Mercoledì, 25 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Ucraina, Pentagono chiama Mosca: "Cessate fuoco". Prima telefonata da inizio guerra

Il capo del Pentagono Lloyd Austin ha sentito il ministro della Difesa di Mosca Sergey Shoigu e ha chiesto di cessare il fuoco in Ucraina. Ma intanto il presidente Usa Joe Biden continua a mandare armi a Kiev

13 Maggio 2022

Ucraina, Pentagono chiama Mosca: "Cessate fuoco". Prima telefonata da inizio guerra

Continua la guerra tra Ucraina e Russia e oggi, venerdì 13 maggio 2022, il capo del Pentagono Lloyd Austin ha sentito per la prima volta il ministro della Difesa di Mosca Sergey Shoigu. Durante il colloquio telefonico il vertice Usa ha chiesto al ministro russo "un rapido cessate il fuoco" e ha "messo in evidenza l'importanza di preservare canali di comunicazione". Lo riferisce il Pentagono. Nel frattempo fa il giro del web la notizia della sospensione della fornitura elettrica russa in Finlandia. Notizia che però viene presto smentita direttamente dal Cremlino.

Ucraina, Pentagono chiama Mosca: è la prima volta

La chiamata di oggi tra il capo del Pentagono e il ministro Sergey Shoigu è stata la prima dallo scoppio della guerra in Ucraina, o, come la chiama la Russia, "l'inizio dell'operazione speciale in Donbass". La richiesta da parte degli Usa è quella di cessare il fuoco ma, al tempo stesso, è il presidente americano Joe Biden che continua a inviare armi a Kiev e al suo leader, l'ex comico e ora presidente Volodymyr Zelensky. La telefonata di oggi infatti appare, agli occhi di molti, una sorta di "presa in giro", come commentano diversi utenti sui social.

Il Cremlino ha inoltre smentito la notizia riguardante il blocco delle forniture di elettricità da Mosca alla Finlandia. Nel pomeriggio di oggi, il servizio russo che erogava il servizio aveva annunciato lo stop. Il Cremlino però ha subito definito le parole riportate su diversi siti web come "bufale". "La Russia non intende bloccare le forniture di gas alla Finlandia", ha affermato, tramite una nota stampa, il portavoce Dmitry Peskov.

"Gazprom fornisce gas ad alcuni consumatori in Europa, inclusi Paesi della Nato. Queste notizie sono probabilmente solo un'altra bufala giornalistica", ha concluso infine Peskov.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x