Martedì, 04 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Mobilitazione Russia, l’indiscrezione: “I riservisti di Putin sono un milione”. Il Cremlino smentisce

Secondo il quotidiano Novaya Gazeta, il presidente russo avrebbe inserito la quota di un milione di riservisti in un atto secretato. Il Cremlino: “È una bugia”

22 Settembre 2022

Russia, l’indiscrezione: “I riservisti di Putin sono un milione”. Il Cremlino smentisce

Da 300mila a un milione. Significa che Vladimir Putin potrebbe chiamare 700mila riservisti in più. Una bella differenza. Secondo il quotidiano indipendente Novaya Gazeta, i russi “con una precedente esperienza militare” che potrebbero essere richiamati dal presidente sono un milione e non 300mila, come annunciato dallo stesso Putin e dal ministro della Difesa, Sergei Shoigu. Il Cremlino, però, ha smentito l’indiscrezione.

Mobilitazione Russia, l’indiscrezione: “I riservisti di Putin sono un milione”. Il Cremlino smentisce

Il numero vero della portata della mobilitazione parziale della Russia sarebbe contenuto nel settimo paragrafo del decreto siglato da Putin ieri, mercoledì 21 settembre. L’atto è stato secretato, ma alcune fonti hanno riferito alla Novaya Gazeta, “che il numero è stato corretto varie volte e alla fine si sono accordati su un milione”. L’agenzia di stampa statale Ria ha citato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, definendo la notizia “una bugia” e smentendo il quotidiano russo, che a sua volta ha citato una fonte anonima nell’amministrazione presidenziale affermando che il punto 7 del decreto, che è stato trattenuto come “per uso ufficiale” nel comunicato pubblico di mercoledì, ha consentito il forze armate per arruolare "un milione di uomini”.

Mobilitazione Russia, l’indiscrezione: “I riservisti di Putin sono un milione”. Il Cremlino smentisce

Putin ha detto che la chiamata alle armi interesserà “cittadini che sono attualmente riservisti, specialmente quelli che hanno già servito nelle forze armate, hanno una certa professionalità ed esperienza militare”. “Quelli che non hanno mai visto o sentito nulla di militare non ci saranno”, ha aggiunto Shoigu affermando che gli studenti “continueranno ad andare in classe”. Tutti gli uomini russi sono tenuti a prestare il servizio militare per un anno di età compresa tra 18 e 27 anni, sebbene gli studenti universitari possano invece ricevere istruzioni da una facoltà militare insieme ai loro studi prescelti. La mobilitazione parziale ha causato proteste e fughe da Mosca, col numero di domande “come scappare dalla Russia” che su  Google è aumentato vertiginosamente, insieme a ricerche tipo “come rompersi un braccio” per evitare di essere arruolati. 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x