Domenica, 14 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

PMI, al Fuorisalone 2022 l’installazione IQOS firmata da Truly Design Crew

Il titolo è “We” ed è firmata da Truly Design Crew. Il lavoro realizzato con IQOS rappresenta il legame fra arte e innovazione – integrando nella sua conformazione sostenibilità e progresso

07 Giugno 2022

PMI, al Fuorisalone 2022 l’installazione IQOS firmata da Truly Design Crew

L’Opificio 31, cuore del distretto Tortona, ospiterà nell’ambito del Fuorisalone 2022 l’installazione monumentale e site specific di IQOS, un intervento temporary di public art su grande scala. Il titolo è “We” ed è firmata da Truly Design Crew. Il lavoro realizzato con IQOS rappresenta il legame fra arte e innovazione – integrando nella sua conformazione sostenibilità e progresso – e si inserisce nel lungo percorso evolutivo, tra arte e tecnologia, che l’azienda ha intrapreso in questi anni e di cui IQOS World by Alex Chinneck ne rappresenta l’archetipo.

L’intento dell’installazione è quello di promuovere un dialogo sull’impatto positivo che il progresso può avere sugli individui e sulle comunità. “We” è un’opera che guarda al futuro omaggiando i diversi punti di vista di ogni singolo membro della community di IQOS esprimendosi per mezzo dell’anamorfismo: un’opera composta da diverse superfici, ognuna delle quali contribuisce a creare una grande immagine, proprio come una community al cui interno vivono unicità e storie da raccontare.

Truly Design Crew è un collettivo di artisti urbani attivi dal 1996 e particolarmente noti sulla scena internazionale per l’utilizzo peculiare della distorsione anamorfica, un escamotage artistico la cui solidità si dissolve rapidamente una volta lontani dal corretto punto di vista, un invito da parte degli artisti a immaginare un nuovo futuro e inedite possibilità.

La collaborazione arricchisce ancora una volta la collezione di iniziative tra arte e design che Philip Morris ha messo in campo negli ultimi anni in occasione della Milano Design Week proprio per celebrare l’innovazione attraverso la visione creativa di artisti e designer quali Karim Rashid, Quayola, Alex Chineck e Felice Limosani.

Anche per questa edizione Philip Morris Italia volge lo sguardo al futuro e alla sostenibilità, confermando la propria presenza con uno spazio dedicato a tutti i membri della community IQOS e a tutti i visitatori del Fuorisalone. Di fronte a questo spazio, il dialogo tra arte, design e sostenibilità si esprime attraverso un’opera anamorfica immersiva, realizzata su una struttura trattata con la vernice innovativa progettata da Airlite per ridurre gli agenti inquinanti nell’aria.

Emiliano Fava, Truly Design: "Un’opera anamorfica che rappresenta la community attraverso molteplici forme e colori” 

VIDEO-Emiliano Fava, Truly Design: "Un’opera anamorfica che rappresenta la community attraverso molteplici forme e colori”

Emiliano Fava, co-fondatore di Truly Design, a Il Giornale d'Italia in occasione della Milano Design Week:

"Quest’opera è particolare perché si tratta di un’opera anamorfica, ossia un disegno visibile da un unico punto di vista. Ci sono due variabili importanti: la nostra creatività, e quindi il nostro disegno, e l’architettura che la accoglie. Da un punto di vista potete vedere un disegno particolare, perfetto nelle sue proporzioni, mentre appena ci si sposta attorno a questa architettura il disegno assume delle sembianze diverse. 
Spostandosi l’opera cambia, è un’opera viva, e quando si arriva in un punto di vista prestabilito si riesce a vedere l’opera nella sua interezza e completezza. Abbiamo voluto rappresentare la community attraverso forme e colori diversi che si possono individuare anche singolarmente come ogni singolo elemento di una community che si fondono all’interno del nostro cerchio e rappresentano la community unità insieme.
È stato bello tornare qui al fuori salone dopo qualche anno di stop, per noi è un avvenimento importante. L’opportunità, lo spazio che ci ha voluto dare IQOS e il coraggio che hanno avuto nell’ assegnarci questa sfida è stato un motivo di orgoglio per noi. Abbiamo accetto questa sfida, l’obiettivo non era semplice. Vi invitiamo a vederla dal vivo per dirci cosa ne pensate."

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x