Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Stelle cadenti, quando vederle davvero bene: la notte migliore non è il 10 agosto. Ecco qual è

In pochi sanno quando vedere davvero le stelle cadenti. Tutti pensano che la serata giusta sia il 10 agosto, invece è la notte fra l'11 e il 12 agosto

11 Agosto 2021

Stelle

Stelle (pixabay)

Quando vedere le stelle cadenti: la serata migliore non è la notte di San Lorenzo

Nella notte del 10 agosto di ogni anno moltissime persone si mettono comode a fissare il cielo in attesa di vedere le cosiddette stelle cadenti, soprannominate "lacrime di San Lorenzo". Si tratta di uno degli spettacoli più attesi e particolari che offrono i fenomeni celesti. Le scie luminose che vediamo sono create dallo sciame meteorico delle Perseidi e sono ampiamente legate alla cultura popolare. Una tradizione diffusa in molti paesi è quella di esprimere un desiderio quando si vede una meteora.

Il nome Lacrime di San Lorenzo è stato dato in memoria del martirio del diacono romano, avvenuto il 10 agosto del 258. Mentre negli anni 2019 e 2020, la visione del fenomeno è stata "disturbata" dalla presenza ingombrante della Luna, quest'anno sarà decisamente nitida. Il giorno migliore per vedere le stelle cadenti non è però il 10 agosto, un altro.

Quando vedere le stelle cadenti: la data migliore

La notte di San Lorenzo cade il 10 agosto. Il picco massimo dello sciame meteorico avviene però tradizionalmente tra l'11 e il 13 agosto, come spiega l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile scientifico del Virtual Telescope Project. Il momento migliore per l'osservazione del fenomeno sarà nella notte tra mercoledì 11 e giovedì 12. Le stelle cadenti saranno comunque visibili diversi giorni dopo il picco massimo.

Perchè la data migliore in cui vedere le stelle cadenti è questa? Nella notte fra l'11 e il 12 agosto, l'orbita della Terra si avvicinerà maggiormente a quella del passaggio della cometa Swift-Tuttle attorno al Sole, responsabile delle polveri che generano le cosiddette "fiammate" nel cielo.

Che cosa sono le stelle cadenti e dove guardare per vederle bene

Le stelle cadenti sono minuscoli detriti che, quando entrano in contatto con l'atmosfera terrestre, si "infiammano" e illuminano il cielo. Più i grani di polvere di cui sono composte sono grandi, più le scie luminose sono lunghe e spettacolari. "Il fenomeno si verifica quando la Terra passa in prossimità dell’incrocio tra la sua orbita e quella della cometa in questione, ‘tuffandosi’ così nella nube di polveri seminata da quest’ultima lungo il proprio percorso attorno al Sole. Questi grani di polvere - ha spiegato l'astrofisico Gianluca Masi - penetrando a gran velocità nell’atmosfera terrestre, bruciano per attrito, lasciando così nel cielo la caratteristica scia".

Nella notte del picco massimo, per vederle davvero bene bisogna guardare a Nord Est, verso la costellazione di Perseo, da cui prendono il nome le Perseidi, uno sciame meteorico prodotto dal passaggio della cometa Swift-Tuttle, scoperta nel 1862. Le Lacrime di San Lorenzo sono comunque visibili su tutto il firmamento. Possono essere viste ad occhio nudo. Non sono necessari strumenti per la loro osservazione. Per vederle bene inoltre è necessario essere in una zona priva di illuminazione o poco illuminata.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x