Sabato, 21 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Autostrade per l'Italia inaugura nuovo tratto a tre corsie della A1 tra Barberino di Mugello e Firenze Nord

Roberto Tomasi, Amministratore delegato di Autostrade per l’Italia: “Il nuovo tratto dell’A1 Barberino-Firenze nord è asset strategico per la viabilità e l’economia del territorio, ma soprattutto è un’avanguardia dal punto di vista ingegneristico e costruttivo, ambientale e tecnologico"

Di Giada Massironi

18 Marzo 2022

Autostrade per l'Italia inaugura nuovo tratto a tre corsie della A1 tra Barberino di Mugello e Firenze Nord

fonte: ilgiornaleditalia.it

Vede la luce un progetto strategico per la viabilità del Paese e la sua economia, un’opera unica dal punto di vista ingegneristico, realizzativo e tecnologico, laboratorio d’avanguardia in termini di capacità tecniche e costruttive, che anticipa un nuovo approccio in vista delle grandi sfide infrastrutturali che attendono il Paese.

A partire dal pomeriggio di domani, sarà infatti aperto al traffico il nuovo tratto a tre corsie della A1 tra Barberino di Mugello e Firenze Nord in direzione Sud: 17,5 km di nuovo tracciato, realizzati come naturale prosecuzione della Variante di Valico.

L’opera è stata presentata questa mattina a Barberino alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, del Presidente e dell’Amministratore Delegato di Autostrade per l’Italia Giuliano Mari e Roberto Tomasi, del Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, del Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, del sindaco della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardella, del sindaco di Barberino di Mugello, Giampiero Mongatti, del sindaco di Calenzano Riccardo Prestini e presenti tutti i sindaci del territorio attraversato.

Autostrade per l'Italia inaugura nuovo tratto a tre corsie della A1 tra Barberino di Mugello e Firenze Nord

La nuova infrastruttura potenzia uno degli snodi più trafficati del Paese, aumentando la capacità (da 4 corsie a 7 corsie) del tratto, che vede di media durante le ore di punta il passaggio di oltre 100 veicoli al minuto. Grazie a quest’opera, la maggiore fluidità del traffico comporterà un risparmio per la collettività di 1,5 milioni di ore l’anno, riducendo il tempo di percorrenza del 30%: il contenimento dei fenomeni di code e stop and go genererà inoltre una diminuzione di emissioni di CO2 quantificabile in -2.000 tonnellate all’anno. Per la sua realizzazione hanno operato ogni giorno in media 500 donne e uomini, per un totale di 6 milioni di ore lavorate.

Il nuovo tratto prevede nei 17,5 km complessivi - di cui 10 km in sotterraneo - tre corsie di marcia da 3,75 metri, più una corsia di emergenza sui tratti all’aperto. Il progetto rientra nel più ampio piano di sviluppo del nodo toscano dell’Autostrada del Sole, tra gli svincoli di Barberino e Valdarno, che riguarda un totale di 120km.

Il progetto presentato oggi, con un investimento totale di circa 1 miliardo di euro, si caratterizza per 4 infrastrutture principali, due gallerie e due viadotti: in questo contesto, spicca la Santa Lucia, la più lunga galleria a 3 corsie realizzata in Europa (circa 7.750 m), dotata di avanzati sistemi high-tech e scavata con l’ausilio della fresa TBM più grande mai utilizzata nel Vecchio Continente.

Oltre ai due nuovi fornici dell’infrastruttura, sono state realizzate gallerie artificiali di accesso (a Nord e a Sud), la piattaforma autostradale (nei tratti all’esterno delle gallerie), insieme all’installazione delle cabine tecniche e degli impianti di ventilazione, mitigazione incendio, telecontrollo. I fornici previsti nel progetto prevedono infatti le più innovative dotazioni di sicurezza per il monitoraggio digitale del traffico real time e per le emergenze, con impianti automatizzati di ultima generazione. La galleria, infatti si contraddistingue per l’importante presenza di tecnologie innovative che garantiscono elevati standard di sicurezza e una migliore gestione del traffico e degli eventi critici. Sul nuovo tracciato sono stati inoltre realizzati il Viadotto Baccheraia (135 m) e il Viadotto Marinella (550 m), oltre alla Galleria Boscaccio (2.000 m).

Con la supervisione del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, il progetto si caratterizza anche per un approccio altamente sostenibile, in grado di coniugare la realizzazione di una grande opera con la gestione e il rispetto del territorio e dell’ambiente che la ospita. Ne è un esempio il progetto di costruzione dell’area di servizio Bellosguardo (con il coinvolgimento di Arpat e CNR), previsto nell’ambito del potenziamento del tratto, che prevede il totale riutilizzo dei circa 4 milioni di metri cubi di terre scavate provenienti dagli scavi delle gallerie e destinati anche a coprire parte del fabbisogno di altri importanti interventi sul territorio toscano, come il progetto autostradale della A11.

I lavori per la realizzazione del nuovo tracciato sono stati eseguiti dalle squadre di Pavimental, società di costruzione del Gruppo. La nuova A1 tra Barberino di Mugello e Firenze Nord si colloca nell’ambito del robusto Piano di trasformazione del Gruppo, che impegna 21,5 miliardi di investimenti in nuove opere e interventi di ammodernamento al 2038: sul territorio toscano, la fase successiva vedrà l’avvio degli interventi per la riconfigurazione delle attuali carreggiate della A1 nel tratto tra Barberino e Firenze Nord, destinate a esclusivo utilizzo dei flussi in direzione Nord, con un totale di quattro corsie.

ASPI, Roberto Tomasi: "8,6 miliardi di progetti esecutivi pronti per essere cantierizzati"

VIDEO-ASPI, Roberto Tomasi: "8,6 miliardi di progetti esecutivi pronti per essere cantierizzati"

Roberto Tomasi, amministratore delegato di Autostrade per l'Italia, ha affermato ai microfoni de Il Giornale d’Italia: "Oggi festeggiamo l’apertura di un tratto importantissimo di completamento della variante di valico, che è il tratto Barberino - Firenze Nord, che ha due gallerie e due viadotti per 17,5 km. Qui è stata realizzata la galleria a tre corsie più grande realizzata in Europa: si tratta di oltre 7,7 km, realizzata con la fresa più grande utilizzata nel continente che connetterà il nord al sud del Paese e il sud al nord tra due nodi importanti che sono quello fiorentino e quello bolognese.

Abbiamo importantissimi progetti in programma, circa 6 miliardi di progetti pronti per essere cantierizzati, quindi con valutazioni di impatto ambientale e di servizi completati. Presenteremo ulteriori 2, 6 miliardi di progetti esecutivi, quindi con tutti gli iter autorizzati e completati per un complessivo di 8,6 miliardi più l’attività di ammodernamento e manutenzione sulla rete.

I nodi principali sui quali stiamo lavorando sono il nodo fiorentino, il nodo bolognese con il potenziamento e la riqualifica del passante di bologna più la A13 e la A14 e il nodo genovese, la gronda di Genova, più tutte le attività di ammodernamento sulle gallerie.

In termini di sostenibilità abbiamo presentato quest’anno il primo report di sostenibilità che ci vede già solidi negli obiettivi. Abbiamo l’obiettivo di arrivare alla carbon neutrality al 2030, almeno sullo scope 2, stiamo lavorando anche sullo scope 3. Abbiamo costituito una società che si chiama Egea per la produzione da fonti rinnovabili a supporto del piano energetico del paese”, conclude. 

ASPI, Tomasi: "Sostenere un cambiamento già in atto nella sfera della mobilità"


“Oggi è un giorno importante per il Paese” dichiara Roberto Tomasi, Amministratore delegato di Autostrade per l’Italia: “Il nuovo tratto dell’A1 Barberino-Firenze nord è asset strategico per la viabilità e l’economia del territorio, ma soprattutto è un’avanguardia dal punto di vista ingegneristico e costruttivo, ambientale e tecnologico. Modello replicabile in un contesto che vede il Paese affrontare le grandi sfide di un futuro che è già presente. Il nostro impegno per consegnare al Paese, da qui ai prossimi anni, infrastrutture sicure, moderne e rispondenti alle esigenze dei cittadini, si è mosso parallelamente con un’operazione di cambio radicale sin nel cuore della nostra azienda. Oltre ai 21,5 miliardi previsti per l’ammodernamento delle infrastrutture e la messa a terra delle nuove grandi opere, abbiamo dato valore al Gruppo agendo su tutti i settori: dall’organizzazione ai modelli di intervento, dal sistema di monitoraggio delle opere alle nuove tecnologie nel segno della cooperazione con le principali università. Quello che mostriamo oggi è anche, in qualche modo, il simbolo di questa profonda trasformazione, specchio di un Gruppo che si presenta pronto a sostenere un cambiamento già in atto nella sfera della mobilità. Voglio ringraziare le migliaia di donne e uomini che, con il loro lavoro, dedizione e competenza, hanno reso possibile oggi tutto questo”.

ASPI, Giuliano Mari: "Il Passante di Bologna farà da battistrada per nuove e impegnative realizzazioni”

VIDEO-ASPI, Giuliano Mari: "Il Passante di Bologna farà da battistrada per nuove e impegnative realizzazioni”

Giuliano Mari, Presidente di Autostrade per l’Italia, in occasione della presentazione del tratto a tre corsie in A1 tra Barberino e Firenze Nord, ha affermato a Il Giornale d’Italia: “L’inaugurazione di oggi è stata particolarmente importante perché sostanzialmente abbiamo completato e consegniamo al paese un’infrastruttura di importanza primaria. E’ stata realizzata secondo tecnologie interne, tutte nazionali e proprietarie, seguendo criteri di sostenibilità, rispetto per l’ambiente e sicurezza che sono importanti anticipatori dei paradigmi che dovranno essere seguiti in occasione delle prossime realizzazioni.

Altri appuntamenti ci attendono e in particolare per quanto riguarda il passante di Bologna, opera che sicuramente potrà fare da battistrada per queste nuove impegnative realizzazioni.

I nostri obiettivi in termini di sostenibilità e innovazione sono tracciati in quest’opera, per questo è così importante. Sostenibilità significa riduzione delle emissioni nocive, di Co2 in primo luogo, significa riutilizzo circolare delle terre e rocce da scavo in modo equo e compatibile.

Per quanto riguarda il tema della sicurezza abbiamo accennato che in questa realizzazione, in particolare per quanto riguarda la Galleria di Santa Lucia, sono stati adottati criteri di sicurezza imposti e prescritti dalla Commissione Permanente Gallerie, all’inizio del 2022. Questo ha richiesto un sostanziale rafforzamento dei circuiti anticendio che ha comportato uno slittamento di un paio di mesi nel completamento dell’opera”, conclude. 

Il Ministro Giovannini: "Quest’opera testimonia le elevate competenze in termini capacità di progettazione e costruzione presenti nel nostro Paese"

VIDEO- ASPI inaugura il nuovo tratto a tre corsie in A1 tra Barberino e Firenze Nord: l’intervento del Ministro Giovannini

“Come ho detto tante volte, il Ministro delle Infrastrutture raramente riesce a inaugurare qualcosa che è stato avviato sotto la sua responsabilità. Oggi ci tenevo moltissimo perché è una grandissima giornata, purtroppo avvenimenti di forza maggiore mi hanno escluso da questa gioia. Questo è un giorno non solo importante per tutta l’Italia, ma un giorno di vera gioia. Lo spirito con il quale è stata realizzata quest’opera è uno spirito comune che ha portato ad un risultato che milioni e milioni di persone avranno la possibilità di sperimentare.”

“Quest’opera testimonia le elevate competenze in termini capacità di progettazione e costruzione presenti nel nostro Paese e una garanzia per il conseguimento dei rilevanti programmi di investimento sulla stradale e autostradale previsti nei prossimi anni” ha dichiarato Enrico Giovannini, Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, che ha aggiunto: “Oltre all’esecuzione di opere di interesse strategico per il Paese, attese da anni, i programmi d’investimento definiti attraverso un’accurata pianificazione, realizzata anche grazie all'interlocuzione con le Regioni e gli enti locali, miglioreranno la mobilità in tutte le aree del Paese, comprese quelle interne. L’attuazione delle misure connesse al PNRR permetterà inoltre l’introduzione di innovazioni, tecnologiche e dei materiali, in grado di migliorare la qualità e la sostenibilità ambientale delle infrastrutture”.

Eugenio Giani: "Un atto che crea una spinta alla modernizzazione del paese"

Il Presidente regione Toscana, Eugenio Giani: "Un’occasione che rivela nella partecipazione quante persone si siano impegnate per un atto che modernizza l’Italia e crea una spinta alla modernizzazione del paese. Dopo la vicenda del ponte di Genova è stato richiesto uno sforzo ad ASPI ed e stato meritorio vedere come hanno affrontato la situazione. Ho visto in ASPI un gioco di squadra, persone competenti che con sinergia si rapportavano al territorio, vanto e orgoglio del nostro paese".

Nardella: "Nuovo tratto dell’A1 Barberino-Firenze nord, vantaggi per la mobilità sostenibile e per la sicurezza"

VIDEO-Nardella: "Nuovo tratto dell’A1 Barberino-Firenze nord, vantaggi per la mobilità sostenibile e per la sicurezza"

Dario Nardella, Sindaco di Firenze, in occasione dell'inaugurazione del nuovo tratto dell’A1 Barberino-Firenze nord ha sottolineato a Il Giornale d'Italia:

"Siamo molto felici di questa infrastruttura perché ha un importante impatto sull’aria metropolitana fiorentina per vari motivi: innanzitutto facilita la connessione tra Bologna e Firenze sul valico appenninico con benefici per migliaia di persone, con il 30% di riduzione del tempo di percorrenza e quindi anche di abbattimento della CO2.

Dall’altro lato attiva una serie di ulteriori opere correlate, in particolare il tratto della A-11 Firenze-Pistoia con la terza corsia e i lavori dello svincolo di Peretola. Quindi altri 300 milioni di investimenti che si aggiungono al miliardo di euro che è servito per realizzare un’opera così avanzata come questa galleria.

Questa infrastruttura risponde inoltre a standard di sicurezza elevatissimi, con il Comune di Firenze abbiamo infatti un piano strategico per la sicurezza dei cittadini e siamo riusciti a ridurre di due terzi le vittime di incidenti stradali".

Barberino di Mugello, il sindato Mongatti:  Prosecuzione della variante di valico cambia l’Italia e il mondo di viaggiare in Italia”

Gianpiero Mongatti, sindaco Barberino di Mugello: “Opera importantissima e necessaria x l’Italia. Barberino di Mugello e un comune caratterizzato dalla Presenza dell’autostrada è il suo sviluppo sta attorno al fatto che a un certo punto della storia è arrivata l’autostrada del sole. Questo trattato è la prosecuzione della variante di valico e cambia l’Italia e il mondo di viaggiare in Italia”.

Stefano Bonaccini: "Vicini ad altri investimenti che attendevamo da tempo: il passante di Bologna verrà ampliato dopo 30 anni"

Il Presidente Emilia Romagna Stefano Bonaccini: "Siamo interessati al fatto che la fluidità di trasporto, passaggio e veicolazione sia garantita nel miglior modo possibile. Ero venuto a inaugurazioni precedenti che hanno dato una svolta significativa alla parte nord e centrale del paese. L'intervento di oggi indica la qualità che l’Italia può mettere in campo. È un momento importante perché siamo vicini ad altri investimenti che attendevamo da tempo: il passante di Bologna verrà ampliato dopo 30 anni. Si tratta di un investimento importantissimo, che porta lavoro e garantisce un ulteriore opportunità di migliorare il passaggio è il Traportò tra parti importanti del Nostro paese . Un investimento importante con le giuste motivazioni ambientali: la sostenibilità e uno dei pilastri del PNRRR. La pandemia energetica ci sta mettendo a dura prova e come quella sanitaria e vernante un fenomeno trasversale. Auspicio è che ci siano semplificazioni adeguate per fare opere che in altre parti del mondo realizzano in pochi anni".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x