Venerdì, 01 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Webuild, Ferrari (General Manager): “Scommettiamo sui giovani, ci vuole il loro entusiasmo, la loro apertura ai valori di sostenibilità e diversità”

Il General Manager del Gruppo spiega a Il Giornale d'Italia l'importanza dei giovani per il futuro di Webuild a margine del premio "Alberto Giovannini. Innovazione e Digitalizzazione nelle Infrastrutture”

08 Novembre 2021

“Un valore molto importante perché è la sintesi di competenza, relazioni personali, di una persona che ha dato un contributo a questa azienda, ma anche al Paese, - afferma a Il Giornale d’Italia Massimo Ferrari, General Manager Webuild - un esempio di professionista e di accademico. Una scommessa sui giovani che continuiamo a fare in maniera sempre più intensa che adesso che c’è il PNRR e una continuità con il passato, presente e futuro.”

“I giovani per noi hanno un ruolo centrale, anche nel dibattito interno, nelle nostre riunioni interne ci diciamo spesso che dobbiamo scommettere di più sui giovani, prendendoci il rischio dell’inesperienza, ma tutto il vantaggio dell’entusiasmo, della voglia di apprendere, chi ha più anni questo lo ha in maniera differente. Ci vuole quindi il loro entusiasmo, la loro apertura anche a nuovi valori come la sostenibilità e la diversità e lo stiamo facendo, sia attraendoli, sia facendoli crescere all’interno e scommettendo su di loro.” 

“La sostenibilità ormai per noi è centrale, è stato un attimo passare dalla teoria alla pratica, sia perché le nostre opere sono già sostenibili, pensiamo all’utilizzo dell’acqua, delle metropolitane e le ferrovie, a strade più sicure e poi come costruirle e come fare deve essere fatto in modo sostenibile e sicuro per i lavoratori e per chi utilizzerà le nostre infrastrutture.”

“Abbiamo tanti obiettivi anche sulla sostenibilità, li stiamo continuamente rivedendo perché per fortuna li raggiungiamo prima del previsto. L’obiettivo complessivo è quello della riduzione della produzione di anidride carbonica, direttamente come azienda e indirettamente con le opere che realizziamo. Poi ci sono obiettivi di diversity, obiettivi di vario tipo tutti coniugati in piani d’azione e in incentivi per il management.”

Torna all'articolo

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti