Lunedì, 27 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Il Premiolino 2021, De Bortoli: "Indipendenza e promozione dei nuovi talenti del giornalismo"

"In questo momento di fragilità delle nostre democrazie c'è bisogno di giornalisti preparati e indipendenti"

14 Settembre 2021

"Il Premiolino ha una storia straordinaria perché è una storia di indipendenza e promozione dei nuovi talenti del giornalismo, con una accentuazione sull'indipendenza, sulla preparazione, sull'innovazione". Così Ferruccio De Bortoli a Il Giornale d'Italia, in occasione de Il Premiolino 2021.

"Anche quest'anno la giuria ha voluto non solo premiare i colleghi che si sono distinti di più, con grande coraggio perché non dobbiamo mai dimenticare che questo è un mestiere pericoloso e che ogni anno muoiono 50/60 giornalisti, abbiamo visto quanto hanno rischiato in Afghanistan, quanto continuano a rischiare nei vari teatri di morti. Però sono sempre mossi da passione, professionalità, voglia di raccontare poiché consapevoli di svolgere una missione. Un ruolo assolutamente indispensabile di un'opinione pubblica che ai tempi dei social network imperanti ha bisogno di informazioni, diversi punti di vista a tutela di uno spirito critico, di un senso critico che parte dal livello e dalla qualità della cittadinanza.

C'è un giornalismo cosiddetto mainstream, che è quello degli organi di informazioni classici, dei giornali, della televisione. Poi ovviamente è cresciuto, io non guardo con negatività un giornalismo auto prodotto. La rivoluzione di internet ha ridotto le distanze tra chi fa informazione e chi la riceve e noi abbiamo molta informazione oggi che è prodotta dagli stessi utenti. Mai come in questo frangente di cambiamento e fragilità delle nostre democrazie è importante la presenza di professionisti preparati, indipendenti, quindi anche con editori in grado di svolgere fino in fondo il proprio compito, che sappiano nutrire fino in fondo questa architrave della democrazia, come la definiva Giovanni Sartori, che è l'informazione", conclude.

Torna all'articolo

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti