Venerdì, 01 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Il Gruppo Bracco festeggia 95 anni con un evento dedicato a Fulvio Bracco, capitano di industria e mecenate

Diana Bracco, Presidente di Fondazione Bracco, a Il Giornale d’Italia: “È il novantacinquesimo della vita della nostra azienda e quando c’è stato proposto dall’ Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di ricordare il Dott. Fulvio Bracco nel seguito degli incontri che stanno mettendo in piedi, abbiamo visto che era veramente il caso di farlo"

Di Giada Massironi

21 Giugno 2022

Fondazione Bracco festeggia 95 anni con un evento dedicato a Fulvio Bracco, capitano di industria e mecenate

Si è tenuto oggi, nella spendida cornice offerta dal Teatrino di Fondazione Bracco, l’incontro intitolato “Da Neresine a Milano – L’Impresa di Fulvio Bracco”. Organizzato insieme al Comitato Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia, si tratta di un'occasione unica per presentare il percorso umano e imprenditoriale del Cav. Lav. Fulvio Bracco, esule giuliano-dalmata, capitano di industria e mecenate, che ha profondamente influito sullo sviluppo della città. L’incontro è promosso nell’ambito del palinsesto di attività dedicate al 95° Anniversario del Gruppo Bracco.

Ad aprire l’incontro di oggi Renzo Codarin, Presidente nazionale dell’Anvgd, e Giuseppe de Vergottini, Presidente di FederEsuli. In rappresentanza delle istituzioni sono intervenuti Elena Buscemi, Consigliere Comunale PD Beppe Sala Sindaco, Stefano Bruno Galli, Assessore alla Cultura e alle Autonomie della Regione Lombardia e Tiziana Gibelli, Assessore alla Cultura e Sport della Regione Friuli Venezia Giulia. Entrambe le Regioni hanno infatti patrocinato l’iniziativa, che segue l’incontro organizzato lo scorso marzo per Ottavio Missoni, nell’ambito del progetto “Milano è memoria” del Comune.

Diana Bracco: “Ricordiamo Fulvio Bracco, un visionario e un innovatore sempre attento ai giovani”

VIDEO - Diana Bracco: “Ricordiamo Fulvio Bracco, un visionario e un innovatore sempre attento ai giovani”

Diana Bracco, Presidente di Fondazione Bracco, a Il Giornale d’Italia

“È il novantacinquesimo della vita della nostra azienda e quindi quando c’è stato proposto dall’ Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di ricordare il Dott. Fulvio Bracco nel seguito degli incontri che stanno mettendo in piedi, abbiamo visto che era veramente il caso di farlo.

È un ricordare una persona che viene da quelle terre, ha sofferto andando via, ha vissuto prima a Trieste e poi a Milano e qui ha costruito come vediamo oggi.

L’attenzione ai giovani è da sempre uno dei nostri fil rouge e allora mio padre aveva istituito anche delle borse di studio. Noi continuiamo con un’intensa attività per i giovani attraverso il nostro progetto ‘Diventerò’.

È stato un visionario per il tema che ha affrontato, perché allora la chimica dello iodio era una cosa assolutamente ignota. Ha saputo vedere l’effetto del futuro. Era una persona molto aperta e attenta ai giovani che aveva il culto della tradizione ma anche della modernità".

Fulvio Renoldi Bracco: "Diagnostica per immagini, guardiamo al futuro puntando su giovani e su un network internazionale"

VIDEO - Fulvio Renoldi Bracco: "Diagnostica per immagini, guardiamo al futuro puntando su giovani e su un network internazionale"

Fulvio Renoldi Bracco, CEO di Bracco Imaging SpA, a Il Giornale d'Italia:

"L'eredità del Cav. Lav. Fulvio Bracco, mio nonno, è importante, perché attraverso la sua visione e il suo credere nei giovani ha cambiato un'industria. Oggi la sfida che portiamo avanti è quella di seguire le sue tracce guardando al futuro della diagnostica per immagini facendo leva su giovani, sui talenti e su un network internazionale per ripetere il miracolo che ha fatto della Bracco l'azienda che è oggi.

Sono stati 95 anni di sviluppo, di crescita delle persone e di continua attenzione al paziente. Ancora oggi questi 95 anni ci ispirano. Cerchiamo di continuare a migliorare i nostri prodotti guardando ai bisogni della medicina moderna e dei pazienti, che hanno sempre più necessità di una diagnostica personalizzata e di precisione, ossia quello su cui noi puntiamo."

La storia di Fulvio Bracco lascia insegnamenti oggi più che mai attuali

L'incontro rientra in quel filone di iniziative promosse per ricordare alla cittadinanza il percorso umano e imprenditoriale di personaggi che hanno profondamente influito sullo sviluppo della città di Milano. A moderare l'incontro il giornalista Matteo Carnieletto, che insieme al videomaker Simone Pontini ha raccontato attraverso documenti, fotografie e la testimonianza della figlia Diana Bracco i momenti significativi della vita del grande imprenditore farmaceutico.

Imprenditore di successo e mecenate, Fulvio Bracco nasce a Neresine, in Istria, nel 1909. Un personaggio di spessore che ha profondamente influito sullo sviluppo della città di Milano e della chimica italiana. Oggi la sua testimonianza risulta essere più attuale che mai e offre insegnamenti del passato da portarsi nel presente e nel nostro futuro.

Fulvio Bracco è stato un anticipatore non soltanto nell’industria e nella ricerca, ma anche nel campo della responsabilità sociale d’impresa. Basta pensare che nel 1953 istituì per i giovani borse di studio che intitolò a sua madre Nina Salata, sorella del Senatore Francesco Salata, storico insigne e strenuo difensore dell’italianità della Venezia Giulia che ebbe un ruolo non marginale nelle lotte irredentiste dell’inizio del Novecento.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x