Martedì, 15 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Nicola Zingaretti non vuole ampliare la RAI a Milano. Perchè?

"L'audiovisivo è radicato nel nostro territorio" proclama il politico romano. Ma non tutti sono d'accordo

02 Giugno 2021

fonte: Wikipedia

Zingaretti dice NO alla RAI a Milano? Piattaforma Milano ribatte "Milano capitale della cultura"

Piattaforma Milano si oppone a questo cambiamento di strategia

Delle ultime ore la polemica innescata dal Presidente della Regione Lazio ed ex Segretario del PD Zingaretti. Di fronte alla decisione, auspicata da decenni, di creare un centro di produzione RAI a Milano, il politico romano ha attaccato la decisione, rivendicando il ruolo di Roma come presunta “capitale dell’Audiovisivo”. In questo è stato seguito dai candidati della Sinistra Calenda e Raggi.

Piattaforma Milano, che già sta sostenendo l’importante battaglia per l’apertura di una sede del TUB-Tribunale Unificato dei Brevetti europeo nel capoluogo meneghino, è preoccupata di questo approccio centralista.

Carmelo Ferraro“La vecchia storia che tutto ciò che ha una rilevanza nazionale deve essere fatto a Roma è antistorica ed illogica” ha commentato Carmelo Ferraro, Presidente di Piattaforma Milano aggiungendo che “la nostra città, specialmente dopo la grande crisi ha sempre di più la caratteristica di capitale della cultura, dei creativi, delle produzioni artistiche di alto profilo ed internazionali. Oltre tutto Milano vanta una storia di centri di produzione privata, piccoli e grandi, di altissimo livello. Pensare che tutto debba stare a Saxa Rubra è un insulto a questo mondo”.

Piattaforma Milano vigilerà perché la Rai non cambi idea e perché non vengano fatte indebite pressioni politiche da parte dei “soliti centralisti”. “Come sempre” ha concluso Carmelo Ferraro “difendiamo Milano che vogliamo sempre più bella e attiva, per il bene di tutto il nostro Paese”.

Piattaforma Milano

E' nato a Milano un coordinamento politico di forze liberali e popolari. Si chiama Piattaforma Milano e vuole dare una rappresentanza politica innovativa, libera, coesa ai cittadini e alle imprese che sono per la crescita e lo sviluppo, per il lavoro, per le riforme, per il contrasto all’impoverimento delle famiglie, per politiche non stataliste ma di valorizzazione della libera iniziativa che promuove investimenti e benessere.

Il direttivo di Piattaforma Milano è composto da 14 membri oltre al presidente eletto Carmelo Ferraro. Nato a Milano ma siciliano di origine, è laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano. Ha una lunga esperienza manageriale prima come Direttore del CTS – Centro Turistico Studentesco e Giovanile, poi come Direttore Generale dell’Ordine degli Avvocati di Milano: è anche noto come portavoce di MI’mpegno, comitato civico indipendente.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti