Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Contrabbando di tabacco, presentato a Roma il progetto M.A.C.I.S.T.E., Ettore Prandini: "Difendere il nostro patrimonio produttivo"



Al via tavolo permanente per il monitoraggio del commercio illecito dei prodotti del tabacco e della nicotina. Il Presidente e Amministratore Delegato di Philip Morris Italia Marco Hannappel: "L’innovazione di prodotto è da sempre un’opportunità di contrasto"

03 Novembre 2021

Contrabbando, presentato a Roma il progetto M.A.C.I.S.T.E., Ettore Prandini: "Difendere il nostro patrimonio produttivo"

M.A.C.I.S.T.E.

Il contrasto all'illecito nei tabacchi in Italia, l'evento organizzato dall' Osservatorio Agromafie in collaborazione con Philip Morris Italia, si è svolto questa mattina al Centro Congressi Palazzo Rospigliosi a Roma

Protagonista dell’incontro è stata la presentazione del progetto M.A.C.I.S.T.E. (Monitoraggio Agromafie Contrasto Illecito Settori Tabacchi e E-cig), che prende vita per analizzare il fenomeno del commercio illecito nel settore dei tabacchi lavorati e dei prodotti succedanei, nonché le relative implicazioni.

Contrabbando, presentato a Roma il progetto M.A.C.I.S.T.E. per combattere il fenomeno dell'illecito nel settore dei tabacchi 

M.A.C.I.S.T.E. prevede un monitoraggio permanente del fenomeno dell’illecito che annualmente si concretizzerà nella realizzazione di un rapporto alla cui elaborazione saranno invitati a partecipare i principali protagonisti del settore a livello nazionale: dalle Forze dell’Ordine all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, la Direzione Investigativa e la Direzione Distrettuale Antimafia, gli esperti del settore e i componenti del Comitato scientifico della Fondazione Agromafie.

L’obiettivo sarà redigere un quadro esaustivo del fenomeno criminale seguendone il consolidamento nel corso degli anni fino ad arrivare alla situazione corrente. Secondo i dati del rapporto annuale KPMG, l’Italia, grazie al lavoro delle forze dell’ordine e al presidio delle autorità istituzionali competenti, nel 2020 è riuscuta a posizionarsi come best practice a livello Europeo, con un consumo di sigarette contraffatte e di contrabbando che si attesta intorno al 3,4% del consumo nazionale (-4,4 punti percentuali rispetto alla media europea), raggiungendo il minimo storico in controtendenza rispetto a quanto accade nella maggior parte dei Paesi UE.

Tuttavia, secondo lo stesso rapporto, a livello nazionale il mancato gettito causato dal commercio illecito di tabacco si attesta ancora intorno ai 400 milioni di euro. Il progetto M.A.C.I.S.T.E. mira dunque a fornire un’analisi di dettaglio del fenomeno analizzandone le connotazioni territoriali, il legame con la criminalità organizzata, le implicazioni e il legame con altre attività criminali quali il traffico di stupefacenti, armi ed esseri umani. In ultimo, verranno illustrati i recenti sviluppi nello scenario post pandemico, le nuove frontiere quali il commercio on line e le potenziali misure a contrasto attraverso una collaborazione di respiro sia nazionale che internazionale.

Contrabbando del tabacco, Ettore Prandini (Coldiretti): “Costruire percorsi che diano certezze alle filiere produttive”

VIDEO-Contrabbando del tabacco, Ettore Prandini (Coldiretti): “Costruire percorsi che diano certezze alle filiere produttive”

Il Presidente Nazionale Coldiretti Ettore Prandini, in occasione della presentazione del progetto M.A.C.I.S.T.E., ha affermato a Il Giornale d’Italia: “Il progetto M.A.C.I.S.T.E.  nasce dalla collaborazione tra ColdirettiPhilip Morris e l’Osservatorio sulle Agromafie per dare certezze ai cittadini e ai consumatori nel tracciare tutto ciò che avviene all’interno della filiera nelle fasi di produzione, ma soprattutto in termini di collaborazione con le Forze dell’Ordine per portare in evidenza tutto ciò che viene commercializzato e non è figlio di un controllo ma è figlio di abusi e situazioni di carattere economico e produttivo che non essendo tracciate creano un rischio per la salute umana. C’è molto da dover fare, investire in termini di ricerca, di formazione con le nostre Forze dell’Ordine, per avere un personale sempre più qualificato e sempre più in grado di poter leggere i meccanismi legati alla commercializzazione degli stessi prodotti che purtroppo non utilizzano i canali tradizionali. Diventa di fondamentale importanza riuscire a costruire insieme dei percorsi che diano certezze e valore economico alle filiere produttive.

 Dall’Osservatorio ci aspettiamo di avere sempre più attenzione e creare condizioni a favore della formazione del personale che viene impiegato partendo dalle imprese agricole, nelle industrie e nelle multinazionali legate alla trasformazione, a chi si occupa della commercializzazione e riguarda anche coloro che sono preposti ai controlli che hanno bisogno di organici sempre più numerosi, proprio per i tentativi di frode che abbiamo sulle filiere agroalimentari, ma sicuri della grande preparazione delle nostre Forze dell’Ordine saremo in grado insieme di sconfiggere quel valore che oggi viene sottratto in termini di capacità e produzione interna lorda al Paese Italia”.

Contrasto all'illecito nel tabacco, Carlo Ricozzi: “Durante il lockdown il fenomeno del contrabbando è aumentato del 70%”

VIDEO-Contrasto all'illecito nel tabacco, Carlo Ricozzi: “Durante il lockdown il fenomeno del contrabbando è aumentato del 70%”

Il Gen. Carlo Ricozzi, Ispettore per gli Istituti di Istruzione della Guardia di Finanza, durante l’evento sul contrasto all'illecito nei tabacchi in Italia, tenutosi questa mattina a Roma, ha affermato a Il Giornale d’Italia:

“Abbiamo registrato nel corso del biennio 2019-2020, caratterizzato da una recessione dei reati predatori in virtù del lockdown, un aumento del fenomeno del contrabbando. Questo è dato principalmente dal sequestro dei tabacchi lavorati esteri che nel 2019 ha fatto registrare 201 tonnellate di sigarette di contrabbando e 345 tonnellate nel 2020 con un incremento del 70%, il lockdown non ha impedito il contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

Il punto di forza della Guardia di Finanza risiede nel suo dispositivo aereo-navale. Pattugliamo il mediterraneo e siamo in grado di ombreggiare senza essere visti natanti sospetti per intercettarli a terra o procedere all’abbordaggio nelle acque territoriali. Altro punto di forza è nella formazione. Siamo in grado di seguire il nostro personale dall’arruolamento al congedo con corsi di formazione e aggiornamento che vedono ogni finanziere svolgere un corso almeno ogni due anni della sua attività lavorativa”, conclude.

Contrabbando di tabacco, Alberto Mattiacci: “Sottrae alle casse dello Stato almeno 400 milioni”

VIDEO-Contrabbando di tabacco, Alberto Mattiacci: “Sottrae alle casse dello Stato almeno 400 milioni”

Alberto Mattiacci, Professore Ordinario di Management e Marketing e Presidente del Comitato Scientifico di Eurispes, durante l’evento sul contrasto all'illecito nei tabacchi in Italia, tenutosi questa mattina a Roma, ha affermato a Il Giornale d’Italia: “La legalità è un beneficio per tutti, forse nel breve termine può sembrare che l’illegalità sia pagante ma è una distorsione percettiva. Il fenomeno del contrabbando sottrae alle casse dello Stato circa 400 milioni di euro, questi sono soldi che non vanno più in sanità, in istruzione, in contributi alle imprese e in aiuto alle politiche giovanili. Ogni iniziativa per contrastare questo malaffare è benvenuta. Bisogna anche smontare una volta per tutte questa aurea un po’ romantica legata al contrabbando delle sigarette che risale a tempi lontani. E’ un fenomeno negativo, che fa male al Paese e alle parti più deboli e scosse del paese. Avere un’informazione di qualità su questo fenomeno aiuterà a contrastarlo”.

Progetto M.A.C.I.S.T.E.: combattere le agromafie e puntare sull'innovazione di prodotto

Per Gian Carlo Caselli, Presidente del Comitato scientifico della Fondazione Osservatorio Agromafie, “la Fondazione Osservatorio Agromafie con il progetto M.A.C.I.S.T.E., si prefigge l’obiettivo di analizzare il fenomeno del contrabbando e della contraffazione nel settore del tabacco. Ciò anche al fine di prevenire il reimpiego degli utili nel sostegno alla manovalanza e al finanziamento di ulteriori attività criminali, droga, armi, fino al terrorismo internazionale.”

“L’innovazione di prodotto è da sempre un’opportunità di contrasto all'illecito. E’ più difficile produrre illegalmente un prodotto di tabacco riscaldato rispetto alla sigaretta che è invece un prodotto immobile, ed è dunque molto più facile produrre dei prodotti falsi e dannosi. Non è solo commercio illecito, è la creazione di valore per attività criminali”, ha affermato il Presidente e Amministratore Delegato di Philip Morris Italia Marco Hannappel durante il suo intervento.

All’evento di lancio, che ha visto l’intervento del Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Stefano Patuanelli, hanno partecipato Vincenzo Gesmundo – Segretario Generale di Coldiretti; Gian Carlo Caselli – Presidente Comitato Scientifico, Fondazione “Osservatorio Agromafie”; Alberto Mattiacci – Professore Ordinario di Management e Marketing e Presidente del Comitato Scientifico di Eurispes; Marco Hannappel – Presidente e Amministratore Delegato di Philip Morris Italia; Marcello Minenna – Direttore Generale Agenzia Dogane e Monopoli; il Gen. Carlo Ricozzi, Ispettore per gli Istituti di Istruzione della Guardia di Finanza.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x