Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

È morto Maurice Dotta, il principe della movida milanese che organizzava serate da sogno

Il Pr milanese si sarebbe impiccato nella sua abitazione. Soffriva da tempo di depressione, anche a causa di problemi familiari

13 Agosto 2021

Maurice Dotta

Morto il Pr che ha fatto sognare Milano

È ufficiale la tragica notizia della morte di Maurice Dotta, il PR milanese noto per avere organizzato delle feste indimenticabili. Secondo i primi retroscena si tratterebbe di suicidio. Lo ricordano con affetto sui social gli amici e i collaboratori che negli anni hanno partecipato alle serate da sogno organizzate dal PR. Dotta aveva da poco fatto il vaccino contro il Covid ma non sarebbe stata la difficoltà del periodo pandemico a causarne il malessere che lo ha portato al gesto finale. Da tempo lottava contro la depressione e ha provato in tutti i modi a sopravvivere al disagio che lo attanagliava.

È morto Maurice Dotta, il principe della movida milanese che organizzava serate da sogno

La movida milanese perde uno dei suoi più grandi personaggi con l'annuncio della morte di Maurice Dotta, il luminare delle feste strabilianti che per anni ha sbalordito la capitale lombarda con la sua creatività. Secondo quanto apprende Il Giornale d'Italia Maurice Dotta si sarebbe suicidato il 31 luglio 2021. Le fonti vicine a Maurice riportano che il principe della movida milanese, che era noto per la sua indole festosa e amichevole con tutti, avrebbe deciso di porre fine alla sua vita impiccandosi. Non è chiaro se dietro al suo estremo gesto ci sia anche l'enorme disagio provocato dalle chiusure Covid, ma ciò che è sicuro è che Maurice Dotta ha vissuto una vita fatta di forti emozioni, e negli ultimi mesi stava anche avendo problemi nell'ottenere l'affidamento del figlio. Da tempo inoltre soffriva di depressione e come accaduto a molti altri grandi personaggi aveva cercato di tenere per sé i suoi demoni. Faceva del bene agli altri, Maurice Dotta, organizzando per loro eventi indimenticabili, ma nel percorso ha tralasciato la persona più importante di tutti: sè stesso.

Il giorno 16 settembre alle ore 18,30 nella chiesa di san sepolcro a Milano verrà celebrata una messa in onore del nostro adorato Maurice officiata dal dottore della chiesa della biblioteca Ambrosiana Alberto Rocca. Irina Ghivier soprano nonché musicista e grande amica di Maurice si è offerta di cantare per lui durante la celebrazione eucaristica.

Lo piangono con rammarico gli amici e i collaboratori, che sui social stanno condividendo a profusione le foto degli eventi straordinari organizzati dal Pr milanese. "Arrivederci caro, dolce Maurice" scrive un utente su Facebook, piangendo la fine di un'epoca. Sì, perché Maurice Dotta aveva organizzato alcune delle feste più iconiche del milanese, a cui avevano partecipato personaggi famosi anche internazionali e la sua tragica scomparsa segna la fine di un movimento all'insegna del divertimento e dello svago che termina con lui.

Uomo di grande cultura e dal profondo istinto di business, Dotta riusciva a organizzare eventi memorabili grazie al suo incredibile gusto artistico. Sempre accompagnato da una macchina fotografica analogica Leica, Maurice stupiva per il suo fascino tanto nel parlare quanto nel vestire. Un uomo raffinato e dal profondo spirito critico, aspetti che riversava irrimediabilmente nei suoi eventi, che riuscivano quindi a stupire, divertire, volare.

È morto suicida Maurice Dotta, visionario degli eventi milanesi

Un personaggio unico e un uomo di mondo, Maurice Dotta si era laureato a Bruxelles, dove ha vissuto per qualche tempo prima di trasferirsi a Milano e frequentare l'Università Cattolica del Sacro Cuore. Nel centro della movida italiana ha poi costruito la sua carriera, facendosi conoscere come consulente di business e marketing e di relazioni pubbliche. Ma la sua fame di divertimento non conosceva confini e negli ultimi 10 anni Maurice Dotta ha ricorso il sogno per lui più importante: fare stare bene gli altri. Ecco così che decide di mettere in pratica i suoi lunghi anni di esperienza in campo di business development e di unirli alla sua vena artistica più creativa, culminata con la creazione nel 2019 di un'agenzia di comunicazione tutta sua. Tramite questa piattaforma Maurice Dotta è riuscito a farsi conoscere in tutta Milano, e non c'è evento che conti che non porti la sua firma.

La grande ammirazione di chi ha partecipato alle feste di Maurice Dotta continua a riempire le pagine dei social in queste ore. Non si capacitano anche gli amici nell'apprendere della sua morte, soprattutto considerate le dinamiche in cui possa essere avvenuta. "Buon viaggio", gli augura un utente su Facebook, nella consapevolezza che tutti si ricorderanno per sempre delle feste sensazionali che Dotta ha regalato a Milano.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x