Venerdì, 30 Settembre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Picasso, 50 anni dalla morte: Spagna e Francia celebrano l'artista in tutto il mondo

50 anni dalla morte di Pablo Picasso, 42 mostre in Europa e USA per celebrare e approfondire l'opera e la figura

21 Settembre 2022

"Celebration Picasso 1973-2023",  Spagna e Francia celebrano l'artista in tutto il mondo

Francia e Spagna si uniscono per celebrare i 50 anni dalla morte di Pablo Picasso organizzando, per tutto il 2023, 42 mostre in 38 musei di Europa e Stati Uniti, ognuna inaugurata dal Re e dalla Regina di Spagna. 

Il programma, con il via libera dei ministri della Cultura di Spagna e Francia, Miquel Iceta e Rima Abdul Malak, vede impegnate tutte le massime istituzioni culturali delle due nazioni che videro il maestro del cubismo all’opera. 

“Celebration Picasso 1973-2023”

L’iniziativa è volta a celebrare l’artista distaccandosi dalla presentazione puramente antologica, ma esplorando le contraddizioni e le sfaccettature di un personaggio tanto conflittuale quanto rappresentativo del chiaroscuro culturale del Novecento europeo. Ogni esibizione punta ad analizzare e approfondire uno dei molteplici aspetti della personalità e della produzione dell’artista, tracciando un percorso che le unisce, nella loro globalità, verso un approccio storiografico all’opera di Picasso. 

Nonostante l’evidente natura encomiastica dell’iniziativa, le esposizioni e gli eventi tracciano un percorso coerente con le recenti e continue reinterpretazioni tanto della produzione quanto della figura di Picasso: soprattutto negli ultimi anni la critica ha infatti focalizzato la propria attenzione sui lati più oscuri della vita dell’artista, in primo luogo sulla sua misoginia, sul rapporto patriarcale e conflittuale con le donne. Una celebrazione, dunque, che lascia spazio anche agli aspetti più controversi, al dibattito, alle interpretazioni e al confronto con i nuovi temi, come il femminismo.

Centinaia le opere prestate da eredi e musei

Bernard Ruiz-Picasso, nipote dell'artista e rappresentante della famiglia, si è detto soddisfatto del programma celebrativo, annunciando che gli eredi presteranno circa 200 opere dalle proprie collezioni private. Il maggior prestatore di opere sarà, tuttavia, il Museo Picasso di Parigi, che distribuirà circa 600 pezzi in diverse mostre.

Esposizioni saranno allestite ad esempio al Metropolitan Museum of Art e al Guggenheim Museum di New York, al Centre Georges Pompidou di Parigi e al Museo del Prado di Madrid.

Le mostre previste in Spagna si terranno presso la Casa de Velázquez, la Fundació Joan Miró, la Casa Encendida, il Museo Casa Natal Picasso, il Museo de Belas Artes da Coruña, il Museo Guggenheim di Bilbao, il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Museo Nacional Thyssen-Bornemisza di Madrid, il Museo Picasso de Málaga, il Museu del Disseny di Barcelona, il Museu Picasso di Barcelona e la Real Academia de Bellas Artes de San Fernando. In Francia, il Montmartre, le Beaux Arts de Lyon, il Musée de l'Homme-Muséum National d'Histoire Naturelle, il Musée National Picasso-Paris, il Musée Picasso di Antibes, il Musée Magnelli, il Musée de la Céramique, il Musée Goya, il Musée d'Art Hispanique di Castres, la Collection Lambert di Avignone, il Musée du Luxembourg di Parigi, il Petit Palais.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x