Lunedì, 29 Novembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green pass, rubate chiavi per generare Qr Code: spunta anche quello di Hitler

Tutto era nato quando su Raidforums, noto forum del dark web, un utente aveva chiesto un Green pass intestato ad Adolf Hitler

27 Ottobre 2021

Green pass, rubate chiavi per generare Qr Code: spunta anche quello di Hitler

Fonte: lapresse.it

Enorme falla nel sistema dei Green pass europei e italiani: sono state rubate le chiavi che servono a generare i Qr Code presenti sui Green pass, i quali sono stati poi anche venduti sul dark web. Si tratta di carte verde false ma al tempo stesso "valide" e quindi in grado di passare i controlli senza particolari problemi. Su internet circolava addirittura il Green pass "funzionante" di Adolf Hitler, con data di nascita 1 gennaio 1900. L'Italia corre subito ai ripari per annullare i certificati digitali in questione.

Green pass, scatta l'allarme: rubati codici in tutta Europa

A causa di una mancanza non da poco nel sistema che elabora i Green pass per gli abitanti dell'Unione europea, Italia compresa, un gruppo di hacker - che non sarebbe ancora stato identificato - ha rubato le chiavi che generano, ogni giorno, milioni di codici a barre. Questi ultimi sono stati poi pubblicati in rete per creare Green pass falsi. A renderlo noto sono oggi, mercoledì 27 ottobre 2021, fonti qualificate italiane. Le stesse riferiscono anche che si sarebbe già deciso di annullare tutte le carte verdi generate con le chiavi rubate. Intanto sono state convocate d'urgenza riunioni tra vertici italiani ma anche europei. Gli esperti nelle prossime ore condurranno un'approfondita analisi della spiacevole situazione emersa oggi e che tocca diversi Paesi dell'Ue.

Intanto sui social spunta il Green pass di Hitler. Tutto era nato da una discussione portata avanti su uno forum molto seguito, Raidforums, dove un utente aveva chiesto a un venditore di creare un lasciapassare verde intestato al dittatore nazista più tristemente famoso della storia. Ed è stato presto accontentato. L'uomo ha ottenuto, al prezzo di 300 euro, quello che aveva chiesto: la certificazione digitale di Hitler perfettamente funzionante. Ma, cercando nella parte più profonda di internet, questa non è risultata essere l'unica a lui intestata.

Sono infatti almeno due i Green pass che riportano il nome di Adolf Hitler, uno che indica come data di nascita il primo gennaio del 1900, l'altro invece il 1930. La cosa sconvolgente è però che, una volta che un qualsiasi addetto al Green pass inquadra questo Qr code, appare la scritta: "Certificazione valida in tutta Europa". 

 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x