Mercoledì, 16 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Al MANN presentata "Perseo", la neonata rivista del Teatro di Napoli

Nel numero zero gli interventi di Thomas Osthermeier, Claudio Longhi, Giorgio Barberio Corsetti, Emma Dante, Toni Servillo, Massimo Cacciari, Carlo Cerciello, Lino Musella, Franco Marcoaldi e tanto altro

28 Maggio 2021

Al MANN presentata "Perseo", la neonata rivista del Teatro di Napoli

Poalo Giulierini e Roberto Andò

Ieri presso la sala del Toro Farnese al Museo Archeologico Nazionale di Napoli,  è stato presentato il nuovo progetto editoriale semestrale del Teatro di Napoli-Teatro Nazionale, Perseo. L’iniziativa ha sancito anche la partnership che unirà nel prossimo triennio il MANN e il Teatro di Napoli. All'incontro, presso la sala del Toro Farnese del MANN sono intervenuti il direttore del Museo Paolo Giulierini, il direttore del Teatro di Napoli Roberto Andò, il direttore della rivista Roberto D’Avascio, l’editore Rosario Esposito La Rossa.  Ha moderato l’incontro il giornalista Massimiliano Virgilio.

Perseo, nasce la rivista del Teatro di Napoli-Teatro Nazionale: primo numero dedicato al teatro interotto dalla pandemia

La rivista dietta da Roberto D’Avascio, docente di Storia dello spettacolo teatrale e musicale presso l'Università di Salerno. Nel numero zero Perseo offre un focus “sul teatro interrotto dalla pandemia” con interventi, tra gli altri, di Thomas Osthermeier, Claudio Longhi, Giorgio Barberio Corsetti, Emma Dante, Toni Servillo, Massimo Cacciari, Carlo Cerciello, Lino Musella, Franco Marcoaldi e approfondimenti su alcuni spettacoli della stagione teatrale.

Paolo Giulierini, che si è detto estremamente soddisfatto della partnership con il Teatro di Napoli, ha sottolineato: “Portare la cultura in città ed, in particolare, nei quartieri disagiati: questo lo stimolo che viene fuori da un'importante collaborazione, di cui siamo orgogliosi”. Il direttore del Teatro di Napoli, Roberto Andò, ha dichiarato: “è un momento molto importante per il mondo della cultura ed è un momento di transizione, la rivista Perseo è uno strumento utile per creare spazi di discussione, perché il Teatro ora impone questo e non si può restare indifferenti”.

Perseo è edita da Marotta e Cafiero editori srl. Il comitato editoriale è composto dal direttore Roberto Andò, dal direttore della rivista Roberto D’Avascio, da Lorenzo Mango, professore di Discipline dello spettacolo, Stefania Maraucci, responsabile comunicazione del Teatro Nazionale di Napoli, Annamaria Sapienza, professoressa di Discipline dello spettacolo.

 E’ possibile acquistare la rivista on line sul sito https://teatrodinapoli.it/perseo-la-sfida-del-teatro/ e nella stessa pagina si possono consultare le librerie dove è possibile trovarla.

Perchè Perseo?

il Comitato editoriale spiega: "In mezzo alle divinità e agli eroi della mitologia classica che hanno avuto un legame con l’arte ed il teatro, Perseo sembra essere una personalità più defilata, alla quale la nostra modernità non ha concesso molta attenzione. Giovane bello e valoroso è stato ricordato per la lotta contro i più pericolosi mostri dell’antichità, per il soccorso offerto a principesse, per gli oggetti magici adoperati, nonché per le avventure in fiabeschi e fantastici territori. Ispiratore di infiniti mondi barocchi, come quelli delle scene seicentesche di Sachs, Corneille, Lope de Vega o Calderón della Barca, nella nostra contemporaneità la figura di Perseo fa fatica a identificarsi in organici sistemi di pensiero o in valori assoluti, apparendo meno complicata e poco sfumata, eroe da romance, puro d’animo e sempre pronto a combattere per il bene. Si può, tuttavia, arrivare a capire Perseo soltanto volgendo lo sguardo verso la sua impresa più nota e la sua terribile antagonista, Medusa, l’unica Gorgone mortale capace di pietrificare chiunque avesse incrociato il suo sguardo. Dunque, il rapporto tra Perseo e Medusa è filtrato dalla (im)possibilità della visione. Medusa è negazione della vista, è pietrificazione di ciò che prima era carne, è letteralmente "impossibilità di vedere".
Perseo dà il nome alla rivista semestrale del Teatro Nazionale di Napoli, edita da Marotta&Cafiero, che invece intende vedere e raccontare il nostro tempo a partire dal teatro, attraverso voci diverse che interrogano un presente variegato e complesso: un nome che è una prospettiva, un solco di riflessione. In questo senso la rivista intende nutrirsi di «leggerezza», nel senso che Italo Calvino ha dato nelle sue famose Lezioni americane a questo concetto. Qui lo scrittore ha ripreso la figura di Perseo, individuando nel suo mito innanzitutto una lezione di metodo. Seguendo Calvino e la sua leggerezza, la nostra rivista vuole porsi sulla scia di chi "vola coi sandali alati" e "non rivolge il suo sguardo sul volto della Gorgone ma solo sulla sua immagine riflessa nello scudo di bronzo". Il nostro lavoro, di fronte alla complessità del reale e del suo doppio teatrale, proverà ad utilizzare le agili armi di Perseo per aggirare il peso della pietra, per "tagliare la testa di Medusa senza lasciarsi pietrificare" e spingendo lo sguardo su ciò che può rivelarsi attraverso "una visione indiretta" oppure "un’immagine catturata da uno specchio". La dimensione teatrale in filigrana nel mito di Perseo diventa, quindi, lo scudo che mette in gioco la relazione vitale tra lo sguardo dello spettatore e il pericolo dell’immagine teatrale. Perseo proverà ad affrontare questa sfida che costituisce l’essenza stessa del teatro in questi nostri tempi incerti"

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti