settembre 2017, tuttavia, Jessica è stata assolta in via definitiva. L’ipotesi fu quella che la giovane avesse materialmente rapito Denise per poi consegnarla a un gruppo di nomadi che conosceva. Per lei erano stati richiesti 15 anni di carcere, ma dopo diversi anni di indagini e processi Jessica fu assolta per mancanza di prove. Un secondo imputato, il fidanzato di Jessica, l’italo-tunisino Gaspare Chaleb, era accusato di false dichiarazioni al pm, ma il reato è stato prescritto.

Denise Pipitone ultimissime, spunta una foto: fra bambini nomadi c'è una bambina identica a Denise. E' lei?

Ultimissime novità su Denise Pipitone, la bambina scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004. Il caso è esploso nuovamente nelle ultime settimana, quando una ragazza russa, Olesya Rostova, si è presentata in un programma per cercare la propria mamma. La giovane, di circa 20 anni, ha raccontato di essere stata rapita quando era piccola. Di essere stata portata in un campo rom e poi in un istituto. La somiglianza di Olesya con Piera Maggio e con le foto di Denise Pipitone aveva riacceso la speranza di poter ritrovare la bambina scomparsa. Dopo giorni di attesa per la comparazione del Dna è purtroppo finito tutto nel nulla. Denise Pipitone non è Olesya Rostova. Piera Maggio però continua a combattere e proprio nelle ultime ore è scomparsa una nuova foto incredibile.

Denise Pipitone ultime novità, spunta una foto impressionante

L'attenzione su caso di Denise Pipitone non si spegne. Tutti gli italiani continuano a stringersi intorno a Piera Maggio, la mamma della piccola scomparsa, che con grandissimo coraggio e determinazione continua a cercare sua figlia. Nelle ultime ore è spuntata sul web una foto che ha dell'incredibile. A mostrare lo scatto è Federica Panicucci a Mattino Cinque.

Nell'immagine si vedono alcuni bambini rom, dietro ai quali c'è una bambina che ha la stessa faccia che aveva Denise al momento della scomparsa. Un utente, vedendo lo scatto sul web, lo ha ripostato chiedendo se qualcuno avesse già visto quella foto precedentemente, in particolare nell'anno della scomparsa della piccola.

Mattino Cinque ha condotto delle indagini ed è stato rintracciato l'autore della foto.

Il viso, la posa e i vestiti della bambina che compare nella foto hanno portato subito ad associare l’immagine a Denise Pipitone. La somiglianza è impressionante. E' davvero Denise la piccola che si vede?

L'autore dello scatto, come rivelato da Federica Panicucci, è Michael Biake, fotografo inglese.

Lui stesso ha raccontato di aver scattato la foto nell’agosto del 2012, non del 2004. "Stavo lavorando ad un articolo - ha rivelato il fotografo - e ho scattato un’immagine delle persone che vivono in Slovacchia. Lì vivono soprattutto persone di etnia rom e volevo concentrarmi su quello. Quando mi sono svegliato ieri ho visto che avevo ricevuto più di 100 messaggi. Tutti volevano sapere quando avessi scattato la foto. Ma era il 2012".

La foto è stata mostrata a Felice Grieco, la guardia giurata che un mese dopo la scomparsa di Denise Pipitone aveva visto una bambina che poteva essere lei. L'uomo aveva subito contattato la polizia e aveva fatto dei video. Felice ha raccontato che insieme alla piccola c’erano altri bambini rom. Nonostante facesse molto caldo, la bambina somigliante a Denise era molto coperta: aveva maniche lunghe e cappuccio, mentre gli altri bambini erano a maniche corte.

Federica Panicucci ha mostrato lo scatto a Felice, per capire se lui riconoscesse qualche altro bambino. L'uomo tuttavia ha rivelato che i bambini che aveva visto insieme alla piccola che poteva assomigliare a Denise erano diversi. Solo uno gli ricorderebbe vagamente qualcosa.

Denise Pipitone, la storia

La piccola Denise Pipitone, figlia di Piera Maggio, è scomparsa da Mazara del Vallo nel lontano 2004. In questi 17 anni la madre non ha mai smesso di cercarla. Fra avvistamenti e somiglianze particolari, la speranza della donna si è riaccesa più volte, ma è sempre finito tutto nel nulla. Un mese dopo il rapimento, c'era stato l'avvistamento a Milano di una bambina trovata assieme a dei nomadi del tutto simile alla piccola Denise. Ma, dopo affannose ricerche, la pista ha portato a un vicolo cieco. I nomadi erano spariti. 

Le indagini degli inquirenti avevano inoltre portato alla luce un serie di faide e intrighi di famiglia che riguardavano i rapporti dei parenti più stretti di Denise. Anche in questo caso, però, il tutto si era risolto con un nulla di fatto, con l'archiviazione dell'unica indagata nel 2017. Si trattava di Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise. All'inizio del 2021, a gennaio, era arrivata addirittura la notizia che la piccola Denise potesse essere stata uccisa dai suoi stessi rapitori. Anche questa indiscrezione non era però mai stata confermata.

Denise Pipitone come sarebbe oggi

Nel corso del tempo sono state diffuse diverse immagini che ritraggono il possibile volto (disegnato a computer) di Denise Pipitone nelle varie fasce d'età. Gli elaborati tendevano a mostrare dei volti somiglianti con quello di Piera Maggio. Altri si basavano sull'ultima foto della bambina prima della scomparsa e le aggiungono qualche anno.

Tutti avevano evidenziato la somiglianza del volto di Olesya Rostov con quello di Piera Maggio. Ma solo gli esami del Dna avrebbero potuto accertare la parentela fra le due. L'avvocato della Maggio, però, aveva messo fine, nella giornata di ieri, mercoledì 7 aprile, per primo, a tutte le illazioni, nonché alle speranze dell'Italia intera che attendeva con il fiato sospeso.

Olesya Rostova non è Denise Pipitone

Denise Pipitone non è Olesya Rostova, eppure le immagini della ragazza russa continuano a fare il giro del web. E' grande lo sdegno provocato in Italia dalle modalità con cui la tv russa ha condotto il caso, prima di rivelare l'esito della comparazione del gruppo sanguigno di Olesya con quello di Piera Maggio. La donna attendeva da giorni di sapere se Olesya Rostova fosse Denise Pipitone, eppure tutto si è trasformato in uno show televisivo. Piera Maggio si era rinchiusa nella sua speranza, dopo ben 17 anni di faticose ed incessanti ricerche. Il suo legale, Giacomo Frazzita è invece andato su tutte le furie pur di ottenere l'attesissimo esito. 
 
Il caso ora si è concluso con un'amara notizia: il gruppo sanguigno non è compatibile. Denise Pipitone non è Olesya Rostova. Eppure la ragazza russa continua ad attirare l'attenzione dei media. Come se non bastasse, ora spuntano anche dei "filmini hard" e c'è chi continua a dire che Olesya sarebbe una "attrice in cerca di visibilità".

Denise Pipitone ultimissime, spunta un passato hot di Olesya Rostova. "Baci lesbo e filmini hard"
I dubbi sulla vera identità e sugli scopi di Olesya Rostova sono stati alimentati nelle ultime ore dallo youtuber ‘Roma_bler’. Il giovane ha postato foto e filmati che apparterrebbero al passato di Olesya, come riporta strettoweb.com. Nei video la giovane appare in atteggiamenti disinibiti e impegnata in baci hot. Nella post su Instagram, lo youtuber scrive traducendo in italiano: "“Olesya Rostova era un’attrice del mio reality Show su YouTube. Non giocare con i sentimenti delle persone in TV, lei mente. Ho un sacco di video in cui mi dice che è pronta a fare qualsiasi cosa per la popolarità e oltre. Per lei, questa è la cosa più importante. Non ti lascerò ingannare! Seguiteci, andrò in TV e vi mostrerò tutto. Mostra questo video a tutti!“.

Che cosa accadrà nelle prossime ore? Il ragazzo mostrerà altri video spinti di Olesya Rostova?

Chi è Olesya Rostova

Chi è veramente Olesya Rostova? La ragazza russa non è Denise Pipitone. La speranza è ormai svanita del tutto. Secondo numerosi utenti, Olesya avrebbe preso in giro tutti. Nel corso della trasmissione della tv russa di mercoledì 8 aprile, la Rostova, il cui vero nome sarebbe Angela, ha già incontrato la sua vera sorella biologica, Anastasia Nikulina Zhuchkova. Le due si sarebbero già aggiunte su Instagram e si sarebbero scambiate diversi like.

Nelle ultime ore continuano però a spuntare ulteriori indiscrezioni su Olesya che, stando ai rumor, sarebbe un'attrice assunta per interpretare la parte della "bambina smarrita". Si è parlato addirittura di alcuni filmati hard che la vedrebbero come protagonista.

Rimangono molti interrogativi su Olesya Rostova, chi è veramente? Si trattava davvero di una ragazza che cercava la sua famiglia dopo essere scomparsa da casa tanti anni fa?

Solo fino a qualche mese fa, la ragazza era stata protagonista di un reality show sul web. Un reality in cui 15 ragazze  cercavano di mettersi in mostra il più possibile mentre venivano riprese 24 ore al giorno. "Nella mia trasmissione Olesya diceva che avrebbe fatto di tutto per avere popolarità - ha scritto lo stesso youtuber mostrando i video su Instagram - è solo un'attrice. Il test sarà negativo e capirete che vi ho detto la verità".

Olesya Rostova: Piera Maggio indignata e con lei tutti gli italiani

Le parole del produttore del reality avevano scioccato tutti. La triste verità è poi davvero arrivata. Olesya Rostova non è la figlia di Piera Maggio. Per l'ennesima volta la speranza della mamma di Denise si è spenta, lasciando solo amarezza. Olesya era "disposta a fare di tutto pur di ottenere visibilità". Lo era al punto da prendere in giro una madre che da oltre 17 anni sta cercando sua figlia scomparsa? Tutti gli italiani speravano in un lieto fine. Tutto però si è esaurito nel peggiore dei modi. Olesya non sarebbe una "bambina rapita", ma una giovane in cerca di visibilità.  

Denise Pipitone ultimissime: che cosa significa il nome Olesya

Erano tanti gli elementi, dalla somiglianza tra le Olesya e Piera Maggio, all'età che combacia, che avevano fatto ben sperare. Soprattutto c'era un elemento altamente suggestivo nella vicenda e riguardava il significato del nome Olesya.

"Abbiamo fatto uno studio sul nome Olesya e nella letteratura ucraina-russa è la protagonista di un romanzo che narra la storia di una giovane nipote che vive con la nonna ed è perseguita dalla comunità rurale fino a quando scompare", aveva detto l'avvocato della Maggio. "È un fatto curioso ma è solo un elemento suggestivo".

Denise Pipitone, Olesya Rostova e l'inutile attesa per l'esame del Dna
Le immagini di Olesya Rostova hanno fatto il giro del web per una settimana. La ragazza russa, di circa 20 anni, è andata nella tv del suo Paese per raccontare del suo rapimento da bambina e di essere stata portata in un campo rom. Tutti hanno subito pensato a Denise Pipitone. Ma non solo la storia raccontata dalla ragazza russa, anche le sue incredibili somiglianze con la madre della stessa Denise, Piera Maggio, avevano contribuito nei giorni scorsi a riaccendere le speranze.

La trasmissione russa "lasciateli parlare" aveva dunque montato il caso, creando una snervante quanto inutile attesa sull'esame del Dna. La tv russa l'aveva tirata per le lunghe. L'annuncio, in un primo momento, era atteso per il pomeriggio di Pasquetta. Poi è stato rimandato a martedì 6 aprile, per essere successivamente rimandato di un altro giorno. Per tutto quel tempo sui social era circolato un messaggio di Piera Maggio, la quale aveva giustamente criticato le modalità adottate in Russia per il test. "Anche se non condivise - commenta la mamma di Denise Pipitone - rimaniamo in attesa dei risultati. Cautamente speranzosi. RINGRAZIAMO di cuore tutti coloro che in questo momento ci sono vicini. Comunque vada noi andremo sempre avanti". Ora possiamo solo immaginare cosa sta passando Piera, che, nonostante le sue parole, probabilmente un po' ci aveva sperato. Perché una madre che ha perso la figlia non può fare altro.

Chi è Olesya Rostova: la ragazza russa che tutti credevano Denise Pipitone
Olesya Rostova si è raccontata nel programma russo "Lasciali parlare" per la prima volta. Nel 2005, all'età di 5 anni, sarebbe stata rapita da una rom e portata in un campo nomade in Russia. Avrebbe trascorso un periodo nella baraccopoli e poi sarebbe stata trasferita in un orfanatrofio. Durante un'attività di controllo, sempre secondo quanto raccontato, la polizia avrebbe accertato l'assenza di legami di parentela fra la bambina e la presunta madre rom.

La piccola non aveva con sé nemmeno i documenti e proprio per questo è anche difficile capire la vera età attuale di Olesya Rostova. La bimba sarebbe a quel punto stata trasferita in un istituto, dove le sarebbero stati tagliati i capelli e le è stato dato il nome di Rostova Olesya. Queste tutte le bugie di Olesya, raccontate per "avere visibilità".

Denise Pipitone: la somiglianza di Olesya Rostova con Piera Maggio

C'era un dettaglio in particolare che aveva attirato l'attenzione. Olesya aveva una cicatrice simile a quella che aveva Denise Pipitone al momento della scomparsa da Mazzara del Vallo. Ma le somiglianze che ci hanno ingannato non si fermavano qui. Tra le due c'erano tanti particolari che avevano fatto ben sperare, più di quelli che rientrerebbero nelle normali coincidenze.

Le foto tra la Maggio e la ragazza russa sono state confrontate nel corso della puntata di Pomeriggio 5 andata in onda venerdì 2 aprile. Per quanto riguarda le somiglianze, notiamo che le due donne hanno la stessa distanza fra naso e bocca e il labbro superiore sempre più piccolo rispetto a quello inferiore. La bocca è di per sé uguale, piccola ma carnosa. Infine hanno tutte e due la stessa espressione del viso.

Ovviamente nelle foto erano ben distinguibili anche molte differenze. La larghezza del naso tra Olesya e Piera era diversa. Anche la linea del mento risultava molto differente tra le foto delle due. Anche gli esperti, interrogati da Barbara D'Urso non avevano voluto sbilanciarsi.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti