Sabato, 22 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green Pass stampato a soli 4 euro in farmacia. Ma non era gratuito? Bufera a Padova

L'episodio oltraggioso in una farmacia di Padova, dove a un uomo è stato chiesto di pagare per il rilascio del certificato verde digitale

17 Agosto 2021

Green Pass

Lo scontrino con la vendita del Green Pass

Una farmacia concede il green pass stampato alla modica cifra di 4 euro. È quanto successo a un uomo di Padova, che ha denunciato il fatto postando lo scontrino del "prestato servizio" sui social. Pronto l'intervento dell'Ordine dei Farmacisti, che ha ribadito che il certificato verde digitale Covid è gratuito in tutte le sue forme, anche quella cartacea. Non sente scuse la proprietaria della farmacia, che risponde: "Non siamo una copisteria".

Green Pass stampato a soli 4 euro in farmacia. Ma non era gratuito? Bufera a Padova

Immaginate di avere bisogno di andare al ristorante, o in palestra, o di essere in partenza per le vacanze. Alle preoccupazioni quotidiane, abbiamo dovuto aggiungere anche il green pass. Quindi andate in farmacia, uno dei posti in cui il green pass viene rilasciato a seguito del tampone. Già che ci siete comprate anche un paio di farmaci che erano finiti in casa, non si sa mai. È il momento di pagare: "Per il green pass sono 4 euro". Se pensate che sia un prezzo conveniente e non ci sia niente di strano non avete prestato bene attenzione. Per legge, il rilascio del green pass è totalmente gratuito. Sia nella sua forma digitale, che in quella cartacea.

Non la pensa così la farmacia "Alle Terme" di viale Stazione, a Montegrotto, in provincia di Padova. Da qualche tempo in questo stabilimento non si vendono solo farmaci di base, ma anche beni di lusso inventati: il green pass. La motivazione? Sarebbe il costo per coprire il toner della stampante. Non bastava aggiungere il green pass alla lista di scartoffie e documenti che si deve portare con sé in ogni luogo, stando ai proprietari della farmacia incriminata l'oltraggio continua e bisognerebbe anche pagare per un pezzo di carta che già di per sè sta ostacolando le vite di milioni di italiani.

Green Pass, la farmacia fa pagare 4 euro per averlo. Interviene l'Ordine Farmacisti 

L'episodio spiacevole è capitato a a più riprese a differenti persone negli ultimi giorni, ma è arrivato all'attenzione dei più quando un uomo ha deciso di denunciare la questione sui social. Ecco che arriva lo scontrino, con tanto di scritta: "Documento commerciale di vendita o prestazione". Una prestazione che ai sensi delle norme europee dovrebbe essere gratuita e che adesso rischia di mettere seriamente nei guai la farmacia di Montegrotto

Le disposizioni europee in materia di green pass stabiliscono infatti che i cittadini abbiano diritto di ricevere gratuitamente il certificato, qualora siano in possesso dei requisiti per riceverlo come vaccinazione completa, tampone risultato negativo e prima dose effettuata. Inoltre, Usl, medici di base e farmacie hanno il dovere di rilasciarlo sempre e senza nessuna spesa a carico del cittadino. Lo conferma Federfarma, che una volta appreso del comportamento della farmacia "Alle Terme" precisa: "Secondo quanto riportato dal decreto legge in materia di messa a disposizione agli interessati delle certificazioni verdi Covid-19 generate dalla piattaforma nazionale-Dgc, i certificati sono rilasciati gratuitamente da Asl, laboratori, medici e farmacie, senza oneri a carico del cittadino, fermo restando l’impossibilità del cittadino di provvedere autonomamente alla stampa del certificato o al suo download".

Infuriato l'ordine dei farmacisti, che nelle parole del presidente Giovanni Cirilli si è espresso contro il vergognoso atteggiamento di chi si approfitta della già stressante situazione e ha dichiarato: "Siamo arrabbiati, perché cose del genere non possono e non devono accadere". Si distacca quindi l'Ordine dei Farmacisti, che prende posizione contro la specifica farmacia padovana. "I nostri farmacisti sanno perfettamente che i Green pass devono essere stampati gratuitamente - continua Cirilli -Non esiste nessun rimborso spese, nemmeno di un euro per una presunta beneficenza difficilmente controllabile. I Green pass sono gratuiti e basta. Siamo molto arrabbiati, perché è da tempo che stiamo cercando di far vedere che i servizi in farmacia funzionano ed episodi del genere ci danno enormemente fastidio".

Green pass a 4 euro, la farmacia non si pente: "Facciamo pagare i pigri"

Pagare 4 euro per il green pass non è solo un fastidio, ma un onere economico per il cittadino, che viene alimentato quando i responsabili non si rendono nemmeno conto dell'errore. È il caso dei proprietari della farmacia, che senza nessun ritegno per il parere dei cittadini hanno difeso la loro posizione: "Noi non abbiamo mai fatto pagare la stampa del Green pass agli anziani e a quanti sono realmente in difficoltà", dice Lisa Carmignoto, la titolare della farmacia. Come sia riuscita a determinare "chi è realmente in difficoltà" non è chiaro, considerato che il green pass è un diritto di tutti i cittadini e che non è compito degli esercenti delle farmacie sindacare sulle motivazioni per cui qualcuno, legittimamente, possa richiederlo.

"Abbiamo invece applicato la tariffa di 4 euro a quanti si rivolgono a noi per semplice pigrizia. - continua Carmignoto senza vergogna - Lo abbiamo fatto per dissuadere altri da questo comportamento, dal momento che si sono presentate persone che sanno benissimo usare da sole il telefonino, scaricarsi la app e stampare il certificato. Noi non siamo una copisteria. Anzi, abbiamo anche insegnato a molti come fare a scaricarselo da soli". Sarebbe interessante capire come si misura la pigrizia, ma, per il momento, resta solo la rabbia per l'ennesimo caso di mancata sensibilità per una restrizione che non fa altro che causare problemi evitabili.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x