Giovedì, 30 Giugno 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Sisal presenta il nuovo Headquarter nel Bassi Business Park: al centro Innovazione, Responsabilità e Persone

Francesco Durante, CEO di Sisal: “La nuova sede ci proietta verso il futuro, sempre più orientati a una strategia di business responsabile e sostenibile nel tempo. Questo progetto mette le persone e il loro benessere al centro di ogni decisione, per garantire un corretto work life balance e i più alti standard di benessere all’interno dell’edificio"

24 Maggio 2022

Sisal presenta il nuovo Headquarter nel Bassi Business Park: al centro Innovazione, Responsabilità e Persone

Fonte: comunicato stampa

Sisal presenta il nuovo Headquarter, fondato su Innovazione, Responsabilità e Persone. L'edificio sorge su 9.000 mq, sviluppati su 13 piani progettati secondo i più moderni standard. Inaugurato oggi alla presenza del Sindaco di Milano Giuseppe Sala, il nuovo Headquarter rappresenta appieno i tre valori che hanno permesso a Sisal di entrare nel cuore degli italiani nel corso dei suoi oltre 75 anni di storia.

Sisal, inaugurato oggi il nuovo Headquarter nel cuore di Milano

Nata a Milano nel 1945, Sisal è sempre stata parte integrante del processo evolutivo della città contribuendo al progresso tecnologico e sociale del Paese. Dalla prima sede in via Quintino Sella 2, l’azienda è rimasta sempre nelle zone più centrali di Milano: via Manzoni, San Babila, via Paleocapa fino alla sede di via Tocqueville dove è rimasta dal 2004 al 2022.

La struttura dell’edificio odierno, degli anni Settanta e oggi totalmente ricostruita in un’ottica sostenibile, sorge all’interno del Bassi Business Park, di proprietà di Generali Real Estate, un’area che sarà al centro di dinamiche di rigenerazione urbana negli anni a venire, diventata una delle più innovative e internazionali di Milano.

Francesco Durante (Sisal): "Questo progetto mette le persone e il loro benessere al centro di ogni decisione"

Francesco Durante, CEO di Sisal, ha commentato: “La nuova sede ci proietta verso il futuro, sempre più orientati a una strategia di business responsabile e sostenibile nel tempo. Questo progetto mette le persone e il loro benessere al centro di ogni decisione, per garantire un corretto work life balance e i più alti standard di benessere all’interno dell’edificio. Sono convinto che le persone possano esprimere al meglio il proprio potenziale in un ambiente di lavoro accogliente, inclusivo e innovativo”.

Sisal, Francesco Durante: “La nuova sede di Milano è un punto di inizio, per la nostra strategia di sostenibilità e per un corretto work life balance”

VIDEO - Sisal, Francesco Durante: “La nuova sede di Milano è un punto di inizio, per la nostra strategia di sostenibilità e per un corretto work life balance”

Francesco Durante, CEO Sisal a Il Giornale d’Italia: “Siamo molto contenti di poter inaugurare la nuova sede di Sisal qui a Milano e siamo convinti che sia un nuovo punto di inizio per i prossimi 75 anni,  siamo convinti che sia il modo più efficace di mettere in atto la nostra strategia di sostenibilità e soprattutto per garantire alle nostre persone un corretto work life balance e con elevanti standard di benessere.”

“Una nuova sede che ha anche delle radici molto forti nel passato di Sisal. Uno dei tratti caratteristici della nuova sede è il museo diffuso, infatti in tutti i piani ospiteremo opere come terminali, insegne e anche schedine che hanno appassionato milioni di italiani e che saranno disponibili per tutti quelli che lavorano in sede.”

“Noi abbiamo una strategia di sostenibilità molto ambiziosa, abbiamo definito tre obiettivi principali: giocatori problematici, zero gender pay gap, zero emissioni nette, questa la nostra agenda per il 2030 e le azioni che stiamo mettendo in campo vanno nella direzione giusta.”

Giuseppe Sala, Sindaco di Milano, ha commentato: “Sisal ha ripensato la propria sede in un’ottica di sostenibilità ambientale e sociale davvero efficace.” – ha affermato il Sindaco di Milano Giuseppe Sala – “Oggi il mondo del lavoro è cambiato ed è cambiato anche il modo di vivere il luogo di lavoro. Il benessere delle persone dipende in larga parte dall’ambiente lavorativo: più è green, dinamico, innovativo e attento ai bisogni dei lavoratori, anche negli spazi fisici, più proficue saranno le dinamiche e le performance attivate. Per questo motivo ritengo la scelta di Sisal di dotare l’edificio di un ampio spazio verde, di aree di lavoro flessibili e di molti altri servizi molto contemporanei in linea con la visione di città che ha Milano”. 

Giuseppe Sala, Sindaco di Milano: “Ringrazio Sisal per aver mantenuto la sede a Milano e per l'importante programma di assunzioni”

VIDEO - Giuseppe Sala, Sindaco di Milano: “Ringrazio Sisal per aver mantenuto la sede a Milano e per l'importante programma di assunzioni”

Giuseppe Sala, Sindaco di Milano durante l’inaugurazione del nuovo Headquarter di Sisal: “Sono qui per ringraziarli, loro sono nati a Milano ma non era scontato che loro mantenessero la sede in questa città. Nell’ultimo anno hanno assunto 150 persone a Milano, hanno in programma di assumerne altre 100 e questa è la cosa che dà valore, tutte le aziende si stanno adeguando a quella che è la nostra nuova vita, il nostro nuovo mondo, l’attenzione alla sostenibilità etica. Il mondo non è bianco o nero ed è evidente che non tutto è perfetto ma quello che vedo in maniera positiva è che c’è molta responsabilità in tanti in questa città.”

“Chiaro che lo smart working apre ad una serie di riflessioni, la città deve essere pensata un po’ da questo punto di vista, stiamo ragionando pensando al trasporto pubblico, a capire l’offerta di tutto il sistema commerciale, cercando di prevedere anche quello che sarà. I numeri che mi danno sono quelli che registro in tante aziende, di positivo vedo che le assunzioni continuano, l’apertura di nuove aziende continua, facciamo di necessità virtù.”

Sala a Il Giornale d’Italia risponde così sulla questione nuovo assetto lavorativo: “C’è il problema delle competenze e che alcuni lavori non trovano personale anche nel weekend, come bar e ristoranti e nel settore infermieristico, è un lavoro continuo di allineare domanda e offerta, certo che se non si trovano le competenze a Milano non si trovano da nessuna parte.”

“Il turismo è un problema che se va affrontato a livello di Italia si commette un errore. Il turismo nel nostro Paese va migliorato se si lavora localmente, ci sono più turisti nella provincia di Bolzano che in Sicilia, quindi secondo me bisogna porre attenzione dove ci sono le potenzialità. Non s se a Milano servirebbero tanti più turisti, abbiamo già dimensione buona e non sarebbe il caso di snaturare la città, quindi credo che si debba lavorare sui patrimoni del nostro territorio in particolare il sud su cui si può fare molto di più.”

“Abbiamo analizzato la situazione del mercato immobiliare ci sono 10 miliardi di investimenti già decisi, la cosa buona è che sono più in periferia che in centro, quindi l’auspicio è che vadano molto verso abitazioni a prezzi più bassi che è il vero tallone d’Achille di questa città.”

 

La nuova sede di via Ugo Bassi offre un ambiente all’avanguardia, in cui tutti gli spazi sono stati concepiti, soprattutto grazie all’esperienza di Coima Image, società specializzata nella progettazione architettonica, come un ecosistema di luoghi diversi per stimolare nuove idee e per favorire la collaborazione tra le persone, mettendo costantemente al centro il loro benessere. I layout dei vari piani, infatti, sono stati definiti in aderenza alla logica progettuale dell’Activity Based Workplace, che prevede l’utilizzo degli spazi di lavoro in base alle diverse attività da svolgere durante l’arco della giornata.

Anticipando i trend che prevedono modalità di lavoro sempre più ibride, Sisal ha posto alla base della progettazione una percentuale media del 40% di smartworking facendola diventare una modalità di lavoro abituale. Con questo spirito Sisal promuove una nuova cultura aziendale, costruita sulla collaborazione tra le persone e favorita da spazi di lavoro flessibili e attrattivi.

Gianmarco Bocchiola (COIMA Image): "L’applicazione dei modelli di progettazione degli spazi di lavoro favorisce condivisione, apprendimento, innovazione e connessioni"

Gianmarco Bocchiola, partner di COIMA Image, ha commentato: “I nuovi uffici di Sisal nascono da un anno e mezzo di fattivo dialogo e confronto. La nostra esperienza unita alla storia e alla visione di Sisal ha dato origine a un ecosistema attrattivo. L’applicazione dei più innovativi modelli di progettazione degli spazi di lavoro favorisce la condivisione, l’apprendimento, l’innovazione e le connessioni sia fisiche che virtuali tra le persone”.

Il “core” dell’intero progetto è rappresentato dal “polmone verde”, un’area di oltre 500 mq che domina l’area centrale di ogni piano offrendo spazi di benessere a contatto con la natura. Si tratta di vere e proprie serre che caratterizzano lo spazio centrale di ogni piano, in grado di offrire un momento di relax per le persone e allo stesso tempo rigenerare l’aria in modo naturale.

La presenza di spazi verdi ha consentito di richiedere il livello Bronze - mai ottenuto prima d’ora in Italia - della certificazione WELL all’International WELL Building Institute™ (IWBI™).

Altri importanti fattori hanno contribuito a questo traguardo come ad esempio il miglioramento dell’acustica, studiata attentamente sia in termini di isolamento che di comfort, la qualità dell’aria garantita da impianti costruiti per un efficace ricambio, l’attenzione al consumo idrico e l’impiego di arredi certificati ecosostenibili.

Generali Real Estate: Bassi Business Park ospita la nuova ed innovativa sede di Sisal 

Generali Real Estate dà oggi il benvenuto in Bassi Business Park a SISAL, prima azienda ad inaugurare il proprio innovativo headquarter nell’importante complesso in fase di completa riqualificazione nell’area di Porta Nuova a Milano.

La riqualificazione di Bassi Business Park è stata avviata nel 2019 da Generali Real Estate, gestore del complesso per conto del fondo immobiliare Tiepolo gestito da Generali Real Estate SGR, con l’obiettivo di dare nuova vita - con una decisa impronta di qualità architettonica, sostenibilità e capacità di accogliere le nuove modalità di lavoro - ad un complesso direzionale costruito negli anni ’70.

Con i suoi 56mila mq complessivi, Bassi Business Park rappresenta il più importante cantiere in corso per Generali Real Estate in Italia dopo l’area di CityLife. La sua riqualificazione si inserisce nell’ambito di un ambizioso processo di riposizionamento che Generali ha avviato sui propri asset in gestione sulla base dei più avanzati criteri ESG e di una precisa traiettoria di decarbonizzazione dell’intero patrimonio immobiliare in Europa.

Il complesso, composto da otto immobili, gode di una posizione ideale e strategica fra il quartiere Isola e Porta Nuova, nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria di Porta Garibaldi e dello scalo Farini. Un’area che ha visto uno sviluppo importante negli ultimi anni, e che continuerà ad essere al centro di dinamiche di rigenerazione urbana, di cui Bassi Business Park rappresenta uno snodo ed un tassello fondamentale.

Bassi Business Park è quindi una location dall’altissimo livello di connessioni, sia con le reti di trasporti che con i nuovi centri nevralgici del business, dello svago e dello shopping, dove la comodità di accesso ad un’ampia gamma di servizi è il valore aggiunto di spazi pensati per facilitare la condivisione e lo scambio reciproco di stimoli e di cultura anche fra realtà molto diverse e con il tessuto urbano circostante. Questi elementi sono essenziali per aziende, come Sisal, che ambiscono a progettare i propri uffici come flagship della propria cultura aziendale di oggi e di domani, e come strumento per coltivare l’innovazione e la competitività attraendo i migliori talenti.

Il nuovo Bassi Business Park è stato progettato dallo studio OBR Open Building Research. L’aspetto più riconoscibile è il disegno delle nuove facciate, dove gli elementi verticali dalle sfumature cangianti disegnano una gradazione dal color oro all’argento, creando un dinamismo cromatico e riflessi unici al variare della luce naturale.

Il progetto ha permesso anche la valorizzazione delle terrazze alla sommità degli edifici: un tempo adibite a locali tecnici angusti, vengono oggi trasformate in spazi pienamente fruibili, con viste mozzafiato sulla città.

Gli edifici del complesso si integrano con il parco interno, grazie alla trasparenza delle facciate ad alte prestazioni, mentre gli interni si arricchiscono di spazi comuni pensati per favorire la socializzazione ed il benessere delle persone.

La sostenibilità è un elemento essenziale dell’intero progetto di riqualificazione. Dal punto di vista ambientale, il nuovo headquarter Sisal ha già ottenuto la certificazione LEED Gold, mentre è in corso l’ottenimento della stessa certificazione per tutto il comparto, grazie all’ottimizzazione degli impianti e dell’involucro, che ha permesso il rispetto della EU Taxonomy ed un notevole contenimento dei consumi energetici.

Il progetto prevede inoltre la realizzazione di una nuova piazza urbana a disposizione della cittadinanza, che darà un ulteriore contributo alla riqualificazione dell’intero quartiere.

Bassi Business Park: nella seconda metà del 2022 lavori per altri 15mila mq

La nuova ed innovativa sede di Sisal è il primo edificio completato in Bassi Business Park. Il primo lotto dei lavori di riqualificazione ha interessato circa 20mila mq, per i quali sono stati definiti contratti di locazione con importanti aziende ancor prima del completamento. Oltre a Sisal, gli altri spazi completati in questa fase sono stati già consegnati ai rispettivi tenant per i lavori di personalizzazione e fit-out.

Per la seconda metà del 2022 è previsto l’avvio dei lavori del lotto successivo per ulteriori 15mila mq, che sarà seguìto dalla riqualificazione delle aree esterne ad uso pubblico, e dal refurbishment dei lotti rimanenti, per arrivare al completamento dell’intero complesso nel corso del 2024.

Generali Real Estate, Benedetto Giustiniani: “Il progetto di valorizzazione adegua il complesso agli standard internazionali per la sostenibilità e per il contenimento dei consumi energetici”

VIDEO - Generali Real Estate, Benedetto Giustiniani: “Il progetto di valorizzazione adegua il complesso agli standard internazionali per la sostenibilità e per il contenimento dei consumi energetici”

Benedetto Giustiniani, Responsabile Sud Europa Generali Real Estate a Il Giornale d’Italia: “Un complesso che è nel portafoglio di Generali da più di vent’anni, abbiamo intrapreso tre anni fa un processo di valorizzazione del complesso che è di circa 50mila mq con otto palazzine. Abbiamo avviato una prima fase di circa 20mila mq di cui fa parte questo immobile in affitto a Sisal dove abbiamo concluso i lavori da alcuni mesi e sono stati affittati. Il progetto di valorizzazione del complesso vuole adeguare questo agli standard internazionali per la sostenibilità del contenimento dei consumi energetici e abbiamo valorizzato una serie di aspetti impiantistici che permettono l’ottenimento di una certificazione LEED Gold, dettato dai principi di sostenibilità degli ESG, entro la fine dell’anno avvieremo la fase due e poi la fase tre.”

“A Milano abbiamo ad oggi circa 200mila mq che sono in lavorazione, una parte sono relativi a Citylife dove abbiamo circa 80mila mq di cui 20 mq in realizzazione residenziale che verranno conclusi a fine anno; poi gli ultimi 60mila mq dell’edificio CityWave che completerà il progetto di Citylife. Per quanto riguarda altri progetti siamo molti attivi in centro a Milano, nel cuore della città, dove stiamo riqualificando l’immobile storico di piazza Cordusio, Palazzo Venezia, costruito da Generali all’inizio del ‘900, sede degli uffici fino a quattro anni fa quando il Gruppo si è trasferito in Citylife nel Generali Tower. Lì stiamo facendo un progetto di un 5 Stelle lusso con brand Gran Melià con degli spazi retail. Abbiamo un intervento di circa 5mila mq in corso Vittorio Emanuele, un altro in via Meravigli che sarà utilizzato da WeWork, il brand americano di co-working. Abbiamo appena concluso in piazzetta Bossi il nuovo Headquarter per Citibank e abbiamo un progetto nella zona Manzoni-Spiga per realizzare un’immobile extralusso a retail dei negozi di lusso.”

“Noi stiamo facendo come Generali Real Estate un processo di valorizzazione del nostro portafoglio immobiliare. Siamo partiti dall’Italia dove siamo attivi con un focus degli ultimi 7-8 anni e adesso l’abbiamo avviato anche in altri paesi ad esempio in Spagna, circa due anni fa, abbiam avviato un processo di valorizzazione del portafoglio immobiliare che al momento riguarda tre immobili per uffici, due nella Castellana, principale arteria per l’office, e in Ourense 2-4 dove c’è l’Headquarter di Generali stiamo facendo una valorizzazione del building importante di circa 30mila mq nel cuore del Cbd. Questi interventi di valorizzazione che stiamo facendo a Madrid ci stanno dando grande importanza. Adesso partiremo con un progetto di valorizzazione su un immobile a Barcellona che probabilmente è uno dei principali building di Generali a livello europeo.”

Nuovo Headquarter di Sisal verso la certificaizone LEED Gold

Il nuovo Headquarter di Sisal è in lista anche per ottenere la Commercial Interior Gold di LEED, il programma di certificazione volontaria che misura tutto il ciclo di vita dell’edificio stesso, dalla progettazione alla costruzione e alle scelte impiantistiche all’avanguardia.

I tre valori sono perfettamente espressi in particolare al nono piano dal quale, grazie ai 350 mq di terrazza che lo circonda, è possibile ammirare il suggestivo skyline di Milano. Dotato di varie tipologie di sedute, il Working Cafè dell’ultimo piano è un luogo dedicato alle persone.

All’interno dell’area break si trova un piccolo market dove si possono acquistare pasti sani e a chilometro zero riforniti da Foorban, il partner Food & Wellbeing di Sisal presente in tutti gli uffici dell’azienda in Italia.

Ad ampliare l’offerta di attività extra lavorative anche una palestra di 200 mq, una sala per i servizi alla persona e un parcheggio interno dotato di colonnine di ricarica e un pool di auto elettriche per spostamenti di breve e medio raggio.

All’interno della nuova sede, Sisal ha voluto rendere fruibile a tutti la propria storia, innovando il proprio museo d’impresa MEIC (Memoria, Evoluzione e Identità Condivisa) in un museo diffuso, Sisal Memory, distribuito tra i nove piani dell’edificio. Insegne storiche, terminali di gioco e iconiche locandine che hanno fatto sognare gli italiani sin dal 1946 vanno quindi a impreziosire l’ambiente lavorativo con un mix di innovazione e storia.

 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x