Sabato, 22 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Raffaella Carrà, chi è destinato a raccogliere l'eredità artistica e chi il patrimonio

Raffaella Carrà, spuntano i nomi dell'erede del suo patrimonio e dell'erede del suo lasciato artistico

01 Agosto 2021

Raffaella Carrà, chi raccoglierà la sua eredità

Fonte: lapresse.it

Raffaella Carrà è scomparsa a inizio luglio 2021, sconvolgendo i suoi fan e tutta l'Italia colta alla sprovvista dalla terribile notizia, e adesso ci si chiede già chi è che finirà per raccogliere la sua eredità. La cantante veniva considerata a ragion veduta il baluardo della musica italiana all’estero, nonché icona della libertà sessuale e dell'emancipazione. Se la sua eredità musicale e spirituale sarà difficile da raccogliere - e manca per il momento ancora un artista o un'artista in grado di confrontarsi con lei -, il suo patrimonio potrebbe presto finire nelle mani dei suoi eredi. Ma ci sono?

Raffaella Carrà, chi raccoglierà la sua eredità

Tante personalità del mondo dello spettacolo italiano che si erano recate recate a inizio luglio, quando fu allestita la camera ardente, a dare un ultimo saluto a Raffaella Carrà, la diva della televisione che ci ha lasciato lunedì 5 luglio 2021 all'età di 78 anni. La Camera ardente era stata allestita in Campidoglio e in migliaia si erano recati lì per omaggiarla e dirle addio. Al centro della sala la sua bara di legno grezzo con sopra dei fiori gialli, il suo colore preferito. La sindaca di Roma Virginia Raggi era insieme all'ex compagno della diva Sergio Japino. Oltre ai fan, erano presenti amici e colleghi di Raffaella come Maria De Filippi, Pippo Baudo, ma anche Flavio Insinna, Bruno Vespa, Giancarlo Magalli e molti altri. Un saluto speciale alla regina del Tuca Tuca anche dai vertici Rai: per tutti noi sarà impossibile dimenticarla.  

Tuttavia, come già accennato, ora che questa icona è venuta a mancare, al centro della curiosità, è arrivata la sua eredità. Sia essa il suo patrimonio monetario, sua il suo lascito artistico. Raffaella ha avuto molti figli adottati a distanza. E il suo rapporto era risultato intimo e materno anche con i nipoti.

Inoltre, stando ad alcune voci, sembrerebbe che la Carrà abbia voluto inserire nel testamento anche Sergio Japino, suo storico compagno che spesso l’ha affiancata nei suoi progetti artistici. 

Raffaella Carrà, i possibili eredi artistici

Tornando a parlare di musica, però, a incuriosire la maggior parte dei fans è soprattutto un altro interrogativo. Chi è, nel panorama italiano, una figura degna di essere considerata l’erede di Raffaella Carrà? La risposta è semplice: nessuno. A oggi, infatti, non esiste nessuno in grado di raccogliere il pesante testimone lasciato cadere da Raffaella Carrà. La ferita provocata dalla sua scomparsa è troppo recente per parlare già di un suo possibile successore artistico. Nei fatti, si rischierebbe solo di "bruciare" questo successore, in quanto difficilmente c'è qualcuno che può lottare con l'immagine di Raffaella non ancora sbiadita.

Eppure è spuntato in questo periodo qualche nome di un possibile erede artistico. O meglio, una erede artistica. La donna che è stata "etichettata" come la possibile degna continuatrice dell'opera di Rafaella Carrà si chiama Elodie Di Patrizi. E, in effetti, sembra avere tutte le carte in regola.

Elodie Di Patrizi, chi è la possibile erede di Raffaella Carrà

 Elodie Di Patrizi, meglio nota semplicemente come Elodie è una cantante italiana nata a Roma il 3 maggio 1990. Classificatasi seconda alla quindicesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi, ha raggiunto la consacrazione popolare partecipando al Festival di Sanremo nel 2017 con il brano Tutta colpa mia. Partecipa nuovamente come concorrente al Festival di Sanremo 2020 con Andromeda e in veste di co-conduttrice alla seconda serata dell'edizione del 2021.

Nasce e cresce nella borgata romana di Quartaccio da padre italiano (artista di strada) e madre francese creola (ex modella e cubista), originaria della Guadalupa, i quali si sono separati quando Elodie e la sorella minore Fey erano ancora molto piccole. Non è battezzata. Giovanissima, si trasferisce a Lecce, dove lavora nelle discoteche prima come cubista e poi come vocalist. Ha inoltre frequentato il liceo socio-pedagogico fino al quinto anno, ma senza conseguire il diploma.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x