Venerdì, 01 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, Crisanti: "Terza e quarta dose di vaccino inutili ma me la farò"

Andrea Crisanti affronta il tema della nuova fase della pandemia

06 Aprile 2022

Andrea Crisanti

Andrea Crisanti (fonte: Twitter @GrancarloDeRisi)

Il direttore della Microbiologia all’Università di Padova, Andrea Crisanti, delinea la nuova fase dell’emergenza Covid 19. Ricordiamo che si tratta di uno tra gli esperti più intervistati e interpellati in due anni di pandemia da covid-19, e anche tra i più fermi propugnatori della linea delle chiusure nelle fasi più gravi e del tracciamento. "Le mascherine servono ormai a poco", ha dichiarato, "Le misure di contenimento servono a poco, bisogna cambiare politica e proteggere i fragili". E' stato questo il suo suggerimento al governo in vista della decisione sulle nuove regole per l'utilizzo delle mascherine. Il 20 aprile prossimo, infatti, il ministero della salute deciderà se confermare o eliminare l’obbligo di mascherina al chiuso a partire dal 1° maggio in poi.

Vaccino, protezione non è duratura

"L’equilibrio della pandemia è ancora molto instabile, perché la protezione del vaccino non è duratura. Si paga il prezzo di 150 decessi al giorno in Italia, il Sars-Cov2 è la maggior causa di morte", ricorda il professore parlando al Corriere della Sera di "numeri importanti, con contagi stabilizzati a circa 70mila al giorno a livello nazionale. Secondo Crisanti, però, a questo punto "l’uso della mascherina non è più in grado di contenere se non in una percentuale tra il 15% e il 20%, perché la variante Omicron ha un indice di trasmissibilità tra 12 e 15 e poi non tutti usano questa protezione al chiuso, alcuni la portano male e altri non sempre". E sulla quarta dose?

Covid, Crisanti: "Terza e quarta dose di vaccino inutili ma me la farò"

Relativamente alla campagna vaccinale e alla terza e quarta dose, Crisanti dichiara che "il booster non tutela dall’infezione e probabilmente nemmeno la quarta dose. Prima o poi me la farò la quarta dose sono un mezzo vecchietto, ho quasi 67 anni - ha dichiarato il microbiologo - Ma la faccio a livello di precauzione, poiché non esistono dati che ne indichino una maggiore capacità di protezione contro le complicazioni gravi viste anche nei soggetti con terza dose".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x