Giovedì, 30 Giugno 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

I grandi della letteratura? Tutti di destra!

Una colta ed elegante puntualizzazione del Gran Pignolo Mauro della Porta Raffo

Di Mauro della Porta Raffo

17 Giugno 2022

I grandi della letteratura? Tutti di destra!

Fonte: Flickr

E’ ora di riprendere per le corna (lo fece a suo tempo Giovanni Raboni sul Corriere) e sfatare una ridicola convinzione: quella che la cultura sia ‘di sinistra’.
Guardando alla letteratura del trascorso Novecento (e non è forse proprio la letteratura la massima espressione culturale possibile?), in verità, difficilissimo trovare un vero ‘grande’ che non fosse, invece, di ogni possibile destra, molte essendo le diramazioni in quel particolare labirinto.

Ecco, in rigido ordine alfabetico, i ‘destri’ di sicura fede:
Maurice Barrès,
Gottfried Benn,
Leon Bloy,
Jorge Luis Borges,
Louis Ferdinand Céline,
Piero Chiara,
Emile Cioran,
Paul Claudel,
Benedetto Croce,
Gabriele D’Annunzio,
Pierre Drieu La Rochelle,
Thomas Stearns Eliot,
Edward Morgan Forster,
Carlo Emilio Gadda,
Knut Hamsun,
Hermann Hesse,
Eugene Ionesco,
Marcel Jouhandeau,
Ernst Jünger,
Tommaso Landolfi,
Thomas Mann,
Filippo Tommaso Marinetti,
Francois Mauriac,
Charles Maurras,
Eugenio Montale,
Henri Millon de Montherlant,
Vladimir Nabokov,
Aldo Palazzeschi,
Giovanni Papini,
Luigi Pirandello,
Ezra Pound,
Giuseppe Prezzolini,
Giuseppe Tomasi di Lampedusa,
William Butler Yeats.

E non è finita visto che esistono anche i transfughi dalla sinistra, quelli che sono stati folgorati, a un certo punto della vita, dalla rivelazione dei disastri e dei crimini del comunismo storico e che per questo hanno finito con l’attestarsi su posizioni sostanzialmente liberali:
Wystan Hugh Auden,
André Gide,
Arthur Koestler,
André Malraux,
George Orwell,
Ignazio Silone,
Elio Vittorini...

E a parte ancora, perché è impossibile immaginare quali sarebbero state le loro convinzioni e vicende politiche se il destino li avesse fatti vivere altrove, i grandi perseguitati da Stalin:
Isaak Babel’,
Josif Brodskij,
Michail Bulgakov,
Marina Cvetaeva,
Osip Mandel’stam,
Boris Pasternak,
Alexander Solzenicin...

Fatto è che il vero letterato, il romanziere, il pensatore si caratterizzano per il loro individualismo e dove si è mai visto un individualista di sinistra?

Che tale mio assunto corrisponda senza ombra di dubbio a verità è dimostrato dalle parole che negli anni Trenta ebbe a indirizzare
Ernest Hemingway,
anarchico radicale liberale di destra dagli ignoranti collocato a sinistra, al critico e traduttore russo Ivan Kashkeen.
Eccole: “Non posso diventare comunista perché credo in un’unica cosa: la libertà...
Dello Stato non mi importa niente...
Credo nel minimo di governo...
Uno scrittore è come uno zingaro.
Non può fare concessioni a nessun governo!”

di Mauro della Porta Raffo

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x