Venerdì, 12 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Unipol, Fernando Vacarini: "E’ il terzo anno che sosteniamo il Premio Ischia"

Fernando Vacarini, Responsabile Media Relations, Corporate Reputation & Digital PR del Gruppo Unipol, Direttore Responsabile del magazine Change, in occasione del Premio Ischia 2022, ha affermato a Il Giornale d’Italia: "PNRR, strumento pensato in un’ottica di ricostruzione e ripresa economica post pandemia ma poco incentrato sui giovani”

02 Luglio 2022

Fernando Vacarini, Responsabile Media Relations, Corporate Reputation & Digital PR del Gruppo Unipol, Direttore Responsabile del magazine Change, in occasione del Premio Ischia 2022, ha affermato a Il Giornale d’Italia: “E’ il terzo anno che sosteniamo il Premio Ischia e ne siamo molto contenti. Si tratta di un’iniziativa importante perché riusciamo a parlare dei contenuti della nostra mediacompany, da diversi anni abbiamo una testata che si chiama Changes, blog digitale che ogni 6 mesi ha delle edizioni cartacee di approfondimento e qui ad Ischia troviamo il giusto panorama dove poter raccontare delle storie e presentare i nostri numeri. In questa occasione abbiamo presentato il numero dedicato al PNRR e i giovani.
Ischia è inoltre importante perché la platea di riferimento è quella di giornalisti e comunicatori, è la platea giusta per poter raccontare le nostre storie e caratteristiche dei nostri prodotti.

Il PNRR è uno strumento che è stato pensato in un’ottica di ricostruzione e ripresa economica dopo la crisi pandemica e quindi ha seguito le logiche di un finanziamento in parte a fondo perduto in parte a conto capitale su investimenti e quindi chiaramente poco incentrato sui giovani. Molto diverso è il discorso di cosa bisogna fare dal punto di vista della comunicazione per coinvolgere i giovani perché se è vero che i giovani non sono stati coinvolti direttamente è altrettanto vero che i giovani sono molto interessati al contenuto economico delle cose. Dobbiamo utilizzare il linguaggio dei giovani”, conclude.

Torna all'articolo

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti