Giovedì, 30 Giugno 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Bain & Company - Amerigo presentano "Data Driven Cities": smart cities, infrastrutture e gestione dei dati per uno sviluppo sostenibile

Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano ha ospitato "Data Driven Cities", l'evento di Bain & Company in collaborazione con Amerigo. Un dibattito con le prime linee di importanti realtà aziendali sul ruolo di smart cities, infrastrutture e gestione dei dati per uno sviluppo sostenibile

Di Giada Massironi

15 Giugno 2022

Bain & Company - Amerigo presentano "Data Driven Cities": smart cities, infrastrutture e gestione dei dati  per uno sviluppo sostenibile

fonte: Linkedin

Si è tenuto oggi, nella splendida cornice del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" di Milano, l'evento Data Driven Cities che Bain & Company Italy ha organizzato in collaborazione con Associazione AMERIGO. Al centro del dibattito la smart city, infrastrutture, gestione dei dati e sviluppo sostenibile.

Il Build Back del presidente Biden e il PNRR italiano hanno forti analogie e differenze: il confronto si è concentrato sul ruolo che le Grandi Città possono svolgere come "piattaforme infrastrutturali abilitanti" dei piani nazionali di ripresa. Si è partiti dalla città di Milano e dal tema delle smart cities e dei dati per un dibattito tra le istituzioni e il settore privato.

Tra gli ospiti il Console Generale degli Stati Uniti Robert Needham e il Ministro E. Giovannini, ma anche prime linee di importanti realtà aziendali di diversi settori: mobilità e trasporti, tecnologia, finanza, infrastrutture. In chiusura, ha partecipato in live streaming il Chief Climate Officer di NYC, Rohit Rit Aggarwala.

Bain & Company, Prioreschi: "Obiettivi net zero non raggiungibili prima del 2057: agire su città e informaizoni interconnesse"

VIDEO - Bain & Company, Prioreschi: "Obiettivi net zero non raggiungibili prima del 2057: agire su città e informaizoni interconnesse"

Roberto Prioreschi, Managing Partner Bain & Company Italia e Turchia, a Il Giornale d'Italia:

"Oggi parliamo di smart city e della gestione di dati e informazioni per creare infrastrutture che possano cambiare il footprinting del nostro Paese sia dal punto di vista di digitalizzazione che sostenibilità. Con il PNRR abbiamo tantissime risorse, ma è fondamentale riuscire ad accompagnare verso un mondo molto più sostenibile attraverso la gestione dei dati e l'interconnesione delle informazioni. Gli obiettivi net zero al 2030 sappiamo che verranno realisticamente raggiunti non prima del 2057: quello che possiamo fare è agire sulla gestione delle città e delle informazioni interconnesse in logica di piattaforma come strumento per accelerare il percorso di decarbonizzazione.

Ci sarà un confronto con la citta di New York, una delle pochissime realtà che ha implementato un sistema di smart city degno di questo nome. 

Credo che sia necessario fare sistema, ciò che manca a questo paese è riuscire ad interconnettere i vari player verso un obiettivo comune."

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, Fiorenzo Galli: "Il mondo deve ripensare al proprio modello identitario"

VIDEO - Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, Fiorenzo Galli: "Il mondo deve ripensare al proprio modello identitario"

Fiorenzo Galli, direttore generale del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo Da Vinci” di Milano, a Il Giornale d'Italia:

"Uno dei nostri scopi è quello di generare conoscenza e cittadinanza scientifica per tutti, in particolare per le nuove generazioni. Tutto quello che rappresenta un contesto di novità e di aggiornamento ci riguarda. Ospitiamo questo evento con grande piacere, insieme ai circa 250 eventi all'anno.

Il mondo deve ripensare al proprio modello identitario, noi abbiamo attraversato un periodo importante fino agli anni '70 duraate il quale l'Italia, società manifatturiera industriale, era protagonista. Poi siamo entrati in una società dei servizi, adesso viviamo in una società della conoscenza. Su questo dobbiamo fare grandi sacrifici."

Olivier François: "Stellantis sta investendo 30 mld sull’elettrico: puntiamo alla Carbon neutrality entro il 2038"

VIDEO - Olivier François: "Stellantis sta investendo 30 mld sull’elettrico: puntiamo alla Carbon neutrality entro il 2038"

Olivier FrançoisFIAT CEO e Stellantis Global CMO, a Il Giornale d'Italia:

"Sia FIAT che il Gruppo Stellantis scommettono e investono sull’elettrico. FIAT è sempre stato il marchio della mobilità sostenibile in città: oggi abbiamo rinnovato la 500 facendola diventare totalmente elettrica. I risultati ci sono, infatti sta per diventare il modello elettrico più venduto in Europa e siamo secondi solo a Tesla. Per l’Italia credo che sia un motivo di orgoglio incredibile, inoltre è seconda nelle macchine elettriche in Europa davanti a tedeschi, francesi, giapponesi. Continueremo ad investire: abbiamo annunciato che dal 2024 tutte le macchine FIAT nuove saranno solo elettriche. Range, tempi di carica e costi andranno a migliorare.

Io oggi lancerò un appello perché a livello sistemico ci sia uno sforzo coordinato tra poteri pubblici e industria per aiutarci a rendere l’elettrico non solo più accessibile, ma anche per lavorare sulle infrastrutture: l’erogazione dell’elettricità deve essere molto più facile e democratica."

Free To X, Moroni: “Mobilità sostenibile, la nostra più grande sfida. Vogliamo arrivare ad accompagnare il viaggiatore door to door”

VIDEO - Free To X, Moroni: “Mobilità sostenibile, la nostra più grande sfida. Vogliamo arrivare ad accompagnare il viaggiatore door to door”

Giorgio Moroni, CEO Free To X (Gruppo Autostrade per l'Italia) a Il Giornale d’Italia:

 “Smart city e smart mobility poggiano su principi abbastanza alternativi: l’infrastruttura e la parte digitale. Siamo partiti con l’infrastrutturazione del green first, dell’elettrico, stiamo inoltre lavorando sull’idrogeno. Questo è solo un pezzo del processo e al tempo stesso stiamo immaginando di accompagnare il viaggiatore door to door, quindi non nei grandi flussi di traffico ma anche alla porta di casa. Il tema delle mobilità sostenibile è la grande sfida che abbiamo. Il PNRR dà molte risorse, penso all’elettrico e all’idrogeno, per migliorare le città e la vita dei cittadini. Il tema adesso è essere capaci di fare sistema e spenderli in maniera giusta”.

Intesa Sanpaolo, Roscio: “PMI hanno un ruolo chiave nella transizione digitale. Il PNRR non può risolvere tutto, necessario investimento privato”

VIDEO - Intesa Sanpaolo, Roscio: “PMI hanno un ruolo chiave nella transizione digitale. Il PNRR non può risolvere tutto, necessario investimento privato”

Anna Roscio, responsabile Sales & Marketing Imprese di Intesa Sanpaolo, a Il Giornale d’Italia:

“Nell’ambito del tema della digitalizzazione noi tratteremo qui il ruolo delle PMI nella transizione digitale. Crediamo che non ci possa essere un progetto di digitalizzazione se non attraverso il coinvolgimento del sistema produttivo che in Italia è fatto dalle pmi che hanno bisogno di essere supportate e guidate dai capo filiera”.

“In questo senso sosteniamo con un impegno continuo le aziende anche attraverso soluzioni di finanziamento dedicato alla digitalizzazione che includono un meccanismo di premialità per le aziende che investono in digitale e attraverso un continuo sviluppo di partnership, da Microsoft, Google a TIM, per mettere a disposizione soluzioni non finanziarie di natura tecnologica.  Il PNRR ruota intorno al digitale e alla sostenibilità. Il PNRR non può risolvere tutto, ci deve essere anche investimento privato ma indubbiamente è una buona spinta.”

FS, Favara: "StationLAND, l'obiettivo è costruire un layer di intelligenza e integrazione dei servizi pubblici di trasporto"

VIDEO - FS, Favara: "StationLAND, l'obiettivo è costruire un layer di intelligenza e integrazione dei servizi pubblici di trasporto"

Fabrizio Favara, Chief Strategy Officer del Gruppo Ferrovie dello Stato, a Il Giornale d'Italia:

"Smart city è il concetto più importante è attuale di questo momento. In relazione al settore dei trasporti dobbiamo immaginare che la tecnologia e il digitale stanno arrivando in ritardo rispetto ad altri settori. Siamo ancora in tempo, sopratutto per un valore etico: l’evoluzione digitale deve accompagnare quella tecnologica e fisica delle infrastrutture.

Ferrovie dello Stato è una grande arteria che porta il traffico nelle città, ma abbiamo bisogno che i capillari inizino a funzionare: per farlo, bisogna realizzare questo percorso di intelligenza che ci consente di superare la visione per slot e di comunicare tra le diverse forme di trasporto per riuscire ad ottimizzare quel 40% e ridurre drasticamente quel 70%.

Un impegno importante l’abbiamo già costruito con la piattaforma StationLAND. Si sono integrati vari layer di intelligenza, perché si è costruito attorno alla stazione tutto l’ambito di interesse della stazione: attraverso questa piattaforma abbiamo scoperto che a 3 km dalla stazione vive più o meno il 50% della popolazione italiana, c’è l’80% delle università, il 50% delle scuole, il 60% degli ospedali. Il percorso successivo è riuscire a connetterli bene in maniera sostenibile intorno a quell’aria di stazione. È lì che ci si stanno concentrando gli investimenti: nuove infrastrutture, piste ciclabili e costruire quel layer di intelligenza e integrazione dei servizi pubblici di trasporto."

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x