Venerdì, 24 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Garofalo Health Care: ricavi del 2Q2021 pari a €73,1M (+83,1%)

Garofalo, GHC: “I risultati del semestre premiano gli sforzi messi in campo da tutti i nostri manager.  GHC si conferma un Gruppo sano e dinamico dotato delle risorse necessarie per investire nella crescita organica"

13 Settembre 2021

 Garofalo Health Care: ricavi del 2Q2021 pari a €73,1M (+83,1%)

Il Consiglio di Amministrazione di Garofalo Health Care S.p.A. (“GHC” o la “Società”), quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana, ha approvato in data odierna la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2021 redatta secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS.

Maria Laura Garofalo, Amministratore Delegato di GHC ha commentato: “I risultati del semestre premiano gli sforzi significativi messi in campo da tutti i nostri manager sul territorio. Un impegno che ha portato le nostre strutture, pur in un contesto ancora non ordinario, a generare risultati straordinari e in molti casi addirittura superiori a quelli del 2019. GHC si conferma così un Gruppo sano e dinamico dotato delle risorse necessarie per investire tanto nella crescita organica – attraverso l’acquisto di tecnologia d’avanguardia e l’ampliamento dei propri presidi– che nella crescita per M&A, che rimane la parte fondante della sua strategia di crescita come testimoniato in questo semestre dall’acquisizione di 3 strutture di assoluta eccellenza quali la Clinica S. Francesco di Verona, e gli ospedali privati accreditati Domus Nova e S. Francesco di Ravenna.”

Garofalo Health Care: ricavi del 2Q2021 pari a €73,1M (+83,1%)

Al 30 giugno 2021 i ricavi consolidati di GHC sono pari a €133,5M, in aumento del +48,5% rispetto a €89,9M registrati nel 1H2020, quest’ultimo influenzato, a partire dal mese di marzo, dalle restrizioni normative nazionali e locali imposte per affrontare la pandemia da Covid-19. Tali risultati includono €12,7M relativi al contributo di XRay One (per 6 mesi) e di Clinica S. Francesco (per 3 mesi), strutture acquisite, rispettivamente, a luglio 2020 e ad aprile 2021. Si specifica inoltre che tali risultati includono, nel confronto con il primo semestre dello scorso esercizio, €0,9M relativi al rimborso degli “extra-costi Covid”(3) sostenuti dal Gruppo nel periodo e non rilevati nel primo semestre dello scorso anno e €1,0M relativi alla compartecipazione del Sistema Sanitario Regionale definita nell’ambito del rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (“CCNL”)(4) intervenuto ad ottobre 2020.

Al fine di evidenziare le ottime performance registrate dal Gruppo nel secondo trimestre dell’anno, caratterizzato da un progressivo miglioramento della situazione emergenziale legata al Covid-19, di seguito si riportano i dati relativi ai ricavi realizzati dal Gruppo nel 2Q2021 a confronto con il 2Q2020. Tali risultati, che includono il contributo pieno sia di XRay One che di Clinica S. Francesco sui tre mesi, evidenziano una crescita di €33,2M (+83,1%) o di €22,3M a parità di perimetro (+55,9%). Si specifica che tali risultati includono, nel confronto con il trimestre dello scorso esercizio, €0,3M relativi al rimborso degli “extra-costi Covid” sostenuti dal Gruppo nel periodo e non rilevati nel 2Q2020 e €0,5M relativi alla compartecipazione del Sistema Sanitario Regionale definita nell’ambito del rinnovo del CCNL prima richiamato.

L’Operating EBITDA Adjusted consolidato del semestre si è attestato a €24,7M, in aumento del 120,4% rispetto a €11,2M dell’esercizio precedente, periodo influenzato dalla sospensione delle attività imposta a partire dal mese di marzo che non aveva consentito il pieno assorbimento dei costi fissi. Tale risultato include il contributo di XRay One (per 6 mesi) e di Clinica S. Francesco (per 3 mesi), acquisite successivamente al 1H2020, pari a €2,7M. Si specifica che l’Operating EBITDA Adjusted del semestre, nel confronto con l’anno precedente, include €0,6M di maggiori costi relativi al rinnovo del CCNL prima richiamato.

Nel 1H2021 il margine Operating EBITDA Adjusted del Gruppo si è attestato al 18,5% (18,2% a parità di perimetro), in crescita rispetto al 12,5% consuntivato nel periodo precedente. Il contributo di XRay One e di Clinica S. Francesco è risultato accrescitivo nel semestre, con una marginalità del 21,9%. Nel confronto con il 1H2019 Pro-Forma, l’Operating EBITDA Adjusted avrebbe registrato un aumento di €0,3M (+1,5%). A parità di perimetro, l’Operating EBITDA Adjusted registrerebbe una contrazione pari a €2,4M (-9,9%), riconducibile sia al fatto che le strutture del Gruppo hanno in parte risentito, soprattutto nel corso del primo trimestre dell’anno, delle attività svolte a supporto del Sistema Pubblico - che condizionano il pieno utilizzo della capacità produttiva ed una programmazione operativa del tutto ordinata ed efficiente - sia al maggior costo del lavoro per effetto del rinnovo, a partire da luglio 2020, del CCNL.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x