Sabato, 02 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Sciopero trasporti Napoli venerdì 20 maggio: le conseguenze per i cittadini

Nel corso della giornata prevista anche una manifestazione in centro città; l'agitazione arriva a meno di un mese da quella precedente

19 Maggio 2022

expo tram

A Napoli, come nella maggior parte delle città italiane, sarà osservato uno sciopero dei trasporti, che potrà causare non pochi disagi. Si prospetta un venerdì di passione per chi vive in città o dovrà raggiungerla per motivi di lavoro o di studio. L'agitazione, che porterà anche a una manifestazione organizzata per il pomeriggio, arriva a distanza di meno di un mese da quella precedente, a conferma di come le associazioni di categoria non abbiano ancora ricevuto le rassicurazioni necessarie, ma sentano così il bisogno di mettere in evidenza il proprio malcontento.

Tutti i mezzi pubblici, oltre ai treni, potrebbero quindi fermarsi, nonostante si voglia fare il possibile per rispettare le fasce di garanzia e permettere così a chi deve raggiungere il proprio posto di lavoro o di studio di riuscire a farlo.

Sciopero trasporti Napoli 20 maggio 2022: le modalità

Lo sciopero dei trasporti è stato indetto per il 20 maggio 2022 e sarà osservato anche a Napoli su iniziativa dell'Unione Sindacale di Base, che ha deciso di protestare contro la guerra, che sta danneggiando in maniera pesante anche il nostro Paese. Tra le conseguenze più evidenti ci sono il rialzo di luce e gas, oltre che un aumento dei prezzi di gran parte dei prodotti che utilizziamo solitamente nelle nostre case. La spesa quotidiana è diventata così più cara, ma non è stata allo stesso tempo accompagnata da un incremento degli stipendi.

Uno degli obiettivi che si vuole raggiungere è quindi anche quello di spingere il Premier Mario Draghi e i suoi ministri anche a modificare i contratti di molte categorie, che prevedono salari decisamente troppo bassi in rapporto allo stile di vita. Molte famiglie, inoltre, si ritrovano inoltre a dover gestire un calo drastico del potere d'acquisto come conseguenza delle misure restrittive introdotte a causa della pandemia.

Si punta inoltre a sottolineare la contrarietà nei confronti dell'economia di guerra che sta portando avanti il nostro esecutivo, arrivando a finanziare il conflitto con l'invio di armi. La manifestazione, prevista in Piazza Municipio a partire dalle ore 16.30, darà voce alle tante persone che ora si trovano in forte difficoltà.

EAV ha comunque riferito di non voler aderire allo sciopero, posizione che dovrebbe essere seguita anche da ANM, che non ha dato comunicazioni a riguardo. Il servizio di bus, metro linea 1, tram, funiculari, circumvesuviana e Cumana dovrebbe quindi essere garantito senza particolari intoppi.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x