Sabato, 17 Aprile 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, Vaia: "Dopo Pasqua riaprire cinema e teatri"

Il direttore sanitario dello Spallanzani di Roma parla di riaperture dopo il lockdown di Pasqua: "C'è bisogno di equilibrio".

30 Marzo 2021

teatro

Teatro (fonte foto Lapresse)

"Dobbiamo evitare che" dopo le chiusure di Pasqua 2021 in Italia si verifichi un "liberi tutti che ci faccia tornare indietro". A lanciare l'allarme è Francesco Vaia, direttore sanitario dell'Inmi Spallanzani di Roma, che però ritiene utile anche "premiare i cittadini per i loro sacrifici". E per questo "dovremmo ritornare a respirare la cultura, il cinema, il teatro".

Ai microfoni del programma 'Non Stop News' in onda su Rtl 102.5 Vaia ha parlato della situazione Coronavirus nel nostro Paese e sulle chiusure dei luoghi di cultura ha dichiarato: "Io li riaprirei nelle condizioni nelle quali si sono tenute aperte le chiese, per esempio, con sicurezza, prenotazioni, distanziamenti. Meglio fare 1.000 repliche anziché 20 e consentire a tutti di poter accedere".

Covid, vaccini e immunità di gregge

"Se Draghi ci dice che entro luglio arriveranno milioni di dosi di vaccino anti-Covid e ci sarà l'immunità di gregge, è una bella notizia" ha detto l'esperto. "Aspettiamo e vediamo se sarà così. Le strade sono tre: i vaccini, le terapie innovative a partire dagli anticorpi monoclonali che ci faranno fare tanta strada e, terzo, la nostra capacità di superare questa fase di depressione. Abbiamo bisogno di metterci tanta forza, tanto coraggio nell'applicare con determinazione le regole".

"Quello che vedo io - ha continuato Vaia - è un'oscillazione che a volte mi preoccupa tra il pessimismo più cupo e l'ottimismo a volte immotivato". Invece, secondo il medico, "c'è bisogno di equilibrio. Noi dobbiamo vaccinare le persone perché la vaccinazione riduce la mortalità, riduce quasi drasticamente il contagio e quindi questo è un percorso da seguire, con i cittadini che seguono le regole e fanno i sacrifici".

"Ma - ha aggiunto Vaia - dobbiamo avere anche un'occasione di premialità proprio perché la speranza è la terza arma che abbiamo". E ancora: "Va bene la scuola e apriamola tutta quanta in sicurezza, però, aumentando gli spazi fisici, migliorando le condizioni di trasporto. Gli spostamenti restano un nodo cruciale e il Paese deve concentrarsi sul tema trasporti, la risposta deve essere corale" ha concluso infine il direttore dello Spallanzani. 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

iGdI TV

Articoli Recenti

Più visti