Mercoledì, 20 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Philip Morris lancia la sigaretta elettronica VEEV, verso un futuro senza fumo

Hannappel, PMI: "Il nostro obiettivo è rendere il fumo di sigaretta un ricordo del passato nel più breve tempo possibile. Una sfida senza precedenti che ha il suo centro propulsivo proprio in Italia"

21 Settembre 2021

Philip Morris lancia la sigaretta elettronica VEEV, verso un futuro senza fumo

Philip Morris International (PMI), azienda leader nel settore del tabacco a livello mondiale e capofila nella trasformazione del settore verso un futuro senza fumo, ha presentato oggi VEEV, la nuova sigaretta elettronica frutto di un percorso di oltre sei anni di ricerca e sviluppo.

Dopo una prima fase pilota con il lancio in alcune città italiane, VEEV sarà ora disponibile in tutto il territorio nazionale, ampliando il portafoglio dei prodotti senza combustione di PMI per rispondere alle diverse esigenze dei consumatori italiani e accelerare il declino delle sigarette.

Philip Morris lancia la sigaretta elettronica VEEV, verso un futuro senza fumo

 VIDEO-Philip Morris Italia, Hannappel: “L’Italia resta il nostro mondo pilota per gli investimenti”

“VEEV è un ulteriore tassello di una creazione di prodotti tech di nuova generazione- afferma a Il Giornale d’Italia Marco Hannappel, presidente e amministratore delegato di Philip Morris Italia- dopo il lancio in Italia ormai cinque anni fa di IQOS la fabbrica che abbiamo aperto per produrlo e mandarlo in giro per il mondo, viene esportato in 40 paesi, arriva un ulteriore alternativa. Le alternative devono essere legate a quello che i consumatori vogliono utilizzare, non tutti sono per il tabacco riscaldato e quindi anche le sigarette a liquido entrano nel portafoglio dei prodotti di Philip Morris con un prodotto estremamente innovativo e forti investimenti in termini di ricerca, sviluppo e produzione che hanno riguardato in parte il nostro Paese”.

“Dall’apertura del nostro impianto 2016 con un miliardo di investimento e 1600 persone che ci lavorano abbiamo proseguito in questa direzione rinnovando sempre gli accordi che abbiamo in ambito agricolo, 100 milioni all’anno di investimento, 1000 aziende interessate, oltre 22 mila persone che lavorano in ambito agricolo in questi accordi. In generale la nostra filiera occupa circa 30 mila persone nel nostro Paese, abbiamo lanciato un nuovo centro digitale che si chiama DISC a Taranto l’anno scorso a novembre che oggi occupa già circa 350 persone. Proseguiamo il nostro processo di assunzioni sia a tempo determinato che indeterminato di quasi 1000 persone in un ambito 2020-2021 che ha visto invece molte aziende ridurre il proprio personale a causa del Covid”.

“Ulteriori investimenti arriveranno il mese prossimo, il 26 ottobre inauguriamo il nostro Centro servizi per la ricerca e sviluppo, verranno forniti dall’Italia alla casa madre dei servizi su industrializzazione, prototipazione, creazione di processo industriale, sostenibilità e decarbonizzazione in primis e tantissime altre attività. Un Centro molto importante, 260 persone di alto profilo che vanno ad occupare un posto di primo piano nella nostra filiera che si inserisce in un parco industriale in cui Crespellano resta un fiore all’occhiello dell’industria 4.0 dello sviluppo di soluzioni e macchinari innovativi a livello industriale che poi vengono replicate in tutte le altre fabbriche del mondo. Resta il nostro mondo pilota l’Italia per i nostri investimenti, l’ultimo è molto lungo ma sono tanti gli investimenti che facciamo, la creazione di un centro di competenze che si chiama IMC Institute for Manufacturing Competences, creando le competenze che servono nel presente e nel futuro, perché le persone sono quelle che poi portano avanti le macchine, che migliorano e diventano sempre più intelligenti e le persone nostre del futuro lo diventano con partnership con Università di Bologna, Politecnico di Bari e anche gli Istituti tecnico scientifici, che come accade spesso in Germania anche le scuole tecniche possono essere potenziate e migliorate, diventare non delle strutture di serie b ma davvero un primo passo verso il mondo del lavoro o università di tipo tecnico scientifico”.

“IQOS in Italia è sicuramente un successo lo sta diventano in tanti altri paesi nel mondo, noi siamo più avanti perché abbiamo cominciato prima ma è un processo che sta diventando in tutti i paesi d’Europa e del mondo. Lo testimonia il fatto che Crespellano esporta in 40 paesi del mondo il tabacco riscaldato che lì si produce. Il mondo VEEV invece è nuovo una sigaretta elettronica a liquido che abbiamo lanciato in test market in alcune città italiane, il responso è stato molto buono ed entusiasta e di conseguenza abbiamo deciso di lanciarla in tutta Italia, pronta per offrire ai consumatori un’alternativa al tabacco riscaldato, per chi preferisce le sigarette a liquido. Philip Morris è sempre stata molto chiara in quello che è il proprio principio di trasformazione, non solo sancito in un documento ufficiale del nostro board, ma sancito nei fatti e negli investimenti. Siamo estremamente aperti e laici nell’offrire ai consumatori – conclude Hannappel - qualunque alternativa la tecnologia offra ai fumatori adulti che vogliono passare ad un prodotto alternativo perché non vogliono smettere di fumare.”

Volpetti (Philip Morris International) a Il Giornale d’Italia: "Vogliamo un futuro senza fumo"

 

VIDEO-Volpetti (Philip Morris International) a Il Giornale d’Italia: "Vogliamo un futuro senza fumo"

Stefano Volpetti, Chief Consumer Officer di Philip Morris International ai microfoni de Il Giornale d’Italia: “Il nostro obiettivo è eliminare le sigarette tradizionali il più presto possibile. La nostra visione del futuro è infatti senza fumo. Per realizzare questa missione ci siamo dati l’obiettivo nl 2025 di avere più del 50% delle nostre vendite a livello globale in smoke free. La caratteristica fondamentale di questi prodotti è il non avere combustione. Quindi offriamo ai fumatori adulti che vogliono continuare a fumare delle tecnologie avanzate con solide basi scientifiche senza combustione che diventano una valida alternativa alla sigaretta normale.

Per realizzare questa visione abbiamo sviluppato il prodotto a tabacco riscaldato IQOS. Arrivare, a livello globale, a una conversione dei fumatori tradizionali richiede però un portafogli di prodotti. Sin ora abbiamo avuto molto successo con IQOS e oggi viviamo un secondo passo importantissimo: il lancio di VEEV. VEEV è un prodotto che scalda un liquido che contiene nicotina con una tecnologia sviluppata negli ultimi sei anni in Svizzera e prodotta in Germania. Il dispositivo dà un’esperienza superiore ai fumatori che vogliono passare dai prodotti tradizionali a quelli smoke free.

VEEV ha in oltre degli aspetti unici sul mercato. La possibilità di connettere attraverso la tecnologia il dispositivo al telefono per personalizzare l’esperienza come l’intensità del vapore, sbloccare o bloccare il dispositivo o ritrovarlo con la geo localizzazione.

Ricerca e sviluppo sono per noi fondamentali. Dal 2008 ad oggi abbiamo investito infatti 8 miliardi di dollari per lo sviluppo e la commercializzazione dei prodotti smoke free. L’Italia è un Paese importantissimo nella mappa mondiale, insieme a il Giappone è il primo Paese in cui abbiamo lanciato IQOS e ad oggi è uno dei top 5 Paesi al mondo. Per questo l’Italia rappresenta un mercato fondamentale”.

 Nel 2020 Philip Morris International ha dedicato oltre il 99% dei propri investimenti in Ricerca & Sviluppo ai prodotti senza combustione e negli ultimi 15 anni ha investito complessivamente oltre 8 miliardi di dollari. A oggi, oltre 400 scienziati di 40 nazionalità diverse ed esperti in circa 30 discipline scientifiche e ingegneristiche studiano lo sviluppo di questi prodotti, il cui valore corrisponde a circa il 30% dei ricavi netti di PMI al 30 giugno 2021.

L’obiettivo dell’azienda è generare entro il 2025 oltre il 50% dei ricavi netti totali da prodotti senza combustione e l'azienda si è impegnata affinché 40 milioni dei propri fumatori adulti passino ai prodotti senza combustione entro il 2025.

VEEV sarà disponibile nelle tabaccherie e in circa 80 PUFF Store in Italia, oltre che sui canali e-commerce veev-vape.com, puffcigarette.com e vaporoso.it, dove sarà possibile acquistare anche i VEEV pod. Il solo dispositivo sarà disponibile anche nei negozi IQOS presenti sul territorio nazionale.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x