Venerdì, 28 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

PCI: ‘Partito’, con la P maiuscola!

A quei tempi segretario politico del Partito Liberale cittadino, in vista delle oramai vicine elezioni comunali, cercavo candidati in grado di portare un qualche buon contributo in termini di preferenze al vecchio PLI

Di Mauro della Porta Raffo

15 Gennaio 2022

PCI: ‘Partito’, con la P maiuscola!

“Allacciamoci nel tango
Bella pupa fior del fango
Questo ballo galeotto
Nell’amor ci legherà...”
Grosso com’era, mi aveva abbrancato e non riuscivo a staccarmi.
Vorticavamo, mentre, a squarciagola, stonava ‘Creola’.
È che un attimo prima, sul televisore dell’agenzia ippica che all’epoca invece delle immagini riportava quasi fossero telegrammi gli andamenti delle corse, il cronista aveva scritto: “Avanza al largo di tutti Modigliani e si slancia verso il traguardo”.
Era bastato questo all’Aldone, che su quel trottatore aveva messo una fortuna, per scatenarsi costringendomi a lui.
Piroettando e torcendo il collo, contrariamente al desso, chissà perché?, continuavo a guardare lo schermo sul quale, malignamente, la seguente scorrente riga riportava un “Quando, a due metri dallo stesso, il cavallo sbotta in rottura venendo squalificato” vero e proprio fulmine di Giove.
Trenta secondi e, come nulla fosse successo, Aldone, ‘Trotto Sportsman’ in mano, studiava già la corsa successiva.
Era fatto così.
Niente poteva fermarlo.

Aldo di cognome faceva Massari e dipingeva.
Benissimo.
Molto meglio lui, certamente, di quel pittore siciliano, di fama e molto spesso tra noi, col quale, come veniva detto, “collaborava”, tutti noi ben sapendo che una bella parte delle tele che il ‘grande artista’ firmava erano opera sua.

A quei tempi segretario politico del Partito Liberale cittadino, in vista delle oramai vicine elezioni comunali, cercavo candidati in grado di portare un qualche buon contributo in termini di preferenze al vecchio PLI.
Camminavo in quel mentre verso il centro a testa bassa riflettendo su chi mai potessi catturare per la bisogna quando la manona dell’Aldo mi si posò sulla spalla e “L’ha mandato il cielo” subito pensai.

Un caffè al bar dell’angolo e da parte mia la proposta, appena ascoltata la quale Aldone si rabbuiò.
“Sono iscritto al Partito” mi disse e, nel dispiacere che provava dovendomi dire di no, si avvertiva che la pronunciata parola ‘Partito’ aveva per lui l’iniziale maiuscola.
Non lo sapevo perché altrimenti mi sarei ben guardato dal parlargliene, ma, come chiunque in quegli anni sentendo quella parola scandita, articolata avrebbe capito, fui immediatamente conscio del fatto che si riferisse al PCI, al Partito Comunista Italiano.
Nulla da fare, pertanto.
Fosse stato d’un altro movimento politico avrei avuto un sia pur minima possibilità di convincerlo.
Non col PCI di mezzo.
La Chiesa, quanto all’appartenenza, al confronto, faceva ridere.
Solo il PCI, e Aldone ne aveva dato conferma, aveva necessariamente l’iniziale maiuscola!

Di Mauro della Porta Raffo 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x