Venerdì, 28 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Droga dello stupro, blitz a Roma con 6 arresti: spacciavano shaba e metanfetamine in monopattino

Quattro uomini e due donne di nazionalità italiana, cinese e bengalese sono stati arrestati. Il traffico di droga partiva dalla Toscana

21 Settembre 2021

Droga dello stupro

Fonte: Twitter

Un blitz estensivo dei Carabinieri di Roma ha scoperto un traffico della "droga dello stupro" che ha portato a 6 arresti. Le forze dell'ordine sono impegnate dalle prime ore della mattina di martedì 21 settembre a intervenire sui sospetti di ben due differenti contesti criminali che operavano nella capitale. Gli arrestati sono 4 uomini e 2 donne di diverse nazionalità. Tra di loro degli italiani, alcuni cinesi e un bengalese. L'accusa al momento è di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti illegali ai fini di spaccio. Considerata la gravità della sostanza psicotropa coinvolta potrebbero esserci delle aggravanti.

Droga dello stupro, individuati due giri di spaccio a Roma: 6 gli arresti

Due contesti criminali differenti, ma un solo obiettivo: spacciare la droga dello stupro, la polverina invisibile utilizzata per stordire le vittime e abusarne indisturbati. I Carabinieri di Roma hanno individuato i soggetti responsabili per lo smercio e lo spaccio di droghe sintetiche che partiva dalla Toscana per poi diffondersi nella capitale. Le sostanze stupefacenti sotto inchiesta sono droghe sintetiche come lo Shaboo e la Yaba. Si tratta principalmente di metanfetamine, cocaina e Ghb. Quest'ultima è chiamata la "droga dello stupro" perché disinnesca i freni inibitori ed è utilizzata dai predatori sessuali grazie alla sua caratteristica insapore e incolore.

Secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine, le droghe sintetiche provenivano dalla Toscana, dove un grossista di origini cinesi gestiva trasporto e consegna delle sostanze fino a Roma. Una volta giunta nella capitale poi, veniva distribuita a diversi spacciatori, che per non dare nell'occhio consegnavano la merce a bordo di monopattini elettrici, così da sfrecciare velocemente tra le vie di Roma e sfuggire ai controlli delle forze dell'ordine. Tra i clienti abituali sono stati individuati anche ballerini e personaggi del mondo dello spettacolo, medici e sportivi, anche se non sono stati fatti nomi.   

Droga dello stupro, che cos'è e come funziona

Tutti la conoscono come droga dello stupro. La droga sintetica alla base di molte storie di cronaca nera e di abusi sessuali, è nota per la sua caratteristica insapore e inodore, cosa che la rende particolarmente adatta per i predatori sessuali. Capace di stordire e disinibire completamente chi la assume, la droga sintetica è diventata famigeratamente nota per l'utilizzo che gli aggressori ne fanno. Essendo invisibile e insapore, viene spesso aggiunta ai drink di vittime inconsapevoli, che si ritrovano drogate senza il loro consenso. 

La droga dello stupro è individuata in due sostanze psicoattive differenti: la Gbl e la Ghb. La Gbl (gamma-butirolattone) e il Ghb (acido gamma-idrossibutirrico) hanno entrambe effetti sedativi, sono facili da reperire online e rendono incosciente le vittime, con danni anche alla memoria (cosa particolarmente grata ai predatori sessuali). In Italia è assolutamente illegale, ma in paesi come il Regno Unito è più facilmente reperibile, cosa che rende il suo trasporto nel nostro paese una possibilità reale.

Tra gli effetti della droga dello stupro ci sono anche allucinazioni, stati di confusione, difficoltà a coordinare i movimenti e vertigini. Gli effetti più immediati sono invece nausea, vomito, perdita di conoscenza e in alcuni casi anche convulsioni e collassi che possono portare alla morte. Il tutto ulteriormente aggravato se associato con l'assunzione di alcool o altre sostanze.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x