Venerdì, 12 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Matteo Biffoni, Sindaco di Prato: “Riapertura Gallerie degli Alberti, passo in avanti dal punto di vista culturale e turistico della città”

Il Sindaco di Prato Matteo Biffoni a Il Giornale d’Italia: “La giornata di oggi segna per la città di Prato un passaggio storico, perché dopo aver sofferto l’allontanamento delle opere dalla sua città, oggi sono finalmente tornate a casa. Intesa Sanpaolo ha subito capito l’importanza di queste opere e si è impegnata non solo riportarle a casa, ma anche di donargli un contenitore meraviglioso”

24 Marzo 2022

Matteo Biffoni, Sindaco Comune di Prato, in occasione dell’apertura di Galleria di Palazzo degli Alberti ha detto a Il Giornale d’Italia:
“La giornata di oggi segna per la città di Prato un passaggio storico, perché dopo aver sofferto l’allontanamento delle opere dalla sua città, oggi sono finalmente tornate a casa. Grazie al lavoro di Banca Intesa Sanpaolo, Michele Coppola, Luca Severini e tutti i collaboratori che ci hanno lavorato, oggi abbiamo una galleria bellissima, legata alla città attraverso un filo rosso che tiene insieme le altre istituzioni di Prato. Per noi rappresenta una grande soddisfazione e un grande passo in avanti dal punto vista culturale e turistico, perché la Galleria degli Alberti offre i suoi capolavori ai cittadini di Prato e tutti coloro che vogliono vedere queste opere meravigliose”.
A proposito della collaborazione con Intesa Sanpaolo, il sindaco Biffoni ha affermato:
“Non posso far altro che ringraziare tutti, a partire da Stefano Barrese, Michele Coppola e Luca Severini che hanno preso e portato a termine questo impegno. Quando sono entrati in contatto con la nostra città e con l’esito del disastro popolare di Vicenza hanno subito capito l’importanza di queste opere per Prato e si sono impegnati non solo riportarle a casa, ma anche di donargli un contenitore meraviglioso. É stato bello lavorare con loro perché sono persone serie che hanno sempre mantenuto la parola, portando infondo un percorso che oggi è visibile a tutti. Io non posso far altro che essere molto orgoglioso”.

Torna all'articolo

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti