Mercoledì, 08 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Bookcity Milano, Marco Alverà (Snam) presenta "Zhero – Il segreto dell'acqua" 

“Ho scritto Zhero insieme a Lipsi e Greta durante il lockdown. E’ un libro rivolto alla loro generazione per promuovere un futuro rinnovabile a partire dal biometano e dall’idrogeno”

19 Novembre 2021

Educare le persone, aiutare la natura, aiutarci a vicenda, contrastare la povertà, non usare la plastica, non tagliare gli alberi: questi i propositi per salvare il pianeta secondo i ragazzi e le ragazze di una quinta elementare dell’ Istituto Comprensivo Tommaso Grossi, quasi a voler suggerire che, dopotutto, non servono dei veri superpoteri per migliorare le cose, ma più solidarietà e coesione sociale, principi che si evolvono e si fortificano proprio a partire dalle aule scolastiche.

Questo il messaggio che si coglie dall’appuntamento tenutosi questo pomeriggio nell'ambito della manifestazione culturale Bookcity Milano, in occasione del quale Snam e Fondazione Snam hanno presentato "Zhero - Il segreto dell'acqua", il libro per ragazzi scritto dall'ad di Snam Marco Alverà ed edito da Salani. 

L’autore insieme all’'Assessore Pierfrancesco Maran e all’attrice Cristiana Capotondi hanno incontrato una rappresentanza dei giovani allievi per dialogare di ambiente proprio a partire dalla storia di tre ragazzi inseparabili, Giada, Serafina e Michele, i quali in una Venezia magica e incantata sono catapultati in una misteriosa corsa contro il tempo alla ricerca di una macchina capace di produrre energia pulita attraverso l'acqua: un'invenzione che potrebbe salvare il pianeta.

Marco Alverà, Snam:"Zhero, un libro dedicato alle nuove generazioni per promuovere un mondo sostenibile" 

VIDEO-Marco Alverà, Snam:"Zhero, un libro dedicato alle nuove generazioni per promuovere un mondo sostenibile"

 “Ho scritto Zhero insieme alle mie figlie, Lipsi e Greta, durante il lockdown. E’ un libro rivolto alla loro generazione per raccontare un messaggio molto positivo, ovvero quello che faccio nella mia vita lavorativa: promuovere un futuro rinnovabile a partire dal biometano e dall’idrogeno, che costerà meno dell’energia di oggi e ci consentirà di restare sotto alla soglia del grado e mezzo di riscaldamento”, spiega Marco Alverà ai nostri microfoni, aggiungendo: “Sono messaggi che forse entrano poco nelle classi, dove escono ragazzi che ci dicono quanto sono arrabbiati. Mi piace molto questa energia, ma è nostro dovere raccontare una storia che si possa fare, in modo tale che si possa protestare per qualcosa e non solo ‘contro’ qualcosa”.  

Nostro dovere quindi, come sottolinea l’ad, quello di dare ai volti sognanti che con attenzione ascoltano la presentazione, una soluzione, un mondo e un futuro possibile.  Per perseguire questo scopo ancora una volta centrale è il ruolo della sostenibilità sociale e della riduzione delle disuguaglianze. In questo senso Snam e Fondazione Snam stanno portando avanti numerose iniziative di avvicinamento e riqualificazione proprio nel quartiere Corvetto e nelle zone a sud di Milano, dove a partire dal 2024 sorgerà la nuova sede del gruppo che affiancherà lo storico presidio di San Donato Milanese. 

Altra missione che l’AD di Snam persegue con passione è quella di sostenere l’avvicinamento delle giovani ragazze alle materie stem:  “Lavoro anche con la Fondazione Kenta, intitolata a mia nonna che si dava molto da fare per la parità di genere. In Italia ci sono ancora troppi stereotipi, noi invece vogliamo promuovere la capacità delle ragazze di eccellere nelle materie STEM. Il futuro avrà bisogno di tantissime studiose di materie tecniche e scientifiche e purtroppo abbiamo un deficit. In questo libro le protagoniste fanno tantissimi giochi matematici e diventano di fatto, anche se sono teenagers, delle vere scienziate!"

Cristiana Capotondi: "Prestare la mia voce per il podcast di 'Zhero'? Un'esperienza fantastica, mi è sembrato di tornare bambina"

VIDEO-Cristiana Capotondi: "Prestare la mia voce per il podcast di 'Zhero'? Un'esperienza fantastica, mi è sembrato di tornare bambina"

Di recente inoltre Snam per prima in Italia ha realizzato un podcast fiction ispirato a "Zhero". I tre episodi, narrati da Cristiana Capotondi, sono disponibili su tutte le principali piattaforme di ascolto (Spotify, Spreaker, Google Podcast, Apple Podcast) e sul sito della società (snam.it). Ne abbiamo parlato proprio con l’attrice: 

“E’ stata una bellissima esperienza: in questo libro si affrontano le tematiche della transizione ecologica che ho molto a cuore e poi è rivolto ai ragazzi, per cui interpretare questa voce narrante ha dei connotati che mi ricordavano molto le storie che leggevo da bambina”.

 “All’interno di questa storia si propone un’immagine di donna che studia le materie STEM, perché l’idea è quella di portare all’interno di queste discipline la sensibilità e l’intelligenza femminile. In altri Paesi alcune università hanno posti dedicati solo alle donne, nel nostro paese accade esattamente il contrario e questo ci fa capire di come si tratti di un tema culturale. L’idea che l’intelligenza femminile si metta a disposizione della ricerca scientifica è importante perché, come sempre nella vita, serve l’approccio sia femminile sia maschile. Spero che questo libro contribuisca a portare curiosità nelle ragazze rispetto a questi temi”.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x